Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Afinitor (Everolimus) prolunga il tempo libero di sopravvivenza della progressione avanzata dei pazienti con cancro al seno

Afinitor (evelolimus), un farmaco per il cancro al rene di Novartis, quando combinato con terapia ormonale ha raddoppiato la sopravvivenza libera da progressione del cancro del seno e ridotto il rischio di progressione del cancro del 57% rispetto all’exemestane da solo, i ricercatori hanno rivelato durante un Simposio presidenziale al 2011 European Multidisciplinary Congresso sul cancro a Stoccolma, Svezia.

Hervé Hoppenot, presidente di Novartis Oncology, ha dichiarato:

“Everolimus è il primo farmaco a mostrare un’efficacia significativa quando combinato con la terapia ormonale nelle donne con tumore al seno avanzato ER + HER2, dove continua ad esserci un bisogno critico insoddisfatto: l’entità dei benefici osservati in questi pazienti, nonostante la loro resistenza ai precedenti terapie ormonali, mostra everolimus rappresenta un potenziale nuovo approccio terapeutico importante “.
Gli studi sull’uomo, denominati BOLERO-2, hanno confrontato la sicurezza e l’efficacia di everolimus quando somministrati insieme a exemestane, rispetto all’exemestane da solo nelle donne in post-menopausa con carcinoma mammario avanzato ER + HER2 – il cui cancro si ripresentava o progrediva mentre erano o dopo il precedente trattamento con letrozolo o anastrazolo (terapie ormonali). BOLERO-2 è l’acronimo di Prova del cancro al seno di OraL EveROlimus-2.

BOLERO-2 era un trial multicentrico di fase 3, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. Comprendeva 724 pazienti in 189 siti in tutto il mondo. I pazienti sono stati selezionati in modo casuale per ricevere:

  • Everolimus 10 mg / die per via orale, oltre a exemestano orale 25 mg / die – 485 pazienti,. . . . o
  • Un placebo, oltre a exemestane per via orale 25 mg / die – 239 pazienti

Sopravvivenza libera da progressione (PFS) migliorata a 6,9 mesi per quelli su everolimus rispetto a 2,8 mesi per i pazienti trattati con exemestane da solo. Novartis ha aggiunto che i notevoli miglioramenti della PFS erano “coerenti in tutti i sottogruppi, incluso il numero di precedenti terapie, presenza di malattie viscerali, metastasi ossee e uso precedente della chemioterapia”.

La maggior parte delle donne con malattia metastatica non risponde correttamente alla terapia ormonale iniziale e la maggior parte di coloro che rispondono inizialmente tende a sviluppare resistenza, hanno spiegato i presentatori. L’aspettativa di vita è significativamente ridotta con il progredire della malattia.

Esiste una proteina nelle cellule tumorali chiamata mTOR che svolge un ruolo chiave nella regolazione della divisione delle cellule tumorali, la crescita dei vasi sanguigni che alimentano il tumore e il metabolismo cellulare. Tag di Everolimus mTOR. Gli esperti dicono che la resistenza alla terapia ormonale nel cancro al seno è stata collegata alla sovraattivazione della via mTOR.

I dati di BOLERO-2 saranno inviati alle agenzie di regolamentazione di tutto il mondo entro la fine di quest’anno, informa Novartis.
Circa 220.000 nuovi casi di cancro al seno avanzato ER + HER32 sono diagnosticati ogni anno in tutto il mondo.

I ricercatori stanno anche esaminando le possibilità di utilizzare everolimus per il carcinoma mammario avanzato HER2 +.

Everolimus è attualmente utilizzato in oltre 70 nazioni, compresi gli Stati Uniti e l’Unione Europea per alcuni casi specifici di carcinoma a cellule renali avanzato.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: