Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Aiuti al sonno da banco collegati alla demenza

I ricercatori hanno scoperto un legame significativo tra l’uso elevato di farmaci anticolinergici – tra cui il sonno popolare senza prescrizione e l’antistaminico Benadryl (difenidramina) – e il rischio aumentato di sviluppare demenza e malattia di Alzheimer nelle persone anziane.

pillola in mano

Gli anticolinergici sono una classe di farmaci che blocca l’azione del neurotrasmettitore acetilcolina nel cervello e nel corpo.

Questo può portare a molti effetti collaterali, tra cui sonnolenza, costipazione, ritenzione di urina e bocca secca e occhi.

I ricercatori, guidati da Shelly Gray, professore alla School of Pharmacy dell’Università di Washington a Seattle, hanno riportato le loro scoperte nel gennaio 2015.

Il Prof. Gray dice:

“Gli anziani dovrebbero essere consapevoli del fatto che molti farmaci – compresi alcuni disponibili senza prescrizione medica, come gli aiuti al sonno da banco – hanno forti effetti anticolinergici”.

Le persone non dovrebbero interrompere la terapia ma parlare con il proprio medico

Il Prof. Gray esorta le persone a non interrompere la loro terapia basandosi sui risultati di questo studio: dovrebbero parlare con il loro medico, e dire loro di tutto il loro uso di farmaci da banco.

“Gli operatori sanitari dovrebbero riesaminare regolarmente i regimi terapeutici dei loro pazienti più anziani – inclusi i farmaci da banco – per cercare la possibilità di usare meno farmaci anticolinergici a dosi più basse”, dice.

Se i fornitori devono prescrivere anticolinergici ai loro pazienti perché offrono il trattamento migliore, allora “dovrebbero usare la dose efficace più bassa, monitorare la terapia regolarmente per assicurarsi che funzioni e interrompere la terapia se è inefficace”, aggiunge.

Sebbene il legame tra il rischio elevato di demenza e gli anticolinergici sia stato trovato prima, il nuovo studio usa metodi più rigorosi – inclusi oltre 7 anni di follow-up – per stabilire la lunghezza del legame. Accedendo ai registri delle farmacie, i ricercatori sono stati anche in grado di includere l’uso non prescrittivo di anticolinergici nei loro dati.

È anche il primo studio a mostrare un effetto dose-risposta, si noti agli autori. Cioè, l’alto livello della quantità di farmaco assunto, maggiore è il rischio di sviluppare la demenza.

E un altro primo per lo studio, è che mostra anche che il rischio di demenza legato a toanticholinergics può persistere a lungo dopo che le persone smettono di assumere i farmaci.

Prendendo anticolinergici per più di 3 anni legati a un più alto rischio di demenza

Per il loro studio, il Prof. Gray e colleghi hanno rintracciato quasi 3.500 uomini e donne di età compresa tra 65 e senza sintomi di demenza all’inizio dello studio. I partecipanti facevano parte dello studio Adult Changesin Thought (ACT) in Group Health, un sistema integrato di assistenza sanitaria a Seattle.

Per valutare la quantità di esposizione che i partecipanti hanno avuto ai farmaci anticolinergici, i ricercatori hanno utilizzato i record informatici delle farmacie che li hanno dispensati.

Dai dati della farmacia hanno sommato tutte le dosi giornaliere standard e calcolato l’esposizione cumulativa e colinergica per ciascun partecipante negli ultimi 10 anni. Questo è stato aggiornato mentre i partecipanti sono stati seguiti per una media di 7 anni.

Durante il periodo dello studio, circa 800 partecipanti hanno sviluppato demenza.

I risultati hanno mostrato che i farmaci più comunemente utilizzati erano antidepressivi triciclici (ad esempio, doxepina o Sinequan), antistaminici di prima generazione (clorfeniramina, Chlor-Trimeton) e antimuscarinici per il controllo della vescica (ossibutinina, Ditropan).

I ricercatori hanno stimato che le persone che assumono almeno 10 mg al giorno di doxepina, 4 mg al giorno di clorofenamina o 5 mg al giorno di ossibutinina per più di 3 anni sarebbero a maggior rischio di sviluppare la demenza.

Il Prof. Gray ha anche riferito i rischi dose associati a Benadryl: “La dose di difenidramina che corrisponderebbe al gruppo a più alto rischio sta assumendo l’equivalente di 50 mg al giorno per più di 3 anni – o 25 mg al giorno per più di 6 anni di durata. “

Il Prof. Gray dice che ci sono farmaci non anticolinergici alternativi per doxepina e clorfeniramina. Ad esempio, per trattare la depressione ci sono l’inibitore selettivo della ricaptazione della serotonina (SSRI), likecitalopram (Celexa) o fluoxetina (Prozac). E ci sono antistaminici di seconda generazione likeloratadine (Claritin) per le allergie.

Tuttavia, anche se non ci sono molte alternative all’ossibutinina per aumentare il controllo della vescica, le modifiche comportamentali possono essere un’opzione.

Alcuni dei partecipanti all’ACT hanno accettato di farsi autopsia il cervello dopo la morte. Questo potrebbe rivelare se assumere farmaci anticolinergici è più probabile che porti a cambiamenti cerebrali che sono caratteristici delle persone che sviluppano la malattia di Alzheimer.

I fondi per lo studio provenivano dal National Institute on Aging del NIH e dalla BrantaFoundation.

Nel frattempo, di recente ho appreso come un team di scienziati e ingegneri sta sviluppando un metodo di risonanza magnetica per il rilevamento precoce non invasivo della malattia di Alzheimer. Hanno finora dimostrato che funziona negli animali. Il nuovo metodo di imaging del cervello rileva la tossina che porta alla malattia di Alzheimer prima che compaiano i sintomi tipici.

Like this post? Please share to your friends: