Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Allergie alimentari: cosa devi sapere

Le persone con un’allergia alimentare hanno un sistema immunitario che reagisce a certe proteine ​​presenti nel cibo. Il loro sistema immunitario attacca questi composti come se fosse un agente patogeno dannoso, come un batterio o un virus.

L’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive stima che circa il 5% dei bambini e il 4% degli adulti in America soffrono di allergia alimentare. Questo è un aumento del 20 per cento delle allergie alimentari infantili negli ultimi 20 anni. In tutto il mondo, le allergie alimentari colpiscono tra i 250 e i 550 milioni di persone nei paesi sviluppati e in via di sviluppo.

In questo articolo, tratteremo i sintomi, le cause, i trattamenti e le cause scatenanti delle allergie alimentari.

Fatti veloci su (malattia)

Ecco alcuni punti chiave su (malattia). Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Le allergie nei bambini sembrano aumentare.
  • In alcune persone, le allergie alimentari possono essere pericolose per la vita.
  • I sintomi possono includere nausea, diarrea e occhi in streaming.
  • I trigger comuni includono uova, noci, soia e latte.
  • Diagnosticare le allergie alimentari può essere difficile.

Sintomi di allergia alimentare

Le allergie alimentari sembrano essere in aumento.

I sintomi possono variare da lievi a gravi e colpire ogni individuo in modo diverso. Non tutte le persone sperimenteranno tutto quanto sotto, e ciascuna reazione potrebbe essere leggermente diversa, ma i segni e i sintomi comuni includono:

  • formicolio in bocca
  • sensazione di bruciore nelle labbra e nella bocca
  • labbra e faccia potrebbero gonfiarsi
  • eruzione cutanea
  • la pelle può diventare pruriginosa e / o macchiata
  • dispnea
  • nausea
  • diarrea
  • naso che cola
  • occhi in streaming

Sintomi di anafilassi

Anafilassi significa una grave reazione allergica. Di solito si verifica subito dopo l’esposizione all’allergene specifico, ma può richiedere alcune ore.

Segni e sintomi di solito si manifestano rapidamente e peggiorano rapidamente; possono includere:

  • una rapida caduta della pressione sanguigna
  • paura, una sensazione di apprensione
  • prurito, gola tagliente
  • nausea
  • problemi respiratori, che spesso peggiorano progressivamente
  • la pelle è pruriginosa, l’eruzione cutanea può diffondersi rapidamente e coprire gran parte del corpo
  • starnuti
  • streaming naso e occhi
  • tachicardia (accelerazione del battito cardiaco)
  • gola, labbra, viso e bocca si gonfiano rapidamente
  • vomito
  • perdita di conoscenza

Trigger di allergie alimentari comuni

Secondo il National Health Service, Regno Unito, tra i bambini, gli alimenti più comuni per scatenare reazioni allergiche sono noccioline, grano, soia, latte e uova.

Negli adulti, sono tipi di pesce, arachidi, alcuni molluschi, come l’aragosta, il granchio e gamberi, noci dell’albero, come pistacchi, noci del Brasile, mandorle, noci e arachidi.

I cibi allergenici più comuni, che rappresentano circa il 90% di tutte le allergie alimentari, comunemente definiti “gli otto grandi”, sono:

  • uova
  • pesce
  • latte
  • noci degli alberi (tra cui nocciole, noci, mandorle e noci del Brasile)
  • arachidi (arachidi)
  • molluschi (compresi gamberetti, cozze e granchi)
  • soia
  • Grano

I paesi europei hanno altri allergeni superiori che includono sesamo, sedano, lupino (un legume) e senape.

Un riassunto di queste comuni allergie alimentari è disponibile qui.

Diagnosi di allergie alimentari

Prick test cutaneo

Il medico chiederà al paziente la sua reazione, compresi i sintomi, quanto tempo impiegherà per una reazione, quali alimenti lo causano, se il cibo è cotto o no e dove è stato mangiato.

Il medico sarà interessato a qualsiasi altra allergia esistente, come il raffreddore da fieno o l’asma.

Il paziente dovrà anche dire al medico di parenti stretti che potrebbero avere allergie.

Test della puntura della pelle – gli alimenti diluiti vengono posti sul braccio del paziente, e quindi la pelle viene perforata, introducendo il cibo nel sistema. Se c’è qualche reazione, come prurito, gonfiore o arrossamento, è probabile che ci sia un qualche tipo di allergia.

Il test della puntura cutanea a volte può produrre risultati falsi-negativi o falsi-positivi. I medici di solito ordinano altri test per essere sicuri.

Esame del sangue: viene prelevato il sangue di un paziente per verificare la presenza di anticorpi IgE specifici per determinate proteine ​​alimentari.

Eliminazione della dieta: i cibi sospetti non vengono consumati per 4-6 settimane, in genere, per vedere se i sintomi si risolvono. Vengono quindi reintrodotti per vedere se i sintomi ritornano.

Le diete per l’eliminazione dovrebbero essere supervisionate da un medico o un dietologo. È importante non escludere gruppi importanti di alimenti indefinitamente. Le diete di eliminazione sono spesso considerate il gold standard per l’identificazione di alimenti problematici poiché molti test diagnostici possono produrre risultati falsi.

Diario alimentare: i pazienti annotano tutto ciò che mangiano e descrivono i sintomi se si presentano.

Sfida alimentare orale cieco sotto supervisione medica – questo è più accurato. Al paziente vengono somministrati diversi alimenti. Uno di loro ha piccole quantità del sospetto allergene. Il paziente mangia ciascuno, e la loro reazione è osservata da vicino.

Accecato significa che il paziente non sa quale alimento ha il sospetto allergene; questo è importante perché alcune persone reagiscono psicologicamente ad alcuni cibi (questo non sarebbe classificato come un’allergia).

Questo tipo di test deve essere effettuato solo da un medico presso una struttura medica adeguata.

Allergia vs intolleranza

Gli esperti hanno scoperto che molte persone che pensano di avere un’allergia alimentare in realtà hanno un’intolleranza alimentare, che non è la stessa. Le intolleranze alimentari non coinvolgono gli anticorpi IgE, sebbene possano essere coinvolte altre parti del sistema immunitario.

I sintomi possono essere immediati o ritardati e possono essere simili a quelli delle allergie alimentari. A differenza di un’allergia che è solo in risposta a una proteina, può verificarsi un’intolleranza alimentare a causa di proteine, sostanze chimiche, carboidrati negli alimenti, o da una carenza di enzimi o dalla permeabilità intestinale compromessa.

L’individuo in genere può mangiare piccole quantità di quel particolare cibo senza essere influenzato. L’eccezione è una persona con malattia celiaca.

Le seguenti condizioni o esempi sono spesso confusi per le allergie alimentari:

Enzimi: l’individuo non ha un enzima (o abbastanza) per digerire correttamente un alimento. Ad esempio, l’intolleranza al lattosio, che causa diarrea, gas, crampi e gonfiore.

IBS (sindrome dell’intestino irritabile) – una condizione cronica (a lungo termine) in cui il paziente presenta diarrea, stitichezza e dolori allo stomaco. I malati di IBS sono spesso intolleranti ai carboidrati fermentabili.

Sensibilità dell’additivo alimentare – come i solfiti, che vengono utilizzati per conservare frutta secca o cibi in scatola.

Fattori psicologici: alcune persone possono sentirsi male solo pensando a un determinato cibo. Nessuno è sicuro del perché questo accada.

Celiachia – una condizione digestiva autoimmune a lungo termine che è causata dal consumo di glutine. Il paziente può avere diarrea, dolori allo stomaco e gonfiore, sebbene molti pazienti siano asintomatici. C’è un coinvolgimento del sistema immunitario, ma gli esperti dicono che è un’intolleranza alimentare, non un’allergia.

Allergia alimentare significa che anche una piccola quantità di cibo può innescare il sistema immunitario, causando una reazione allergica. Un’allergia alimentare può causare svenimenti, vertigini, vertigini, problemi respiratori, gonfiore di varie parti del corpo, come gola, lingua e viso e orticaria. L’individuo può anche avvertire un formicolio in bocca.

Cosa causa allergie alimentari?

Nelle allergie alimentari, il sistema immunitario tratta una specifica proteina in un alimento come una sostanza nociva, un agente patogeno, qualcosa che può causare la malattia. Risponde producendo anticorpi per attaccare questa proteina.

Quando lo stesso cibo viene mangiato, gli anticorpi sono pronti e dicono al sistema immunitario di reagire immediatamente. Il sistema immunitario reagisce rilasciando istamina e altre sostanze nel sangue. L’istamina e queste altre sostanze chimiche causano i sintomi delle allergie alimentari.

L’istamina provoca la dilatazione dei vasi sanguigni (espansione) e l’infiammazione della pelle (rigonfiamento). Colpisce anche i nervi, facendo sentire la persona pruriginosa. Il naso può produrre più muco, con conseguente prurito, bruciore e un naso che scorre.

Chi è a rischio?

Storia familiare: gli scienziati ritengono che alcune allergie alimentari potrebbero essere causate da geni ereditati dai genitori. Ad esempio, le persone che hanno un genitore o un fratello con un’allergia alle arachidi hanno un rischio 7 volte più elevato di avere quell’allergia rispetto a quelle senza storia familiare.

Altre allergie – coloro che hanno l’asma o la dermatite atopica hanno un rischio considerevolmente più elevato di sviluppare un’allergia alimentare rispetto alle persone senza altre allergie.

I primi anni – la ricerca ha anche dimostrato che i bambini nati da taglio cesareo, che avevano ricevuto antibiotici alla nascita o entro il primo anno di vita, e quelli che avevano cibo introdotto tardi, dopo 7 mesi, tutti avevano maggiori rischi di allergie.

Batteri intestinali – recenti ricerche mostrano che i batteri intestinali negli adulti con nocciola e allergie stagionali sono alterati. Nello specifico, hanno livelli più elevati di batteri batterici e bassi livelli di ceppi di Clostridiales. Gli scienziati stanno cercando di determinare se l’influenza dei batteri intestinali potrebbe aiutare a curare o prevenire le allergie.

Perché certe persone hanno reazioni allergiche?

Le allergie alimentari sembrano essere in aumento. Ad esempio, il CDC afferma che “la prevalenza di allergie alimentari è aumentata dal 3,4% nel 1997-1999 al 5,1% nel 2009-2011”. Nessuno è sicuro del motivo per cui i numeri stanno aumentando; tuttavia, ci sono alcune teorie:

Dieta – alcuni scienziati suggeriscono cambiamenti nelle abitudini alimentari nelle nazioni occidentali potrebbero essere la causa, mentre altri dicono che potrebbe essere dovuto ad un minor consumo di grassi animali e maggiore assunzione di grassi vegetali.

Pesticidi e alimenti geneticamente modificati – alcuni ritengono che un’elevata esposizione ai residui di pesticidi e il consumo di alimenti geneticamente modificati influenzino la funzione del sistema immunitario durante lo sviluppo in utero e anche con l’età.

Antiossidanti: la maggior parte delle persone mangia meno frutta e verdura fresca rispetto a quella delle generazioni precedenti (alimenti ad alto contenuto di antiossidanti, che aiutano a proteggere dai danni cellulari); forse un apporto antiossidante inferiore durante l’infanzia mina il corretto sviluppo del sistema immunitario.

Vitamina D – la prevalenza di allergie alimentari è maggiore nei paesi più lontani dall’equatore, dove c’è meno luce solare, un’importante fonte di vitamina D. Il suggerimento è che un basso apporto di vitamina D può causare un maggiore rischio di allergie alimentari.

Mancanza di esposizione precoce – nota anche come ipotesi di igiene. I bambini vengono allevati in ambienti super-sterili, con una minore esposizione ai germi rispetto ai loro genitori. I paesi sviluppati con un uso più elevato di saponi anti-batterici e prodotti con una minore esposizione a batteri sani nel suolo e l’ambiente presentano tassi significativamente più elevati di allergie alimentari.

Forse il sistema immunitario non è stato sufficientemente esposto per differenziare con successo tra sostanze buone e nocive. Questa ipotesi non si applica solo alle allergie alimentari ma anche a molte altre allergie ambientali.

Tuttavia, tutto quanto sopra sono solo teorie, senza prove convincenti per supportarle.

Opzioni di trattamento

Dieta di eliminazione – molti pazienti avranno bisogno di vedere un dietologo dopo che è stata diagnosticata un’allergia alimentare. È importante che il cibo debba essere eliminato dalla propria dieta, in modo da non compromettere la salute dell’individuo.

Per esempio, se l’allergia è solo per le noccioline, non ci saranno conseguenze sulla salute se l’individuo non mangia mai più le noccioline. Tuttavia, un’allergia al latte significa trovare altre fonti di calcio e proteine.

L’eliminazione non può semplicemente significare non mangiare il cibo in particolare; può anche includere non inalarlo, toccarlo o mangiare cibi con tracce di esso all’interno.Posate, stoviglie, piani di cottura e taglieri devono essere privi di allergeni.

I pazienti dovranno leggere attentamente i prodotti alimentari e le etichette. Anche alcuni saponi, alimenti per animali domestici, colle e adesivi possono avere tracce di un allergene alimentare.

Quando si mangia fuori, essere vigili può essere particolarmente difficile.

Farmaci per le emergenze

Antistaminici: questi si presentano sotto forma di gel, liquidi o compresse. Di solito sono efficaci per i pazienti con allergie lievi o moderate. Le istamine sono sostanze chimiche che causano la maggior parte dei sintomi di allergia e gli antistaminici ne bloccano gli effetti.

Epinephrine (adrenalina) – questo è usato da individui che hanno allergie alimentari che possono provocare anafilassi. L’epinefrina mantiene la pressione arteriosa comprimendo i vasi sanguigni e facilitando le vie respiratorie.

Le persone che hanno avuto gravi reazioni allergiche devono portare con sé un autoiniettore di epinefrina, ad esempio, EpiPen, EpiPen Jr., Twinject o Anapen.

Like this post? Please share to your friends: