Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Allattamento al seno: benefici, sfide e il Big Latch-On

L’allattamento al seno offre un’alimentazione completa ai neonati e ai lattanti. Come fonte di alimentazione biologicamente normale, può soddisfare le esigenze nutrizionali meglio della formula o dei solidi introdotti prematuramente.

Tuttavia, gli ostacoli all’allattamento al seno significano che solo un terzo delle madri raggiunge i loro obiettivi di allattamento.

Comprendere i benefici e le sfide dell’allattamento al seno può aiutare le famiglie a raggiungere i loro obiettivi di allattamento.

Latte materno o latte artificiale?

[L'allattamento al seno]

Il latte materno è la scelta biologicamente normale per i bambini, quindi è la scelta più sicura e salutare.

Il latte artificiale è un sostituto del latte materno, quindi una madre dovrebbe usarlo solo se non può allattare al seno o quando sceglie di non farlo.

Quando una madre è capace e desiderosa di allattare, non ci sono benefici per la salute nella scelta della formula sul latte materno.

Il latte materno è una sostanza dinamica che cambia in risposta ai bisogni del bambino.

Durante la gravidanza e nei giorni successivi alla nascita, il seno produce il colostro invece del latte. Questa sostanza appiccicosa ad alto contenuto proteico è ricca di anticorpi in grado di supportare il sistema immunitario del neonato e fornire nutrimento fino a quando il seno inizia a produrre latte.

Quando inizia la produzione di latte, di solito entro pochi giorni dalla nascita, il latte cambia nel tempo in base alle esigenze del bambino.

Se un bambino nasce pretermine, il latte materno ha più proteine, calorie e altri elementi specifici per un bambino piccolo. Il latte materno cambia durante la poppata con il latte acquoso più dolce all’inizio per attirare l’interesse del bambino e finisce con il latte più ricco di grassi e proteine ​​per mantenere il bambino pieno di energia.

Il latte materno cambia durante un ciclo di alimentazione di 24 ore. Il latte è più acquoso, di maggiore volume e più basso di grassi al mattino, e più ricco di sera.

La ricerca suggerisce che i globuli bianchi nel latte materno aumentano quando il bambino è malato. La composizione del latte, compresi i livelli lipidici, cambia anche in risposta ai bisogni di un bambino.

La formula è un sostituto appropriato per il latte materno, ma non è equivalente e non può cambiare in risposta ai bisogni di un bambino.

Benefici

L’allattamento al seno ha vantaggi sia per la madre che per il bambino.

Vantaggi per i bambini

I benefici dell’allattamento al seno per i bambini includono:

  • un rischio ridotto di infezioni dell’orecchio, allergie e raffreddori
  • un rischio ridotto di una malattia potenzialmente fatale chiamata enterocolite necrotizzante
  • punteggi del quoziente intellettivo più alto (QI) nell’infanzia
  • un rischio ridotto di diabete di tipo 2 e obesità più tardi nella vita
  • minor rischio di sindrome da morte improvvisa infantile (SIDS)
  • maggiore efficacia dei vaccini per l’infanzia
  • rischio ridotto di diarrea
  • migliorata capacità di combattere le infezioni
  • un minor numero di problemi dentali, inclusa una minore necessità di parentesi graffe più avanti nella vita
  • meno viaggi a medici e dentisti

Il latte materno è anche più sicuro.

Con latte artificiale, a volte ci sono preoccupazioni sui prodotti contaminati. Qualsiasi prodotto può essere richiamato o contaminato. Il latte materno riduce il rischio di esposizione a prodotti potenzialmente pericolosi o ritirati.

In alcuni luoghi, ci possono essere preoccupazioni per l’acqua pulita. L’esposizione all’acqua contaminata durante il viaggio o il campeggio può mettere in pericolo un bambino. Il latte materno riduce o elimina questo rischio.

Durante i primi 6 mesi di vita, un bambino che allatta non ha bisogno di bere acqua, quindi i genitori non devono preoccuparsi di bere acqua di qualità.

Benefici per le madri

Anche le madri beneficiano dell’allattamento al seno.

I vantaggi includono:

  • Aiutare l’utero a contrarsi dopo il parto, riducendo il rischio di eccessiva perdita di sangue dopo il parto

[Benefici per l'allattamento madri]

  • Una minore possibilità di depressione postpartum
  • Bruciare più calorie può rendere più facile perdere peso dopo il parto
  • Un ridotto rischio di cancro al seno, alla cervice e alle ovaie
  • Minor rischio di osteoporosi

L’allattamento al seno per almeno 6 mesi può portare benefici per tutta la vita.

Può anche essere conveniente, dal momento che non richiede forniture speciali, sterilizzazione di attrezzature o pianificazione anticipata.

Può aiutare a promuovere il legame tra madre e bambino, offrendo potenzialmente benefici emotivi a breve e lungo termine a ciascuno.

L’allattamento al seno è confortante per i neonati, che hanno un riflesso naturale da latte. Infermieristica offre un modo rapido e sicuro per lenire un bambino che piange, malato o assonnato. Molte donne allattano i loro bambini a dormire.

Sfide e rischi

L’allattamento al seno è completamente sicuro per la maggior parte delle donne, ma i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) raccomandano che alcune donne evitino l’allattamento al seno.

Ciò include le donne negli Stati Uniti e in Canada che:

  • Avere un virus dell’immunodeficienza umana (HIV) o che sta assumendo farmaci antiretrovirali
  • Avere tubercolosi attiva non trattata. Tuttavia, una volta iniziata la terapia per la tubercolosi, una madre può pompare e dare il latte materno al bambino
  • Avere un virus linfotropo a cellule T umane di tipo I o II
  • Sono sottoposti a trattamento con radiazioni, sebbene la radiazione non richieda necessariamente l’interruzione permanente dell’allattamento al seno
  • Prendi alcuni farmaci antitumorali, inclusa la chemioterapia, che interferisce con la divisione cellulare o la replicazione del DNA

Al di fuori di questi gruppi, non ci sono rischi specifici associati all’allattamento al seno.

Sfide dell’allattamento al seno

L’allattamento al seno non è sempre facile, soprattutto nelle prime settimane.

Le sfide includono:

  • trovare una posizione comoda
  • sapendo con quale frequenza nutrirsi
  • ottenere un comodo scrocco profondo
  • gestendo la tenerezza del capezzolo
  • infezioni come mastite e mughetto

L’educazione e il sostegno di un esperto di allattamento al seno può aiutare ad evitare molti dei problemi.

Le linee di assistenza nazionali e nazionali offrono consulenza telefonica da parte di specialisti e gruppi di supporto forniscono assistenza professionale negli uffici e nelle case in ogni stato.

L’allattamento al seno può anche essere sconveniente, soprattutto per le donne che lavorano lontano da casa.

Altri problemi includono:

  • Frequenza: il latte materno è più facile da digerire, quindi i bambini allattati al seno tendono a nutrirsi più spesso. I neonati possono “raggruppare” più volte in un breve periodo.
  • Esprimere latte: le donne che hanno bisogno di trascorrere del tempo lontano dal loro bambino per lavoro o per altri motivi avranno bisogno di un altro modo per nutrire il loro bambino. Esprimere il latte materno manualmente o con una pompa può richiedere tempo e può essere scomodo.
  • Problemi ai capezzoli: a volte problemi come il latch scadente possono lasciare i capezzoli troppo doloranti per l’allattamento al seno per un po ‘. Un bambino può rifiutare il seno se usa un ciuccio o una bottiglia troppo presto, e devono essere incoraggiati a tornare al seno.
  • Equilibrio di responsabilità: l’allattamento al seno richiede molto più lavoro dalla madre rispetto al suo partner. Questo può essere schiacciante per alcune madri. È utile se il partner si assume la responsabilità di bagni, cambi di pannolini, bucato e dondolo.
  • Affaticamento: i neonati e anche i bambini più grandi, si svegliano ripetutamente di notte e hanno bisogno di frequenti poppate notturne. Poiché il latte materno è facile da digerire, un bambino allattato al seno si sveglia più frequentemente.
  • Stigma culturale: estranei o membri della famiglia possono esortare le donne a non allattare al seno pubblicamente. La maggior parte degli stati ha leggi per proteggere le madri dal vergognarsi in pubblico per nutrire il loro bambino. Alcune donne subiscono pressioni per svezzare il loro bambino troppo presto.

Il latte materno è il migliore per i bambini, ma non è l’unico fattore nel benessere infantile. La salute mentale di una madre può influire sul benessere del bambino. Se una donna si sente sopraffatta dall’allattamento al seno, può invece essere consigliata un’alimentazione artificiale.

Quanto è abbastanza?

L’alimentazione artificiale è esatta e facile da misurare.

L’allattamento al seno è meno preciso, quindi può essere difficile sapere se un bambino consuma abbastanza.

Tuttavia, i bambini alimentati con latte artificiale possono essere sovralimentati a causa della tendenza a “finire la bottiglia”. I bambini allattati al seno imparano a obbedire ai segnali che mostrano di essere pieni e di smettere di consumare quando ne hanno abbastanza.

[Latte materno]

L’allattamento al seno funziona in base alla domanda e all’offerta. Più una madre allatta o esprime il suo latte, più lei produrrà, quindi è saggio curare un bambino ogni volta che mostra segni di fame, o l’offerta potrebbe andare giù.

Le donne che sono preoccupate per la fornitura possono pompare il latte materno dopo ogni poppata.

Se una madre sente di non avere abbastanza latte materno, dovrebbe nutrirsi più frequentemente. Entro 48 ore, la fornitura sarà aumentata.

I segni che un bambino non riceve abbastanza latte materno includono:

  • Perdita di peso persistente nelle settimane successive alla nascita. Qualche perdita di peso nei giorni successivi alla nascita è normale, ma dopo questo il peso dovrebbe aumentare.
  • Pochi suoni di deglutizione durante l’allattamento.
  • Letargia o segni di disidratazione nel bambino, come labbra secche o pannolini bagnati poco frequenti.

Se un bambino di età superiore a 1 settimana ha da 6 a 8 pannolini bagnati al giorno, questo suggerisce che non sono disidratati e stanno prendendo abbastanza latte materno. I bambini di età inferiore a 1 settimana possono avere meno pannolini bagnati.

Una buona alimentazione è vitale per lo sviluppo precoce di un neonato. Se una madre ha problemi con la fornitura di latte materno, ciò richiede un intervento immediato. Molti problemi possono essere risolti con l’aiuto di un consulente specializzato in allattamento. Un medico può organizzare questo.

Alcune aziende offrono rimedi a base di erbe per aumentare l’offerta di latte materno, ma la ricerca sulla loro efficacia è mista. I rimedi di erbe non dovrebbero essere usati senza prima parlare con un medico.

Posso allattare al seno dopo un intervento chirurgico al seno?

Un piccolo numero di donne che hanno un intervento chirurgico al seno, sia l’aumento o la riduzione, potrebbe non essere in grado di produrre abbastanza latte materno. Dovrebbero chiedere consiglio a un consulente per l’allattamento.

Possono ancora allattare al seno, ma possono aver bisogno di integrarli con latte o formula del donatore. Il latte materno può essere offerto in aggiunta a questi integratori o come forma di comfort. Anche piccole quantità di latte materno aiuteranno la funzione immunitaria del bambino.

Quanto tempo devo allattare?

Le raccomandazioni per l’allattamento al seno variano e non esiste un limite di tempo specifico.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda di somministrare solo latte materno ai neonati allattati al seno per i primi 6 mesi. Dopo questo, si possono introdurre i solidi, ma l’allattamento al seno dovrebbe continuare fino a quando il bambino ha almeno 12 mesi o più a lungo se la madre e il bambino lo desiderano.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda l’allattamento al seno per almeno 2 anni e più a lungo se reciprocamente desiderabile. Gli anticorpi nel latte materno continuano a giovare al bambino anche dopo l’aggiunta di solidi.

Poiché il latte materno contribuisce all’incollaggio, alcune madri scelgono di allattare al seno come integratore fino a quando il bambino non è un bambino o un bambino in età prescolare.

Benefici del latte materno per adulti

[Quale tipo di latte per l'allattamento al seno]

Ispirato dai benefici per la salute del latte materno per i bambini, alcuni adulti sostengono di bere latte materno. Nessuna evidenza supporta alcun beneficio per gli adulti di consumare il latte materno.

Il latte materno nero può essere contaminato e il latte materno contiene meno proteine ​​della maggior parte delle altre forme di latte.

Un adulto può consumare il latte materno incidentalmente, durante la prova della temperatura del latte materno, o per altri motivi. Finché è sicuro che la donna allatta al seno, non ci sono prove che questo consumo accidentale sia dannoso.

Il latte materno da una fonte sicura è noto per aiutare le ferite e le ustioni a guarire e per aiutare a chiarire le infezioni agli occhi e alla pelle.

The Big Latch

Il sostegno sociale può incoraggiare le donne a allattare al seno, quindi molte organizzazioni sponsorizzano infermieri e altri eventi pubblici di allattamento al seno.

Il Global Big Latch-On è uno dei più grandi eventi del suo genere. Gli eventi Latch-On si verificano ogni anno.Incoraggiano le donne a riunirsi per allattare al seno, con l’obiettivo di normalizzare l’allattamento e sostenere le madri che allattano.

Like this post? Please share to your friends: