Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Aggiunto alla chemioterapia, questo farmaco raddoppia la sopravvivenza del cancro del polmone

Un nuovo studio suggerisce che combinare la chemioterapia con un farmaco che rafforza il sistema immunitario può aiutare le persone che hanno una forma particolarmente aggressiva di cancro ai polmoni a vivere più a lungo senza che la malattia progredisca.

giovane donna nel letto d'ospedale

La nuova sperimentazione clinica di fase III ha dimostrato che l’aggiunta del farmaco immunitario pembrolizumab alla chemioterapia ha raddoppiato la sopravvivenza in soggetti con carcinoma polmonare non a piccole cellule metastatico non-squamoso (NSCLC) e senza mutazioni nel gene del recettore del fattore di crescita epidermico (EGFR) o nella linfoma chinasi anaplastica ( ALK) gene.

I risultati del processo, che ha avuto luogo in più di una dozzina di paesi, sono ora pubblicati nel.

Lo studio è stato anche presentato alla recente riunione annuale dell’Associazione americana per la ricerca sul cancro a Chicago, Illinois.

“I dati mostrano”, spiega l’autrice principale Leena Gandhi, direttrice del programma di oncologia medica di Thoracic alla NYU Langone Health di New York, “che il trattamento con pembrolizumab e chemioterapia insieme è più efficace della sola chemioterapia”.

Il Prof. Gandhi osserva che, oltre alla chemioterapia, alcuni gruppi di pazienti NSCLC beneficiano di farmaci immunoterapici che potenziano le loro naturali difese anticancro e una terapia mirata che impedisce alle mutazioni in geni come EGFR e ALK di aiutare il cancro.

Tuttavia, da oltre 30 anni, la sola chemioterapia è stata il “trattamento standard” per coloro che hanno un NSCLC non squamoso senza geni mutati di EGFR o di ALK.

I risultati dello studio potrebbero aprire la strada a un “nuovo standard di cura” per questo gruppo, aggiunge.

Un tumore al polmone aggressivo

Il cancro al polmone è il secondo tipo di cancro più frequentemente diagnosticato e la causa principale delle morti per cancro negli Stati Uniti.

Circa l’80-85% dei tumori polmonari sono NSCLC, di cui esistono diversi sottotipi. Di questi, il NSCLC non squamoso rappresenta il 70-75% dei casi.

Nella maggior parte dei casi di NSCLC, nel momento in cui viene diagnosticata la malattia, ha già raggiunto metastasi, cioè lo stadio in cui il tumore ha invaso il tessuto vicino o si è diffuso ad altre parti del corpo.

Questa è la ragione principale per cui i tassi di sopravvivenza nel NSCLC diagnosticato sono scarsi rispetto a molti altri tumori.

Pembrolizumab combinato con la chemioterapia è già stato approvato negli Stati Uniti per trattare questo gruppo di pazienti. L’approvazione è stata concessa a seguito di una sperimentazione di fase II guidata dal Prof. Gandhi.

Le terapie combinate hanno raddoppiato i tassi di sopravvivenza

Nello studio di fase III appena segnalato, i ricercatori hanno reclutato casualmente 616 persone con NSCLC metastatico non squamoso, da 118 siti in oltre una dozzina di paesi.

Hanno assegnato in modo casuale i partecipanti – in un rapporto di 2: 1 – a ricevere pembrolizumab e la chemioterapia standard (405 partecipanti), o la chemioterapia standard e un placebo (202 partecipanti).

La chemioterapia standard consisteva in un farmaco a base di platino con “terapia di mantenimento con pemetrexed”.

Nessuno dei partecipanti era stato trattato per il loro cancro prima di unirsi allo studio, e nessuno aveva mutazioni nei loro geni EGFR o ALK, e quindi non poteva qualificarsi per una terapia mirata.

Hanno scoperto che, oltre a migliorare i tassi di risposta, i tassi di “sopravvivenza totale e libera da progressione” erano maggiori nel gruppo che riceveva la chemioterapia standard con pembrolizumab.

La probabilità di progressione o morte della malattia in coloro che hanno avuto la chemioterapia con pembrolizumab è stata del 48% inferiore rispetto a coloro che hanno ricevuto la chemioterapia con placebo.

Ciò suggerisce che l’aggiunta del farmaco immunoterapico alla chemioterapia standard a base di platino ha quasi raddoppiato la sopravvivenza globale e libera da progressione.

“L’uso di questa terapia combinata per trattare i pazienti con una malattia così aggressiva potrebbe essere un importante progresso nel mantenere i pazienti vivi e sani più a lungo”.

Prof. Leena Gandhi

Le probabilità complessive di effetti avversi erano quasi uguali in entrambi i gruppi: era del 67,2% nella chemioterapia con il gruppo pembrolizumab ed era del 65,8% nella chemioterapia con gruppo placebo.

Gli effetti avversi più comuni in entrambi i gruppi erano anemia, nausea e affaticamento. Ma c’era una maggiore possibilità di sviluppare “danno renale” nella chemioterapia con il gruppo pembrolizumab (5,2 per cento) rispetto alla chemioterapia con gruppo placebo (0,5 per cento).

Il processo è stato supportato da Merck e alcuni dipendenti della società farmaceutica sono stati coinvolti nell’analisi dei risultati, nella revisione e nella stesura del rapporto. Un’altra azienda farmaceutica, Eli Lilly, ha fornito il pemetrexed.

Like this post? Please share to your friends: