Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Alzheimer: possono essere coinvolte proteine ​​al di fuori del cervello

Uno studio su topi ha scoperto che la beta amiloide, la proteina che causa uno dei tratti distintivi del morbo di Alzheimer nel cervello, può anche provenire da altre parti del corpo.

neuroni oscuri

Nella rivista, i ricercatori descrivono come hanno attaccato chirurgicamente i topi l’un l’altro per diversi mesi per mostrare che l’beta amiloide nel sangue può entrare nel cervello e causare sintomi della malattia di Alzheimer.

Se i risultati dello studio sono veri per gli esseri umani, il team spera che possano condurre a farmaci che non hanno come bersaglio il cervello, che è difficile da raggiungere e curare. Potrebbe essere più facile eliminare la proteina prima che raggiunga il cervello, ad esempio prendendo di mira il fegato oi reni.

Mentre la ricercatrice co-senior Weihong Song, professore di psichiatria presso l’Università della British Columbia in Canada, spiega: “La barriera emato-encefalica si indebolisce con l’avanzare dell’età. Ciò potrebbe consentire a più beta amiloide di infiltrarsi nel cervello, completando ciò che è prodotto da il cervello stesso e accelerando il deterioramento “.

La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza, che è una malattia che distrugge il cervello che distrugge progressivamente la capacità delle persone di ragionare, ricordare, comunicare e prendersi cura di se stessi.

Anche se esiste un tipo di Alzheimer che può colpire i più giovani, è più comune tra coloro che hanno 60 anni o più.

Beta-amiloide e placche

Dei 47 milioni di persone in tutto il mondo con demenza, circa il 65 per cento si pensa che abbia il morbo di Alzheimer.

Negli Stati Uniti, ci sono circa 5 milioni di persone che vivono con il morbo di Alzheimer e questo numero dovrebbe raggiungere i 14 milioni entro il 2050.

La causa esatta dell’Alzheimer non è ancora chiara. Gli esperti generalmente ritengono che ci siano diverse cause e che si presentano in modo diverso in persone diverse.

Un tratto distintivo della malattia è la presenza nel cervello di depositi appiccicosi e anormali di proteina beta amiloide. Poiché i depositi – noti anche come placche – aumentano, interrompono le cellule cerebrali e le loro connessioni tra loro e alla fine le cellule cerebrali muoiono.

La beta amiloide deriva da una proteina più grande che si trova non solo nel cervello ma anche in altri organi. Viene anche prodotto nelle piastrine del sangue, nei muscoli e nei vasi sanguigni.

Targhe e “grovigli”

Nel loro rapporto di studio, i ricercatori spiegano che a causa della barriera emato-encefalica, c’è stata una convinzione generale che la beta amiloide che causa le placche cerebrali rinvenute nella malattia di Alzheimer abbia origine solo nel cervello. Questa visione, tuttavia, non è mai stata testata.

Per il loro studio, il team ha progettato topi per trasportare una versione di un gene umano che produce alti livelli di beta-amiloide e li ha attaccati chirurgicamente – in un metodo chiamato “parabiosi” – a topi “wild-type” normali.

Dopo un periodo di 12 mesi, i topi normali avevano sviluppato la malattia di Alzheimer, incluso l’accumulo di placche di beta-amiloide tra le cellule cerebrali.

Il team ha anche scoperto che alcune delle cellule cerebrali degli animali contenevano caratteristiche simili a “grovigli” o fili intrecciati di proteine, che sono un’altra caratteristica della malattia di Alzheimer. Questi grovigli uccidono anche le cellule cerebrali.

C’erano anche altri segni del morbo di Alzheimer, come la degenerazione delle cellule cerebrali, i piccoli sanguinamenti e l’infiammazione.

Inoltre, dopo soli 4 mesi di aderenza ai topi portatori del gene mutato, i cervelli dei topi normali stavano già mostrando interruzioni ai segnali elettrici che trasportano informazioni tra le cellule.

Il Prof. Song dice che la beta amiloide aveva viaggiato dai topi con il gene mutato attraverso il flusso sanguigno fino al cervello dei topi normali.

“La malattia di Alzheimer è chiaramente una malattia del cervello, ma dobbiamo prestare attenzione a tutto il corpo per capire da dove viene e come fermarlo”.

Prof. Weihong Song

Like this post? Please share to your friends: