Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Alito cattivo collegato ai batteri che causano l’ulcera allo stomaco e il cancro

Una nuova ricerca dal Giappone ha scoperto che i batteri che causano ulcere gastriche e cancro vivono nella bocca di alcune persone con l’alitosi, anche se non hanno mostrato segni di malattie dello stomaco.

Lo studio è stato realizzato dal dottor Nao Suzuki del Fukuoka Dental College di Fukuoka, in Giappone e da colleghi ed è stato pubblicato nel numero di dicembre del Journal of Medical Microbiology.

Gli scienziati hanno recentemente scoperto che l’infezione dal batterio Helicobacter pylori, che si svolge da oltre il 90 per cento delle persone in thedeveloping mondo e da 20 a 80 per cento delle persone nel mondo sviluppato, è stata una possibile causa di ulcera peptica e cancro gastrico.

Ricerche più recenti hanno anche suggerito che la bocca umana, che ospita oltre 600 diverse specie di batteri (alcune delle quali causano malattie), sia un possibile serbatoio per H. pylori, in particolare in presenza di malattie parodontali o gengivali, una causa di alitosi o alitosi.

Suzuki ha spiegato che l’alito cattivo o alitosi è comune negli esseri umani ed è principalmente causato da malattie gengivali, detriti della lingua, scarsa igiene orale e otturazioni male adattate (intrappolano i batteri).

“I batteri producono composti volatili che hanno un odore sgradevole, tra cui idrogeno solforato, metil mercaptano e dimetil solfuro.I medici spesso misurano i livelli di questi composti per diagnosticare il problema.In genere si ritiene che le malattie gastrointestinali causino anche alitosi”, ha detto Sauzuki.

Suzuki e colleghi hanno deciso di indagare sulla prevalenza di H. pylori nelle bocche di persone con l’alitosi.

“Recentemente, gli scienziati hanno scoperto che H. pylori può vivere in bocca”, ha detto Suzuki, aggiungendo che:

“Volevamo determinare se i batteri possono causare l’alitosi, quindi abbiamo testato pazienti che lamentavano l’alitosi per la presenza di H.pylori.”

Per lo studio, i ricercatori hanno eseguito scansioni del DNA di saliva prelevate da 326 giapponesi; 251 avevano l’alito cattivo o alitosi e 75 no. Non decorato nessun segno di malattie dello stomaco.

Hanno trovato H. pylori e altri batteri che si verificano con parodontale o malattia di gomma, detti batteri parodontopatogeni, includingPorphyromonas gingivalis, Treponema denticola e Prevotella intermedia.

Più in particolare, i risultati hanno mostrato che:

  • 21 (6,4 per cento) dei partecipanti avevano H. pylori in bocca.
  • Questi partecipanti avevano anche livelli più alti di altri marcatori per la malattia parodontale, inclusi livelli più alti di: metil mercaptano (un gas con alito cattivo), ciascuno dei batteri parodontopatici; mobilità dentale; profondità della tasca parodontale (PPD); e sangue occulto nella saliva.
  • Dei 102 partecipanti con malattia parodontale, 16 (15,7%) avevano H. pylori in bocca.

I ricercatori hanno concluso che la presenza di H. pylori in quasi il 16% dei partecipanti con parodontite suggeriva che:

“La progressione della tasca parodontale e l’infiammazione possono favorire la colonizzazione da parte di questa specie e l’infezione da H. pylori può essere indirettamente associata ad alitosi patologica orale dopo parodontite”.

“Sebbene la presenza di H. pylori in bocca non causi direttamente l’alitosi, è associata alla malattia parodontale, che causa l’alito cattivo”, ha detto Suzuki, che ha affermato che il team ora esaminerà:

“Rapporto tra H. pylori nella bocca e nello stomaco Speriamo di scoprire il ruolo della bocca nel trasmettere infezioni da H. pyloristomach nel prossimo futuro”.

“Rilevazione del DNA di Helicobacter pylori nella saliva dei pazienti che lamentano l’alitosi”.
Nao Suzuki, Masahiro Yoneda, Toru Naito, Tomoyuki Iwamoto, Yousuke Masuo, Kazuhiko Yamada, Kazuhiro Hisama, Ichizo Okada, e TakaoHirofuji.
J. Med. Microbiol, dicembre 2008; 57: 1553 – 1559.
DOI: 10.1099 / jmm.0.2008 / 003715-0

Clicca qui per astratto.

Fonte: abstract del Journal, briefing della Society for General Microbiology.

Scritto da: Catharine Paddock, PhD

Like this post? Please share to your friends: