Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Lo studio del microbioma “più grande” pesa sulla nostra salute dell’intestino

I primi risultati del più grande studio che abbia mai studiato il microbioma umano sono in. Hanno importanti implicazioni per le nostre pratiche dietetiche, resistenza agli antibiotici e alla nostra salute mentale.

donna con verdure in bilico davanti alla sua pancia

Nel 2012, Rob Knight, Ph.D., dell’Università della California (UC), San Diego, Jeff Leach, Ph.D., il fondatore del Human Food Project, e Jack Gilbert, Ph.D., che è il direttore della facoltà del Microbiome Center dell’Università di Chicago, nell’Illinois, si mise a fondare l’American Gut Project.

Lo scopo del progetto era quello di imparare di più sul microbioma umano – cioè sulla collezione di geni che codifica tutti i nostri microbi.

Nello specifico, i ricercatori hanno voluto sapere quanti tipi di batteri vivono nel nostro corpo e dove, e in che modo la nostra dieta e il nostro stile di vita influenzano la composizione di questi microbi.

A tal fine, hanno utilizzato la cosiddetta citizen science: la pratica in cui il pubblico contribuisce alla ricerca offrendo il proprio tempo e i propri dati personali per l’analisi.

I primi risultati del progetto sono ora disponibili e offrono indizi su ciò che mantiene sano e batterico il nostro coraggio. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista.

Gli scienziati dei cittadini aiutano a studiare il microbioma

Come parte del progetto, i partecipanti hanno pagato $ 99 per un kit che ha raccolto campioni di batteri fecali, orali e cutanei.

Dovevano anche rispondere a un sondaggio per informarsi sulla loro salute generale e sulle eventuali malattie che potevano aver avuto, sul loro stile di vita e sulle pratiche dietetiche.

Nel 2015, il progetto ha contato 15.096 campioni forniti da 11.336 persone negli Stati Uniti, nel Regno Unito, in Australia e in altri 42 paesi.

I ricercatori hanno quindi utilizzato il sequenziamento genomico per analizzare un marcatore genetico chiamato rrNA 16S, una molecola unica per i batteri.

Hanno anche studiato l’insieme dei metaboliti nei campioni, al fine di analizzare altre molecole e composti chimici che potrebbero essere presenti.

Infine, gli scienziati hanno usato un metodo chiamato shotgun metagenomics – che è un metodo innovativo e potente per il sequenziamento del DNA – per analizzare in modo completo i dati genetici.

L’importanza di una dieta diversa a base di piante

In primo luogo, i risultati suggeriscono che una dieta a base vegetale più diversificata rende l’intestino più batterico.

In particolare, chi ha consumato più di 30 diversi tipi di piante ogni settimana ha avuto microbiomi molto più diversi rispetto a quelli che hanno consumato solo 10 o meno tipi di piante settimanali.

Tuttavia, i ricercatori osservano che questi risultati non significano necessariamente che aumentare la diversità microbica è una cosa positiva per la salute di qualcuno.

In secondo luogo, i partecipanti che hanno riferito di aver mangiato più di 30 tipi di piante a settimana sembravano avere una minore resistenza agli antibiotici.

I ricercatori hanno trovato meno geni che indicano resistenza agli antibiotici nei campioni fecali di queste persone – cioè meno geni che aiutano i batteri a sfuggire ai farmaci.

Mentre lo studio è puramente osservativo e non è in grado di concludere nulla sulla causalità, gli autori ipotizzano che le persone la cui dieta contenga un minor numero di piante possa compensare mangiando carne – che potrebbe essere stata trattata con antibiotici – o alimenti trasformati che hanno aggiunto antibiotici a loro .

Batteri intestinali e salute mentale

Infine, lo studio ha rivelato interessanti connessioni tra la composizione del batterio dell’intestino e la malattia mentale.

Coloro che hanno riportato di vivere con disturbo da stress post-traumatico (PTSD), schizofrenia, depressione o disturbo bipolare sono stati confrontati con controlli sani che erano stati confrontati per età, sesso e indice di massa corporea (BMI).

I risultati hanno dimostrato che le persone che hanno segnalato problemi di salute mentale avevano più batteri in comune con altre persone che hanno riportato problemi simili a quelli che avevano con i controlli.

Questa associazione era forte indipendentemente dal sesso, dall’età o dalla posizione geografica. Inoltre, la ricerca suggerisce che alcuni tipi di batteri possono essere più diffusi nelle persone che vivono con la depressione.

Questi risultati rafforzano il legame tra salute mentale e batteri intestinali da ricerche precedenti.

Ad esempio, uno studio recente ha evidenziato una connessione tra l’ansia e l’assenza di alcuni microbi intestinali sani. Un altro ha scoperto che alcuni batteri sono alterati nelle persone con PTSD.

Verso un “microbioma GPS”

Daniel McDonald, Ph.D., il direttore scientifico dell’American Gut Project della UC of San Diego School of Medicine, pesa sul significato dei risultati. Lui dice:

“Abbiamo osservato una diversità microbica molto maggiore rispetto ai precedenti studi minori, e questo suggerisce che se guardiamo più popolazioni, vedremo più diversità, che è importante per definire i confini del microbioma umano”.

Il cavaliere ha un sentimento simile, dicendo: “Il microbioma umano è complesso, ma più campioni otteniamo, più presto saremo in grado di svelare i molti modi in cui il microbioma è associato a vari stati di salute e malattia”.

“L’American Gut Project è dinamico, con campioni provenienti da tutto il mondo ogni giorno”, aggiunge Knight.

“L’analisi presentata in questo articolo rappresenta una singola istantanea, ma alla fine vogliamo andare oltre la creazione di mappe del microbioma per realizzare un GPS microbiotico che ti dice non solo dove ti trovi su quella mappa, ma dove vuoi andare e cosa fare fare per arrivare in termini di dieta, stile di vita o farmaci “.

Rob Knight, Ph.D.

Like this post? Please share to your friends: