Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Virus Zika: la cura si avvicina allo studio di mappatura delle proteine

Attualmente non esiste alcun vaccino o medicinale contro Zika – un virus trasmesso dalle zanzare che causa malformazioni congenite e, nel suo recente focolaio, ha infettato più di 1 milione di persone nelle Americhe e nei Caraibi. Ora, mappando una proteina che aiuta il virus Zika a replicarsi e diffondersi, i ricercatori fanno un passo significativo verso una cura.

Proteina Zika

Uno studio incentrato sulla mappatura della struttura proteica – condotto dall’Università dell’Indiana (IU) a Bloomington in collaborazione con la Texas A & M University nella College Station – è pubblicato sulla rivista.

Anche se più comunemente si diffondono attraverso i morsi delle zanzare Aedes, il virus Zika può diffondersi anche attraverso l’attività sessuale. I sintomi dell’infezione durano da 2 a 7 giorni e comprendono lieve febbre, eruzione cutanea, infiammazione oculare (congiuntivite), mal di testa e dolori muscolari e articolari.

I sintomi dell’infezione da virus Zika sono spesso così lievi che la gente li nota a malapena.

Il virus Zika appartiene al genere, che comprende i virus che causano la febbre gialla, il virus del Nilo occidentale, la febbre dengue, l’encefalite giapponese, l’epatite C e altre malattie significative nell’uomo. Fu identificato per la prima volta nelle scimmie in Uganda nel 1947.

Gli scienziati ora concordano sul fatto che il virus Zika possa causare microcefalia nei bambini nati da donne infette durante la gravidanza. Sono anche d’accordo che causa la sindrome di Guillain-Barré, una malattia autoimmune rara e grave.

Le malattie tropicali si stanno spostando in nuove parti del globo

Nell’epidemia recente, il virus Zika si è diffuso attraverso le Americhe, con oltre 1 milione di casi segnalati nell’ultimo aggiornamento dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e della Pan American Health Organization. Questi includono casi di virus locale Zika diffusi dalle zanzare diffusi in Texas e in Florida negli Stati Uniti continentali.

Al momento, non esiste alcun vaccino o farmaco contro l’infezione da Zika, quindi attualmente il modo migliore per prevenire l’infezione è evitare le punture di zanzara e praticare il sesso sicuro.

Cheng Kao, professore nel Dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare dell’UI e uno degli investigatori senior del nuovo studio, afferma:

“Dobbiamo fare tutto il possibile per trovare farmaci efficaci contro il virus Zika, in quanto i cambiamenti nei viaggi e nel clima hanno causato il passaggio di altre malattie tropicali in nuove parti del globo”.

Il Prof. Kao ha passato gli ultimi 15 anni a studiare il virus che causa il virus dell’epatite C e ha anche lavorato sull’HIV, il virus che causa l’AIDS. Dice che questa esperienza ha contribuito ad aumentare la comprensione su come combattere Zika.

I farmaci flavivirus noti sono i primi candidati per lo screening

Nel loro nuovo documento, il Prof. Kao ei suoi colleghi riportano come hanno mappato un’importante proteina nel virus Zika – chiamata proteina nonstructural 5 (NS5) – che la aiuta a replicare e diffondersi.

NS5 contiene due enzimi: uno che riduce la risposta immunitaria del corpo e un altro che attiva la replicazione del virus Zika.

I ricercatori hanno determinato la struttura cristallina di NS5 e anche delle sezioni relative agli enzimi.

Lo studio ha anche scoperto che la struttura di NS5 di Zika presenta alcune “somiglianze sorprendenti con la proteina NS5 del relativo virus dell’encefalite giapponese”. Hanno anche trovato ulteriori somiglianze con le proteine ​​di altri flavivirus.

La tecnologia utilizzata per mappare la struttura delle proteine ​​è attualmente oggetto di una domanda di brevetto.

Il Prof. Kao e il suo team stanno già collaborando con i partner industriali per lo screening di composti che mirano alla proteina NS5 nel virus Zika. Ritengono che i farmaci già approvati per il trattamento dell’epatite C e altri in fase di sviluppo per il trattamento di altri flavivirus, offrano i primi candidati per lo screening.

“La mappatura di questa proteina ci fornisce la possibilità di riprodurre una parte chiave del virus Zika in un laboratorio, il che significa che possiamo analizzare rapidamente i farmaci esistenti e altri composti che possono interferire con la diffusione del virus. quasi certamente coinvolgerà questa proteina. “

Prof. Cheng Kao

Scopri un altro potente strumento che dovrebbe essere utile per il vaccino Zika e lo sviluppo antivirale.

Like this post? Please share to your friends: