Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Alti livelli di vitamina D possono migliorare la forza muscolare

La vitamina D ha numerosi benefici per la salute, dal mantenere le nostre ossa e i denti sani potenzialmente anche proteggendo da malattie come il diabete e alcuni tipi di cancro. Un nuovo studio suggerisce che la vitamina D possa anche migliorare la forza muscolare.

[vitamina D scritta sulla sabbia]

La vitamina D è fondamentale per lo sviluppo e il mantenimento di ossa sane. Ha anche molti effetti positivi sul sistema immunitario, sulle ghiandole endocrine e sul sistema cardiovascolare.

Alcuni studi osservazionali hanno correlato la carenza di vitamina D a un rischio più elevato di carcinoma colorettale e mammario, mentre altri hanno trovato una correlazione tra i livelli di vitamina D e il rischio di malattie autoimmuni come il diabete di tipo 1 e la sclerosi multipla.

Un nuovo studio – condotto da ricercatori dell’Università di Birmingham nel Regno Unito – indaga l’effetto dei livelli di vitamina D sulla forza muscolare.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista.

Analizzando l’effetto della vitamina D sulla massa muscolare

Utilizzando una tecnologia innovativa, i ricercatori sono stati in grado di studiare sia i livelli di vitamina D attivi che quelli inattivi, insieme al loro impatto sulla forza muscolare.

La vitamina D, sia in forma D2 o D3, è, da sola, biologicamente inattiva, fino a quando non viene attivata da due reazioni enzimatiche: una nel fegato e l’altra nel rene.

Il Dr. Zaki Hassan-Smith, dell’Università di Birmingham, spiega la novità della procedura di ricerca nel presente studio:

“Precedenti studi hanno testato per le forme inattive di vitamina D nel sangue, per misurare la carenza di vitamina D. Qui, siamo stati in grado di sviluppare un nuovo metodo di valutazione di molteplici forme di vitamina D, insieme a numerosi test di composizione corporea, funzione muscolare, e espressione genica muscolare “.

Il team ha esaminato i livelli di vitamina D in 116 partecipanti sani di età compresa tra i 20 ei 74 anni. Hanno anche misurato il grasso corporeo dei partecipanti e la “massa corporea magra”: una misura della massa muscolare, ottenuta sottraendo il peso corporeo del grasso corporeo.

La vitamina D supplementare può migliorare la funzione muscolare

I ricercatori hanno scoperto che le donne che avevano una composizione sana e bassi livelli di grasso corporeo erano meno inclini ad alti livelli di vitamina D inattiva – un marcatore comune di carenza di vitamina D.

Al contrario, le donne con più grasso corporeo tendevano ad avere meno vitamina inattiva D. Mentre ciò suggerisce una relazione tra vitamina D e composizione corporea, la forma attiva di vitamina D non era correlata al grasso corporeo. Invece, i livelli di vitamina D erano collegati con la massa magra.

Le persone che avevano una maggiore massa magra e massa muscolare avevano anche livelli più alti di vitamina D. attiva. Ciò suggerisce che la vitamina D attiva può aiutare a ottimizzare la forza muscolare.

Il Dr. Hassan-Smith spiega i risultati, che riprendono gli studi precedenti che hanno suggerito un collegamento tra la mancanza di massa muscolare e bassi livelli di vitamina D:

“Osservando più forme nello stesso studio, possiamo dire che è una relazione più complessa che in precedenza si pensava: può essere che il grasso corporeo sia collegato a livelli aumentati di vitamina D inattiva, ma la massa magra è la chiave per livelli elevati di vitamina D. attiva. È fondamentale comprendere il quadro completo e i meccanismi causali al lavoro, in modo che possiamo imparare come integrare l’assunzione di vitamina D per migliorare la forza muscolare “.

Gli scienziati osservano inoltre che alcune delle associazioni benefiche non sono state trovate negli uomini e che sono necessari studi futuri su scala più ampia per stabilire se le differenze rilevate siano puramente biologiche. I ricercatori hanno in programma di lavorare con colleghi internazionali per studiare i meccanismi negli studi di laboratorio e nelle sperimentazioni cliniche.

“Abbiamo una buona comprensione di come la vitamina D aiuta la resistenza ossea, ma abbiamo ancora bisogno di saperne di più su come funziona per i muscoli”, spiega il dott. Hassan-Smith. “Quando si esaminano le sfide significative che devono affrontare i fornitori di servizi sanitari in tutto il mondo, come l’obesità e l’invecchiamento della popolazione, è possibile vedere come l’ottimizzazione della funzione muscolare sia di grande interesse”.

Scopri come i livelli di vitamina D alla nascita possono predire il rischio di sclerosi multipla.

Like this post? Please share to your friends: