Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Le “persone sensibili” mostrano un’attività intensificata nelle regioni del cervello correlate all’empatia

Gli psicologi della Stony Brook University, NY, suggeriscono che circa il 20% della popolazione è geneticamente predisposto ad essere più consapevole ed empatico. Ora, in un nuovo studio, esplorano quali regioni del cervello sono implicate in questo. Pubblicano i loro risultati sul diario.

Elaine Aron di Stony Brook, PhD, sostiene che circa il 20% della popolazione sono “persone altamente sensibili” (HSP), che mostrano una maggiore consapevolezza degli stimoli sottili – positivi o negativi – e informazioni sui processi più approfondite.

Per indagare se questi tratti possono essere associati a comportamenti identificabili, geni, reazioni fisiologiche e modelli dell’attività cerebrale, il dottor Aron e il co-autore Dr. Arthur Aron, hanno usato la risonanza magnetica funzionale (fMRI) per esaminare le scansioni cerebrali di individui HSP.

Il team ha analizzato il cervello di 18 individui sposati poiché a questi partecipanti sono state mostrate fotografie di facce sorridenti o tristi. I volti appartenevano a persone estranee ai sudditi, o erano i volti dei loro mariti o mogli.

I due Dr. Arons descrivono i risultati della squadra:

“Abbiamo scoperto che le aree del cervello coinvolte con consapevolezza ed emozione, in particolare quelle aree collegate a sentimenti empatici, nelle persone altamente sensibili hanno mostrato un flusso sanguigno sostanzialmente maggiore nelle aree del cervello rispetto a quanto osservato negli individui con bassa sensibilità durante il periodo di 12 secondi quando hanno visto le foto. “

“Questa è la prova fisica all’interno del cervello che gli individui altamente sensibili rispondono in modo particolarmente forte alle situazioni sociali che innescano le emozioni, in questo caso di volti felici o tristi”, aggiungono.

Aumento dell’attività nelle regioni cerebrali legate alla consapevolezza e all’empatia

Quando i partecipanti che sono stati classificati dai ricercatori come HSP hanno visto una foto del loro coniuge, hanno esibito un’attività cerebrale ancora più elevata – con la più alta attivazione di tutti quando un partecipante ha visto le immagini del proprio coniuge sorridenti.

scansione fMRI del cervello HSP

I ricercatori hanno scoperto che le regioni del cervello che esibiscono la maggiore attività erano quelle associate alla consapevolezza, all’elaborazione delle informazioni sensoriali, alla pianificazione dell’azione e alla risposta empatica – molte delle quali sono implicate nel “sistema dei neuroni specchio”.

Un anno dopo, la maggior parte dei soggetti è stata nuovamente scansionata e i ricercatori hanno osservato reazioni identiche al test precedente.

Secondo i ricercatori, i risultati del fMRI confermano che non solo gli HSP sono altamente sintonizzati sul loro ambiente, ma anche questi tratti di consapevolezza e sensibilità emotiva sono intrinseci a questo gruppo di umani.

All’inizio di quest’anno, ha riportato uno studio pubblicato sulla rivista, in cui i ricercatori hanno utilizzato la risonanza magnetica per indagare se testimoniare una persona cara in difficoltà o sperimentare l’esclusione sociale ci fa sentire dolore fisico.

I ricercatori hanno scoperto che sia sperimentare “il dolore sociale” in noi stessi e testimoniarlo in altri attiva la corteccia insulare posteriore – la regione del cervello legata all’elaborazione sensoriale del dolore fisico.

L’autrice Giorgia Silani ha spiegato i risultati dello studio:

“Le nostre scoperte forniscono supporto al modello teorico di empatia che spiega il coinvolgimento nelle emozioni delle altre persone dal fatto che la nostra rappresentazione si basa sulla rappresentazione della nostra esperienza emotiva in condizioni simili”.

Inoltre, a marzo, uno studio pubblicato ha scoperto che il fenomeno dello “sbadiglio contagioso” non è in realtà collegato all’empatia, come si pensava in precedenza.

Like this post? Please share to your friends: