Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Alla ricerca di uno scopo? La logoterapia potrebbe aiutare

Avere uno scopo nella vita può rafforzare la resilienza di fronte alle avversità, dice la ricerca. Questa è anche la base della logoterapia, una pratica psicoterapeutica tradizionale. In questo articolo, esaminiamo i suoi usi attuali e ti diamo alcune idee su come trovare il tuo scopo di vita.

significato del segno di vita

Spostiamo scuole, posti di lavoro e paesi alla ricerca del vero scopo della nostra vita, e se non ci sarà alcuna rivelazione, diventeremo frustrati e mettiamo in discussione le scelte che abbiamo fatto finora.

Altri potrebbero sentire di sapere esattamente quale sia il loro scopo – che sia quello di insegnare, diffondere la gioia o salvare vite umane – e ciò premierà loro rinnovata energia ad ogni passo, oltre alla forza per superare tutti gli ostacoli.

Alcuni di noi potrebbero scoprire che il nostro scopo nella vita continua a cambiare man mano che cresciamo emotivamente e intellettualmente, e quindi adeguiamo le nostre scelte di vita per adattarle ai nuovi obiettivi che ci danno vitalità.

Avere – o mancare – uno scopo di vita, ha dimostrato la scienza, può influenzare la nostra salute mentale e fisica in modi numerosi e concreti. Uno studio recente ha mostrato che, forse intuitivamente, le persone che credono di aver trovato il loro scopo nella vita godono di una migliore qualità del sonno.

Un altro ha suggerito che, più viviamo con lo scopo, più i processi di invecchiamento legati allo stress dei nostri corpi sono rallentati. Non sorprende, quindi, che ci sia una correlazione positiva tra avere uno scopo di vita e godersi la longevità.

Un tipo di psicoterapia tradizionale chiamata logoterapia si concentra sull’aiutare le persone a diventare più consapevoli di ciò che rende la loro vita significativa, in modo che possano superare più facilmente gli ostacoli che riguardano la loro qualità della vita.

Cos’è la logoterapia?

La logoterapia fu sviluppata per la prima volta negli anni ’40 e ’50 da Viktor Emil Frankl (1905-1997), psichiatra e neurologo di Vienna, in Austria. Frankl era interessato all’importanza dello scopo della vita nella salute mentale delle persone.

Frankl ebbe la sfortunata opportunità di mettere alla prova le sue teorie su se stesso; da ebreo fu catturato dai nazisti nei primi anni ’40 e mandato in un campo di concentramento.

Come spiegò in seguito, fu la sua persistenza nell’aderire al suo scopo prefissato – o continuare il lavoro della vita che era stato costretto a lasciare – che lo fortificò e lo aiutò a sopravvivere agli orrori dell’Olocausto.

Più tardi, ha gettato le basi della logoterapia nel suo libro più famoso, dove ha scritto:

“[E] tutto può essere preso da un uomo, ma una cosa: l’ultima delle libertà umane – per scegliere il proprio atteggiamento in ogni dato insieme di circostanze, per scegliere la propria strada”.

La logoterapia divenne nota come la “terza scuola di psicoterapia”, offrendo un’alternativa alle cosiddette “prime” e “seconde” scuole. Questi sono Sigmund Freud, che ha fondato la psicoanalisi, e Alfred Adler, le cui teorie ruotavano intorno al concetto di “sentimento di inferiorità”.

Due delle tecniche più importanti utilizzate nel tipo di terapia di Frankl sono l’intenzione e la deregolamentazione paradossali. L’intenzione paradossale mira a spezzare il circolo vizioso dell’ansia anticipatoria, in cui siamo così ansiosi di qualcosa che poi proviamo ansia per diventare ansiosi riguardo alla nostra fonte di preoccupazione.

Frankl suggerì che un modo per consentire a qualcuno di prendere le distanze da questo circolo vizioso è, per quanto intuitivo possa sembrare, l’esposizione alla fonte della loro ansia.

La deviazione tenta di interrompere un altro circolo vizioso: quello di diventare così fissi su qualcosa che vogliamo ottenere che ci sottoponiamo a una maggiore quantità di stress, rendendo così meno probabile il raggiungimento di tale obiettivo.

In questo caso, Frankl ha consigliato semplicemente di fare una pausa per smettere di cercare così tanto per raggiungere quello scopo e permetterci di raggiungere un senso di distacco, in modo da evitare l’eccessiva pressione che abbiamo posto su noi stessi.

Attuali applicazioni cliniche di logoterapia

Poiché alcune delle pratiche di logoterapia consigliano l’esposizione a stimoli temuti per creare desensibilizzazione – cioè, abituarsi a quegli stimoli in modo che il loro impatto sia attenuato – possono prestarsi bene alla terapia cognitivo comportamentale (CBT), che usa anche questa strategia per trattare le condizioni come le fobie.

“Su molti livelli, la logoterapia presenta un alto grado di compatibilità con la terapia del comportamento cognitivo”, scrivono gli autori di un articolo del 2013 pubblicato sulla rivista.

uomo che parla con il suo terapeuta durante la sessione di consulenza

Essi sostengono che le tecniche logoterapiche possono essere particolarmente efficaci nell’affrontare il disturbo d’ansia generalizzato e la depressione.

“La procedura di esposizione […] può motivare il cliente ad affrontare l’ansia o la paura rendendola un’opzione”, scrivono, aggiungendo, “Non si può sempre controllare il proprio livello di ansia, ma può scegliere come reagire ad esso. “

È questa reazione all’ansia quando inizia a prendere piede che può essere d’aiuto nel ridurre i suoi livelli e minimizzare la sua influenza. Nel fare una scelta consapevole per reagire all’ansia nel modo opposto, stiamo facendo i primi passi verso la rimozione dalla nostra vita.

Gli autori dello studio concludono che “l’integrazione dei concetti di significato, valori personali e obiettivi specifici nel protocollo della depressione individua il processo terapeutico e aumenterebbe il benessere e la resilienza, riducendo il tasso di ricaduta”.

Dicono che è importante per le persone che vivono con la depressione e cercano un trattamento per essere in grado di riflettere, con il supporto del loro terapeuta, su ciò che dà significato alla loro vita, cosa li aiuta a vivere con un senso di scopo e quali sono i loro valori personali siamo.Questo può aiutare ad affrontare il loro contesto specifico per la condizione.

Un altro modo in cui le pratiche logoterpeutiche possono essere utili, secondo alcuni, è prevenire o trattare la sindrome del burnout. Mentre questa condizione non è attualmente elencata nel, è stata collegata alla depressione ed è talvolta denominata come una forma di disturbo da stress post-traumatico.

Il burnout è caratterizzato dall’esaurimento fisico e mentale a seguito di un eccessivo coinvolgimento a lungo termine, di solito in un lavoro o in un progetto. Questo esaurimento può includere stanchezza, mancanza di motivazione e un senso di alienazione.

Monika Ulrichová – che è professore associato presso l’Università di Hradec Králové nella Repubblica Ceca – sostiene che la logoterapia aiuta a prevenire o trattare il burnout facendo domande alle persone pertinenti che permetteranno loro di cambiare lo stato d’animo in cui operano.

“[Una] parte sostanziale nella [prevenzione] e nella cura della sindrome del burnout è il valore delle persone viventi – nelle relazioni, nella famiglia, ma anche in piccole cose. Le persone dovrebbero muoversi entro i limiti di” Voglio e posso agire in modo diverso’.”

Prof. Monika Ulrichová

“Le persone dovrebbero subire l’auto-riflessione e rispondere alle seguenti domande: ‘Devo davvero?’ ” Che cosa succederà se non lo faccio? ” Quali conseguenze ci saranno ?, ” I do it? devo davvero? “,” aggiunge.

Significato, scopo e percezione

Ovviamente, trovare un senso nella vita se sei bloccato in un posto difficile è un problema complesso, e non c’è una ricetta fissa. Avremo tutti diverse motivazioni e le stesse strategie per trovare uno scopo non funzioneranno per tutti.

Tuttavia, nel libro, Frankl ha suggerito che ci sono tre principali tipi di valore che le persone possono sottoscrivere che potrebbero aiutarli a identificare il significato nelle loro vite:

  • valori creativi o “valori che si realizzano nell’azione creativa”
  • valori esperienziali, che possono essere “realizzati in ricettività verso il mondo – per esempio, in resa alla bellezza della natura o dell’arte”
  • valori attitudinali, che si riferiscono alla “risposta di una persona alle restrizioni sulle [loro] potenzialità”

In altre parole, le attività creative che coinvolgono i nostri talenti, l’apertura a trovare il piacere e la bellezza nel mondo e la capacità di padroneggiare le nostre risposte a circostanze al di fuori del nostro controllo sono buoni modi di vivere intenzionalmente e diventare più resilienti.

Uno studio, ad esempio, ha rilevato che anche se lo stress ha un impatto sulla nostra salute, il modo in cui percepiamo lo stress può anche inclinare l’equilibrio contro di noi; se ci soffermiamo su come l’esposizione allo stress ci stia pagando, l’impatto sulla nostra salute sarà probabilmente maggiore.

Sebbene non ci sia una vera scorciatoia per imparare come trovare il nostro scopo di vita e come diventare resilienti di fronte agli ostacoli, Adam Leipzig – un produttore cinematografico e teatrale e autore – suggerisce che porsi cinque semplici domande potrebbe portarci nella giusta direzione .

Nel suo TED talk (che puoi guardare qui), suggerisce che ci prendiamo qualche minuto per chiederci chi siamo, cosa facciamo, per chi lo facciamo, cosa hanno bisogno o vogliono questi beneficiari e quale è il nostro profitto finale .

Trovare risposte a queste domande, suggerisce, potrebbe aiutarci a diventare più consapevoli di quali attività ci fanno andare avanti e perché alla fine vogliamo continuare a farlo.

Quali sono le tue strategie per trovare – o ricordarti – il tuo scopo nella vita? E ti ha aiutato a superare i problemi come e quando si presentano? Facci sapere.

Like this post? Please share to your friends: