Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Alta pressione sanguigna? Bere kefir potrebbe abbassarlo

Cremoso e solo un po ‘aspro, il kefir sta diventando un favorito tra i buongustai e gli appassionati di salute in tutto il mondo. Questa bevanda a base di latte fermentato ha dimostrato di apportare molti benefici per la salute, e ora i ricercatori spiegano come proteggere la salute cardiovascolare.

kefir e kefir grani

Kefir è una bevanda a base di latte ottenuta aggiungendo grani di kefir – grani biancastri ottenuti attraverso la fermentazione di specifici batteri e lieviti – che gli permettono di ottenere lo specifico spessore cremoso e un sapore leggermente aspro.

Questa bevanda probiotica è stata tradizionalmente legata a numerosi benefici, in particolare i suoi effetti benefici sul microbioma intestinale e la digestione.

Ma ora sappiamo che i batteri nelle nostre budella influenzano molto più di una buona digestione.

I microrganismi che popolano le nostre viscere hanno dimostrato di comunicare con il cervello, il che dà loro il potenziale per influenzare molti processi nel nostro corpo.

Uno studio dello scorso anno ha anche dimostrato che le persone con malattia coronarica mostravano differenze nella composizione del loro microbiota intestinale, rispetto a persone senza questa condizione.

Probiotici in soccorso?

Un altro articolo, questo pubblicato sulla rivista, ha osservato che un microbioma intestinale ben bilanciato potrebbe proteggere dall’ipertensione, sebbene i meccanismi biologici sottostanti attraverso cui è in grado di farlo non siano stati chiariti.

Eppure questa scoperta ha portato gli autori dello studio a ipotizzare che potremmo esercitare gli integratori probiotici come arma contro l’ipertensione, poiché promuoverebbero la diversità batterica salutare.

“Penso,” disse uno degli scienziati, “certamente ci sono alcune promesse nello sviluppo di probiotici che potrebbero essere mirati a correggere forse alcuni degli effetti di una dieta ad alto contenuto di sale [responsabile della pressione alta]”.

Tuttavia, i ricercatori della Auburn University in Alabama e dell’Università di Vila Velha in Espirito Santo, in Brasile, stanno portando la domanda più vicino a casa.

In uno studio recente, hanno lavorato con un modello di ratto per vedere se le proprietà probiotiche di kefir influenzassero la salute dell’intestino e aiutassero ad abbassare la pressione sanguigna.

Le loro scoperte sono state presentate all’inizio di questa settimana alla conferenza annuale di Experimental Biology, tenutasi a San Diego, in California.

Dall’intestino al cervello al sistema cardiovascolare

Per vedere se, e in che modo, una dieta che integrasse in modo coerente il kefir avrebbe influenzato la pressione sanguigna, la squadra – guidata da Mirian Silva-Cutini, della Auburn University – ha lavorato con tre diversi gruppi di ratti:

  • Quelli del primo gruppo avevano la pressione alta e venivano somministrati kefir su base regolare per un periodo di 9 settimane.
  • Quelli del secondo gruppo avevano anche la pressione alta, ma a loro non era stato somministrato il kefir.
  • Quelli del terzo gruppo non avevano problemi di pressione sanguigna e non avevano ricevuto kefir (i controlli).

Dopo il periodo di 9 settimane, sono stati prelevati campioni di feci e sangue da tutti i ratti per stabilire quali cambiamenti si erano verificati – o non si erano verificati – nel loro microbiota intestinale e per testare specifiche tossine che potrebbero essere rilasciate da alcuni batteri.

E ‘stata anche misurata la pressione sanguigna e il team ha usato “immunofluorescenza” per esaminare i pattern dei cambiamenti neurali nell’ipotalamo. Questa regione del cervello svolge un ruolo importante nella regolazione di alcuni processi di base nel corpo, compresa la pressione sanguigna.

Silva-Cutini e colleghi hanno scoperto che i ratti che avevano consumato regolarmente kefir per 9 settimane hanno mostrato livelli più bassi di endotossine, che sono sostanze nocive che sono un sottoprodotto della disintegrazione batterica. Le endotossine sono note per contribuire all’infiammazione.

Gli stessi ratti presentavano anche una pressione sanguigna più bassa e una struttura intestinale migliorata, poiché la permeabilità – cioè la facilità con cui vari microbi e sostanze possono penetrare nel sistema – dell’intestino si abbassava.

Un’altra scoperta è stata che i ratti che bevevano kefir avevano riacquistato l’equilibrio di batteri utili nel microbiota intestinale e il livello di infiammazione nel loro sistema nervoso centrale era ridotto.

I risultati indicano che l’effetto di kefir sui batteri intestinali si riflette nei tipi di segnali trasmessi dal cervello al resto del sistema. Pertanto, un microbioma intestinale bilanciato sembra influenzare il cervello per abbassare la pressione sanguigna a livelli sani.

“I nostri dati suggeriscono che i meccanismi antiipertensivi associati a kefir coinvolgono la comunicazione dell’intestino microbiota-cervello durante l’ipertensione”, concludono i ricercatori.

Like this post? Please share to your friends: