Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Aborto spontaneo: quello che devi sapere

Un aborto è definito come la perdita spontanea di un feto prima che sia praticabile, che negli Stati Uniti è la ventesima settimana di gravidanza. Il termine medico per aborto spontaneo è “aborto spontaneo”.

L’aborto spontaneo è una delle complicanze più comuni associate all’inizio della gravidanza. Purtroppo, circa un quarto di tutte le gravidanze si traduce in aborto spontaneo.

La maggior parte degli aborti si verificano durante i primi mesi di gravidanza. Si stima che l’85% degli aborti avvenga prima della settimana 12. Una donna può avere un aborto prima che lei sappia di essere incinta.

Sebbene l’aborto sia relativamente comune, può essere un’esperienza estremamente traumatica e devastante.

Segnali di avvertimento

donna con crampi allo stomaco

Il segno principale di aborto è la presenza di perdite vaginali o sanguinamento, che possono variare da lieve scarico brunastro a sanguinamento molto pesante.

Altri sintomi includono:

  • crampi e dolori all’addome
  • mal di schiena da lieve a severo
  • perdita di peso
  • scarico del fluido dalla vagina
  • tessuto o scarico coagulato dalla vagina
  • sentendosi debole o leggero
  • contrazioni

Se sei incinta e manifesti uno di questi sintomi, contatta immediatamente il medico, l’ostetrica o la clinica prenatale.

Gravidanza ectopica e aborto spontaneo

Una gravidanza ectopica si verifica quando l’ovulo fecondato si deposita all’esterno del rivestimento interno dell’utero, anziché all’interno.

Circa l’1-2% di tutte le gravidanze sono ectopiche. Se non vengono curati, possono essere fatali a causa di sanguinamento interno e il rischio di perdere il bambino aumenta.

I sintomi di una gravidanza extrauterina sono:

Dolore alla spalla – dove finisce la spalla e inizia il braccio; questo è più evidente quando la donna è sdraiata; anche:

  • forte dolore addominale
  • sentirsi testa leggera
  • vertigini

tipi

Ci sono una varietà di termini che i medici usano quando discutono di aborto spontaneo, questi includono:

Aborto minacciato: alcuni sanguinamento all’inizio della gravidanza con mal di schiena inferiore. Cervice rimane chiuso. In questo caso, la gravidanza continua.

Aborto spontaneo inevitabile o incompleto: dolore addominale o alla schiena, sanguinamento e cervice aperto. Se la cervice è aperta, l’aborto è considerato inevitabile.

Aborto spontaneo completo: l’embrione si svuota dall’utero. Sanguinamento e dolore diminuiscono rapidamente.

Aborto fallito: l’embrione è morto, ma non ci sono altri sintomi, come sanguinamento o dolore.

Aborto spontaneo ricorrente: questo è definito come tre o più aborti spontanei durante il primo trimestre.

Trattamento

Lo scopo del trattamento a seguito o durante un aborto è di prevenire l’emorragia (sanguinamento) e l’infezione. Normalmente, il corpo espelle il tessuto fetale da solo, specialmente prima della gravidanza. Tuttavia, in caso contrario, un medico può eseguire una dilatazione e il curettage (D e C).

Durante un D e C, un medico apre la cervice e inserisce uno strumento sottile nell’utero per rimuovere il tessuto. Dopo la procedura, i farmaci possono essere prescritti per controllare il sanguinamento.

Le cause

L’aborto spontaneo può accadere per una serie di motivi.

Problemi di placenta: se la placenta si sviluppa in modo anomalo, il flusso di sangue dalla madre al bambino viene interrotto.

Problemi cromosomici: a volte, un feto può ricevere il numero sbagliato di cromosomi, causando uno sviluppo anormale del feto. Gli aborti che si verificano durante il primo trimestre sono principalmente legati alle anomalie cromosomiche nel bambino.

Anomalie della struttura dell’utero: gli uteri con forme anomale e lo sviluppo di fibroidi (escrescenze non cancerose) nell’utero possono mettere a rischio un feto in via di sviluppo.

Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS): si verifica quando le ovaie sono troppo grandi, causando uno squilibrio ormonale.

Cervice indebolita: la cervice è il collo dell’utero. Quando i muscoli della cervice sono deboli, possono aprirsi troppo presto durante la gravidanza, con conseguente aborto.

Fattori di stile di vita: abitudini come fumare, bere alcolici o usare droghe illegali possono portare ad aborto spontaneo.

Condizioni di salute sottostanti

Illustrazione del rene

Le condizioni di salute sottostanti tra le donne incinte associate ad aborto spontaneo includono:

  • alta pressione sanguigna
  • celiachia
  • diabete
  • malattie renali
  • lupus
  • problemi alla ghiandola tiroidea
  • HIV
  • malaria
  • rosolia
  • clamidia
  • sifilide
  • gonorrea

Essere sovrappeso o sottopeso

È noto che l’obesità aumenta il rischio di primi e successivi aborti.

Anche le donne con un basso indice di massa corporea prima della gravidanza hanno un rischio maggiore di aborto spontaneo. La ricerca ha pubblicato che le donne sottopeso avevano il 72% di probabilità in più di subire un aborto spontaneo durante i primi 3 mesi di gravidanza, rispetto alle donne il cui peso era sano.

Sii consapevole dei farmaci attuali

È fondamentale verificare con un medico quali farmaci siano sicuri da assumere durante la gravidanza. Le medicine che dovrebbero essere evitate (se possibile) durante la gravidanza includono:

  • retinoidi
  • farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)
  • metotressato
  • misoprostol
  • antidepressivi

Limitare la caffeina

Una meta-analisi pubblicata nei dati combinati di 60 studi e conclusa:

“Un maggiore apporto di caffeina è associato ad un aumento di aborti spontanei, natimortalità, basso peso alla nascita e SGA, ma non di parto prematuro”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) consiglia che le donne che consumano più di 300 milligrammi (mg) di caffeina al giorno dovrebbero ridurre il loro apporto.

Miti dell’aborto

Ci sono molte idee sbagliate riguardo l’aborto spontaneo. Molte persone credono che fare sesso e / o esercizio fisico possa portare a un aborto spontaneo, ma non ci sono prove che lo suggeriscano. Tuttavia, alcuni tipi di esercizio non sarebbero adatti per una donna che è incinta di 8 mesi. Se sei incinta, chiedi al tuo medico quali sono gli esercizi appropriati.

In molti casi, un aborto spontaneo non ha causa apparente.

Diagnosi

I test utilizzati per diagnosticare l’aborto spontaneo sono:

Scansioni ad ultrasuoni: gli ultrasuoni transvaginali prevedono l’inserimento di una piccola sonda nella vagina per verificare il battito cardiaco del feto. Alcune donne possono scegliere di sottoporsi a un’ulteriore ecografia addominale, invece di evitare il disagio.

Esami del sangue: sono utili perché possono determinare se i livelli di gonadotropina corionica beta-umana (hCG) e progesterone sono normali – entrambi questi ormoni sono associati ad una gravidanza sana.

Esami pelvici: determinano se la cervice si è diradata o aperta.

Prevenzione

Alcune semplici modifiche allo stile di vita possono ridurre il rischio di aborto spontaneo:

  • Evitare di fumare, bere alcolici e usare droghe illecite durante la gravidanza.
  • Mangia una dieta salutare.
  • Mantenere un peso sano prima e durante la gravidanza.
  • Fai attenzione a evitare alcune infezioni, come il morbillo tedesco (rosolia).
Like this post? Please share to your friends: