Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Aggressione maschile: il testosterone aumenta la risposta alla minaccia del cervello

Anche se è stato stabilito in precedenza che il testosterone – un ormone steroideo presente negli uomini e nelle donne – influenza l’aggressività negli uomini, un nuovo studio pubblicato suggerisce che esiste un circuito neurale nel cervello attraverso il quale il testosterone impone questi effetti.

Uomo aggressivo

I livelli di testosterone negli uomini sono stati collegati ai rischi per le malattie cardiovascolari, il Parkinson e persino l’artrite reumatoide.

E recentemente riportato su uno studio incentrato su teschi antichi che suggeriscono la svolta dei primi esseri umani nel costruire utensili 50.000 anni fa coincise con un abbassamento dei livelli di testosterone nella nostra specie.

I ricercatori di questo ultimo studio, guidati da Justin Carré della Nipissing University in Canada, affermano che studi precedenti hanno scoperto che somministrare una singola dose di testosterone nei soggetti influenzava la funzione del circuito cerebrale, sebbene questi studi fossero – sorprendentemente – effettuati nelle donne.

Per studiare gli effetti del testosterone sulla risposta alla minaccia del cervello negli uomini, la squadra ha reclutato 16 giovani volontari maschi sani. Concentrandosi sulle strutture cerebrali coinvolte nell’elaborazione delle minacce e sul comportamento aggressivo, come l’amigdala, l’ipotalamo e il grigio periacqueduttale, i ricercatori hanno completato gli uomini in 2 giorni di test durante i quali hanno ricevuto un placebo o un testosterone.

“Comprendere gli effetti del testosterone sui modelli di attività cerebrale associati alla minaccia e all’aggressione può aiutarci a capire meglio la risposta di” lotta o fuga “nei maschi che può essere rilevante per l’aggressività e l’ansia”, afferma il dott. John Krystal, direttore di.

Il testosterone ha “un profondo effetto sui circuiti cerebrali coinvolti nell’aggressione umana”

Durante i giorni di test, gli uomini hanno ricevuto un farmaco che sopprimeva il proprio testosterone in modo da garantire che tutti i partecipanti allo studio avessero livelli simili per lo studio. Come tale, tutti gli uomini che hanno ricevuto testosterone hanno ricevuto solo abbastanza per riportare i loro livelli all’intervallo normale.

Successivamente, gli uomini sono stati sottoposti a una scansione funzionale di risonanza magnetica (fMRI) mentre completavano un’attività di corrispondenza facciale.

Dopo aver analizzato i dati, i ricercatori hanno scoperto che gli uomini che avevano ricevuto testosterone avevano aumentato la reattività dell’amigdala, dell’ipotalamo e del grigio periacqueduttale osservando espressioni facciali arrabbiate, rispetto al gruppo placebo.

Commentando i loro risultati, Carré dice:

“Siamo stati in grado di mostrare per la prima volta che livelli crescenti di testosterone nel normale range fisiologico possono avere un profondo effetto sui circuiti cerebrali coinvolti nell’elaborazione delle minacce e nell’aggressione umana”.

Il team dice che la comprensione del modo in cui il testosterone colpisce il cervello maschile è importante, dal momento che il controllo o la manipolazione dei livelli di testosterone è diventato commercializzato come soluzione per ridurre la virilità negli uomini anziani.

Ma nonostante i loro risultati, Carré dice che sono necessarie ulteriori ricerche, aggiungendo:

“Il nostro attuale lavoro sta esaminando fino a che punto una singola somministrazione di testosterone influenza il comportamento aggressivo e competitivo negli uomini”.

recentemente riportato su uno studio che ha suggerito che l’intuizione femminile provenga da una minore esposizione al testosterone nel grembo materno.

Like this post? Please share to your friends: