Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Alzheimer: la droga per il diabete a tripla azione è promettente come trattamento

Scienziati nel Regno Unito e in Cina hanno scoperto che un nuovo farmaco per il diabete di tipo 2 può proteggere il cervello dai danni causati dalla malattia di Alzheimer, dopo averlo testato nei topi.

tre bottiglie di pillola

In un nuovo articolo pubblicato sulla rivista, i ricercatori spiegano come il farmaco a “tripla azione” abbia provocato un’inversione significativa della perdita di memoria nei topi geneticamente modificati per sviluppare la malattia di Alzheimer simile all’uomo.

Il nuovo farmaco “promette chiaramente di essere sviluppato in un nuovo trattamento per i disturbi neurodegenerativi cronici come il morbo di Alzheimer”, afferma il leader dello studio Christian Hölscher, professore presso la facoltà di salute e medicina dell’Università di Lancaster nel Regno Unito.

L’Alzheimer è una malattia devastante per il cervello che rappresenta il 50-75% dei casi di demenza, che è una condizione in cui le persone perdono gradualmente la capacità di pensare, ricordare, prendere decisioni, tenere una conversazione e prendersi cura di se stesse.

Con il progredire della malattia, il cervello subisce cambiamenti biologici e chimici, e particolari aree si restringono quando le cellule nervose, o neuroni, muoiono.

Le cause esatte dell’Alzheimer sono attualmente sconosciute, ma gli esami al microscopio del tessuto cerebrale interessato hanno rivelato due segni distintivi: accumuli anormali di segmenti proteici noti come “placche” e “grovigli”.

I trattamenti attuali non fanno davvero la differenza

Il numero di persone con la malattia di Alzheimer sta aumentando rapidamente con l’invecchiamento della popolazione. Nel 2015, ci sono stati circa 46,8 milioni di persone in tutto il mondo che vivono con demenza, e questo numero dovrebbe raggiungere oltre 130 milioni nel 2050.

Negli Stati Uniti, dove l’Alzheimer è attualmente la sesta causa di morte, ci sono circa 5 milioni di persone che vivono con il morbo di Alzheimer. Si prevede che questo aumento a 16 milioni entro il 2050, accompagnato da un aumento significativo dei costi.

Per gli Stati Uniti, il costo del morbo di Alzheimer e di altre cause di demenza nel 2017 era stimato a $ 259 miliardi e si prevede che aumenti fino a $ 1,1 miliardi nel 2050.

Al momento non esiste una cura per la malattia di Alzheimer e non esistono trattamenti che facciano una differenza significativa ai sintomi.

La medicina aumenta l’attività di tre fattori di crescita

Il diabete di tipo 2 è una malattia che deriva dalla resistenza all’insulina, una condizione in cui le cellule diventano meno sensibili all’insulina e quindi meno capaci di assorbire il glucosio dal sangue per utilizzarlo come energia.

Il pancreas produce più insulina per compensare, ma alla fine non sarà in grado di tenere il passo e il livello di glucosio nel sangue aumenterà, portando a prediabete, diabete e altri problemi di salute.

Il farmaco che il Prof. Hölscher e il suo gruppo hanno testato nel nuovo studio è un “agonista del triplo recettore” che attiva le proteine ​​che consentono i segnali di tre fattori di crescita – chiamati peptide-1 glucagone-simile, polipeptide insulinotropico glucosio-dipendente e glucagone – inserire le celle.

Precedenti studi hanno rivelato che il diabete di tipo 2 è un fattore di rischio per l’Alzheimer e che sono stati rilevati problemi con la segnalazione del fattore di crescita nel cervello delle persone con la malattia.

Il nuovo studio è il primo a dimostrare che un triplo recettore agonista può proteggere il cervello dal danno cerebrale progressivo che si verifica nella malattia di Alzheimer.

“Effetti neuroprotettivi coerenti”

I ricercatori hanno testato il farmaco su topi APP / PS1 anziani i cui cervelli erano nelle fasi avanzate della degenerazione. Topi APP / PS1 sono progettati “topi transgenici” che trasportano versioni di geni umani collegati a una forma ereditaria di Alzheimer.

In un test di apprendimento del labirinto, i topi trattati hanno mostrato una migliore formazione della memoria. Inoltre, l’esame del loro tessuto cerebrale ha mostrato una riduzione delle placche amiloidi, dell’infiammazione e dello stress ossidativo.

Topi trattati hanno mostrato tassi più elevati di nuova generazione di cellule nervose e connessioni cellula-cellula, e aumentati livelli di un fattore di crescita chiamato fattore neurotrofico derivato dal cervello, che protegge le cellule nervose.

“Questi risultati molto promettenti”, afferma il prof. Hölscher, “dimostrano l’efficacia di questi nuovi farmaci a più recettori originariamente sviluppati per trattare il diabete di tipo 2, ma hanno mostrato effetti neuroprotettivi coerenti in diversi studi”.

Egli osserva che gli studi clinici che hanno utilizzato una versione più vecchia dello stesso tipo di farmaco hanno già mostrato “risultati molto promettenti nelle persone con malattia di Alzheimer o con disturbi dell’umore”.

I ricercatori ritengono che i loro risultati indicano una direzione “promettente” in cui cercare nuovi trattamenti per la malattia di Alzheimer.

“Qui mostriamo che un nuovo farmaco a triplo recettore mostra promessa come un potenziale trattamento per l’Alzheimer, ma ulteriori test di risposta alla dose e confronti diretti con altri farmaci devono essere condotti al fine di valutare se questo nuovo farmaco è superiore a quelli precedenti”.

Prof. Christian Hölscher

Like this post? Please share to your friends: