Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Alcuni umani si sono evoluti in tritoni della vita reale?

Per secoli abbiamo sognato l’esistenza di sirene e tritoni, o persone del mare che respirano sott’acqua. E se questi esseri non fossero, in effetti, creature mitiche, ma persone reali? Forse non hanno ancora evoluto le branchie, ma i loro corpi si sono adattati per supportare i loro frequenti freedives.

apneista sotto l'acqua

Recentemente, i video e gli articoli che mostrano persone che indossano code simili a pesci e si guadagnano da vivere fingendosi dei tritoni sono diventati estremamente popolari online.

Spesso lavorano come intrattenitori o attivisti, promuovendo la conservazione degli ambienti sottomarini naturali.

Sono anche, più spesso, subacquei professionisti che riconoscono le molte difficoltà che derivano dalla passione per essere sott’acqua – come trattenere il respiro il più a lungo possibile.

Trattenere il respiro può essere pericoloso, perché diventi privo di ossigeno che – trasportato dal flusso sanguigno verso tutte le estremità del tuo corpo – “nutre” i tuoi organi e li aiuta a rimanere vivi e funzionali.

Normalmente, non possiamo trattenere il respiro per più di qualche secondo, anche se gli apneisti professionisti – che passano anni ad allenare i loro corpi per abituarsi a stare sott’acqua più a lungo – possono trattenere il respiro per circa 3 minuti.

In tutto il mondo ci sono piccole popolazioni che, per molte generazioni, si sono guadagnate da vivere in apnea. In Giappone, ad esempio, i sommozzatori sono donne che si immergono alla ricerca di ostriche e frutti di mare.

La loro tradizione sta lentamente scomparendo. Tuttavia, nelle isole del sud-est asiatico, alcune popolazioni – in particolare, il popolo Bajau – sono conosciute come “nomadi del mare”. Molti di loro praticano ancora il loro stile di vita in apnea, che fornisce loro anche il loro sostentamento giorno per giorno.

Il Bajau si libera per il cibo ogni giorno a profondità vertiginose di oltre 70 metri – cacciando pesci e polipi, o raccogliendo cetrioli di mare – e trascorrono il 60 percento dei giorni di lavoro sott’acqua.

Quindi, come possono queste persone persistere in questa ricerca per generazioni? E la loro apnea in qualche modo ha influenzato il modo in cui funzionano i loro corpi?

Melissa Ilardo – ex studentessa di dottorato all’Università di Copenhagen in Danimarca e ora ricercatrice post-dottorato presso l’Università dello Utah a Salt Lake City – è stata affascinata dallo stile di vita nomade del mare dei Bajau e aveva una teoria.

Forse i corpi del Bajau si erano evoluti nel corso di generazioni per soddisfare le loro esigenze di apnea.

‘La cosa più vicina al Bajau – lontre marine’

Le evoluzioni corporee adattive tra persone che hanno vissuto per generazioni in condizioni insolite non sono certamente sconosciute. Ad esempio, uno studio del 2014 ha concluso che i tibetani si sono adattati a vivere a quote altissime di ossigeno, grazie a una particolare mutazione genetica.

Tuttavia, Ilardo ha considerato i potenziali adattamenti del Bajau attraverso un obiettivo leggermente diverso. Pensò ai mammiferi che si tuffavano in profondità, come le foche e le lontre, che hanno una milza più grande che consente loro di immagazzinare un numero più alto di cellule del sangue rispetto ad altri mammiferi.

Attraverso una contrazione riflessiva della milza, questi animali da immersione profonda aumentano il loro numero di globuli rossi mentre sono sott’acqua, aumentando così anche i loro livelli di ossigeno nel sangue.

E il paragone tra il popolo dei Bajau e le foche o lontre non è stato disegnato a caso.

“La cosa più vicina al Bajau in termini di tempo di lavoro sott’acqua sono le lontre marine, che trascorrono anche il 60% del loro tempo in acqua.”

Melissa Ilardo

“Questo è davvero notevole, anche rispetto ad altri subacquei professionisti o tradizionali”, osserva Ilardo. “Stanno solo trascorrendo un tempo straordinariamente lungo sott’acqua rispetto al loro tempo di recupero.”

I nomadi del mare hanno milza più grande

Per dimostrare la sua teoria, Ilardo viaggiò in Indonesia nel 2015 e contattò una comunità di Bajau per vedere se sarebbero stati felici di aiutarla nella sua ricerca. Come si è scoperto, i Bajau erano interessati a saperne di più sul proprio corpo e sulle loro abilità uniche.

Così, durante due diverse spedizioni, ha usato un dispositivo portatile ad ultrasuoni per accertare la dimensione della milza di 59 individui Bajau e confrontarla con quella di 34 partecipanti non Bajau, provenienti da un villaggio vicino i cui abitanti non praticavano l’apnea.

Le sue scoperte, pubblicate ieri sulla rivista, hanno indicato che i Bajau avevano milza che erano circa il 50% più grandi di quelli dei loro vicini landlubbing.

Nessuna differenza nella dimensione della milza è stata accertata tra l’apnea Bajau e Bajau che hanno scelto di non prendere questa pratica.

Ciò potrebbe significare che queste persone potrebbero aumentare il numero dei globuli rossi di circa il 10% durante l’immersione, rispetto alle persone con milza di dimensioni normali.

“Mentre non è salutare avere alte concentrazioni di globuli rossi per tutto il tempo, è davvero un bene per te se hai un alto [globuli rossi] quando ne hai veramente bisogno”, spiega l’autore dello studio senior Rasmus Nielsen.

Aggiunge che il Bajau “ha aumentato la capacità di stoccaggio nella milza per quando ne ha bisogno, ma non ha alcun effetto negativo di avere costantemente globuli rossi troppo alti”.

Geni dei tritoni?

Inoltre, i campioni di saliva raccolti da Ilardo dai partecipanti hanno rivelato che gli individui nella comunità di Bajau esprimevano alcune varianti genetiche che non erano comuni nelle popolazioni vicine.

Una particolare variante genetica – PDE10A – codifica l’enzima fosfodiesterasi, che svolge un ruolo nella sovraregolazione degli ormoni tiroidei. Questa scoperta ha portato ad un’altra teoria, che i ricercatori sono ora desiderosi di mettere alla prova.

“Pensiamo che il modo in cui funziona è che l’espressione di questo gene variante modifica il rilascio dell’ormone tiroideo, che quindi ha un effetto sulla dimensione della milza”, dice Nielsen.

Tuttavia rimane cauto, osservando: “Non si sa nulla delle basi genetiche delle dimensioni della milza negli esseri umani, quindi è difficile convalidare senza ulteriori ricerche”.

Like this post? Please share to your friends: