Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

ADHD per adulti: quello che devi sapere

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è una condizione medica che rende difficile prestare attenzione, rimanere organizzati e ascoltare. Vivere con la condizione può influenzare le relazioni, le attività educative e le carriere.

L’ADHD è più comune durante l’infanzia, ma circa il 4% degli adulti americani presenta anche sintomi ogni anno. Nonostante questo, meno del 20% degli adulti con ADHD ottiene il trattamento di cui hanno bisogno.

Conoscere i sintomi può aiutare gli adulti con il trattamento di accesso ADHD e gestire efficacemente le loro condizioni.

Cos’è l’ADHD?

L'ADHD di word è evidenziato.

L’ADHD rende difficile mettere a fuoco, ascoltare, stare fermi e organizzarsi. Le persone con ADHD lottano con il controllo degli impulsi e la motivazione e possono sentire il bisogno di essere costantemente impegnate.

Quelli con ADHD possono avere problemi di relazione a causa di queste sfide. Difficoltà a mettere a fuoco, ad esempio, può rendere difficile ascoltare qualcun altro.

Qualcuno con ADHD spesso ha problemi con la struttura a scuola e può avere un rischio maggiore di non completare la scuola superiore. Questi problemi, insieme alle difficoltà organizzative e di gestione del tempo, possono minare le loro prospettive di carriera.

Gli adulti con ADHD sono anche più vulnerabili alle condizioni di salute mentale, tra cui depressione e disturbo d’ansia.

I ricercatori stanno ancora determinando le cause dell’ADHD, che possono includere la genetica, le prime esperienze e i fattori dello stile di vita.

Uno studio del 2017 ha identificato diverse parti del cervello che si comportano in modo diverso nelle persone con ADHD. Queste erano le regioni associate alla memoria, alla regolazione delle emozioni, alla motivazione e al processo decisionale.

Altre ricerche hanno trovato differenze nella chimica del cervello delle persone con ADHD, tra cui la dopamina del neurotrasmettitore, che è legata ai sentimenti di ricompensa e motivazione.

ADHD dell’adulto contro l’infanzia

Studente che lotta per concentrarsi in classe.

Gli adulti alla ricerca di informazioni sull’ADHD spesso trovano un elenco di sintomi più rilevanti per i bambini, come la difficoltà a prestare attenzione durante le lezioni, i problemi a scuola, l’assenza di compiti a casa e il conseguimento di voti bassi.

Un’aula è il punto focale della maggior parte delle vite dei bambini, rendendo l’ADHD più facile da rilevare durante l’infanzia. Gli adulti hanno più controllo sulle loro situazioni quotidiane e possono scegliere carriere che nascondono i sintomi dell’ADHD. Un ufficiale di polizia di pattuglia, per esempio, può essere lodato per essere stato attivo piuttosto che rimproverato per non poter stare fermo.

Quando la carriera di una persona è influenzata negativamente dall’ADHD, possono essere caratterizzati da altri come inattivi, disattenti o irresponsabili, piuttosto che come fronteggiare una condizione medica inevitabile.

I bambini con ADHD possono avere difficoltà a rimanere seduti, spesso interrompendo gli altri o fare commenti inappropriati, mentre gli adulti con ADHD potrebbero aver sviluppato meccanismi di coping per evitare questi errori. Ma una persona può essere lasciata esausta e sopraffatta dallo sforzo di contenere questi impulsi.

Sintomi

I sintomi dell’adulto ADHD includono:

  • difficoltà a prestare attenzione ai dettagli
  • spesso commettendo errori
  • difficoltà di concentrazione, in particolare per un periodo prolungato
  • difficoltà nell’ascoltare o nel seguire una storia
  • non riuscendo a seguire promesse o progetti
  • frequentemente mancano le scadenze
  • difficoltà con l’organizzazione e la pulizia
  • non gradire o evitare attività che richiedono una concentrazione costante
  • spesso perdere o dimenticare le cose
  • essere facilmente distratto da improvvise interruzioni
  • manca di motivazione
  • spesso irrequieto
  • spesso sentirsi irrequieti
  • dover essere in costante movimento
  • essere facilmente annoiato
  • parlando eccessivamente
  • interruzione o sfocatura delle risposte alle domande
  • avere difficoltà ad aspettare

Questi sintomi possono portare ad altri problemi, tra cui:

  • Ansia dovuta a mancati termini o difficoltà a scuola, al lavoro o nelle relazioni.
  • Depressione e bassa autostima a causa delle difficoltà di concentrazione, completamento di progetti o successo al lavoro o alla scuola.
  • Conflitto nelle relazioni a causa di difficoltà nell’ascolto, nel ricordare dettagli importanti o nel seguire le promesse.

Diagnosi e trattamento

Donna con terapeuta

Nessun test può oggettivamente determinare se qualcuno ha l’ADHD. Invece, un medico o un consulente di salute mentale formulerà una diagnosi basata sui sintomi di una persona.

Come parte del processo diagnostico, un medico deve escludere altre potenziali cause dei sintomi di qualcuno, come un consumo eccessivo di caffeina, una lesione cerebrale, abuso di sostanze o un’altra condizione di salute mentale.

Alcuni operatori sanitari utilizzano test computerizzati per misurare i sintomi dell’ADHD. Per gli adulti che si sentono a disagio a discutere i loro sintomi, queste valutazioni possono essere utili per la diagnosi. L’Organizzazione mondiale della sanità ha creato uno strumento di valutazione appositamente progettato per l’ADHD per adulti, disponibile online.

Il trattamento per l’ADHD è di solito una combinazione di cambiamenti dello stile di vita, farmaci e terapia. È possibile vedere miglioramenti con una singola strategia, come i farmaci, ma in genere si consiglia una combinazione di trattamenti.

medicazione

I farmaci più popolari per l’ADHD per adulti sono stimolanti, come il metilfenidato e le anfetamine. Questi farmaci possono calmare il comportamento iperattivo, migliorare l’attenzione e aiutare le persone con ADHD a prestare attenzione più a lungo.

Alcuni altri farmaci non stimolanti, come l’atomoxetina, possono anche aiutare. Hanno anche un minor rischio di effetti collaterali e abuso rispetto agli stimolanti.

Le persone con ADHD dovrebbero discutere il loro stile di vita e la salute generale con un medico, in quanto gli stimolanti possono causare problemi cardiovascolari o complicare quelli esistenti. Le persone dovrebbero anche segnalare eventuali effetti collaterali aggiuntivi e non assumere mai più del dosaggio prescritto.

Terapia

La psicoterapia può aiutare gli adulti con ADHD ad affrontare le sfide della condizione.I terapeuti possono raccomandare cambiamenti nello stile di vita, affrontare abitudini e pensieri negativi e assistere con depressione, ansia e altre condizioni di salute mentale che possono accompagnare l’ADHD.

Alcune persone con ADHD possono beneficiare di consulenza congiunta con familiari o partner romantici. Questa terapia può migliorare i problemi di relazione, aiutare le persone con ADHD a discutere i conflitti in modo più efficace e può aiutare un partner o un familiare a comprendere le sfide dell’ADHD.

Consigli sullo stile di vita

L’ADHD è una condizione medica, quindi i cambiamenti dello stile di vita da soli non sono una cura. Tuttavia, alcune modifiche possono rendere i sintomi più facili da gestire.

Le strategie che possono aiutare includono:

  • esercitarsi regolarmente
  • limitando la caffeina e gli alimenti ricchi di zuccheri
  • usando un pianificatore quotidiano
  • abitudini organizzative, come mettere sempre le chiavi nello stesso posto
  • dormire abbastanza
  • limitando le distrazioni, come i social media e la televisione, quando si lavora
  • richiedere considerazioni per i sintomi correlati all’ADHD

Parlare con colleghi, familiari e amici delle sfide dell’ADHD può aiutare le persone a ridurre la frequenza e la gravità dei loro sintomi. Richiedere particolari considerazioni, come, un’interruzione nel mezzo di una lunga riunione può aiutare a combattere la disattenzione e l’irrequietezza.

Like this post? Please share to your friends: