Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Amoxicillina antibiotica non è migliore del placebo per la maggior parte delle infezioni del seno

Se hai un’infezione sinusale, prendendo un corso di amoxicillina, un farmaco antibiotico, non ti aiuta a recuperare più velocemente o ridurre i sintomi in modo più efficace rispetto a un placebo inattivo, secondo un nuovo studio della Washington University School of Medicine a St.Louis, Missouri, USA, pubblicato nel numero di JAMA del 15 febbraio.

La prima autrice, Jane M Garbutt, è professore associato di ricerca presso la School of Medicine. Ha detto ai media che i suoi colleghi e i suoi colleghi ritengono che gli antibiotici siano abusati nelle cure primarie e fanno riferimento agli sforzi dei Centers for Prevention Control and Prevention (CDC) per incoraggiare un uso più giudizioso delle droghe.

“Ci auguriamo che questo studio fornisca prove scientifiche che i medici possano utilizzare con i pazienti per spiegare che un antibiotico non è in grado di aiutare un’infezione sinusale acuta”, ha affermato Garbutt.

L’autore senior Dr Jay F Piccirillo, professore di otorinolaringoiatria presso la Scuola, ha dichiarato:

“I nostri risultati mostrano che gli antibiotici non sono necessari per una infezione sinusale di base – la maggior parte delle persone migliora da sola”.

Sinusite significa infiammazione di un seno, uno dei piccoli spazi pieni d’aria all’interno della fronte e degli zigomi. I seni makemucus che normalmente drenano attraverso piccoli tubi nel naso. La maggior parte delle incidenze di sinusite sono dovute all’infezione e principalmente influenzano quelle degli zigomi.

La sinusite è molto comune negli Stati Uniti, dove 1 su 5 prescrizioni per gli antibiotici sono per il trattamento della condizione.

Una delle ragioni per cui la campagna del CDC per incoraggiare un uso più giudizioso degli antibiotici è il numero crescente di batteri più specifici che stanno sviluppando resistenza agli antibiotici, quindi lo scopo dello studio era di vedere se questo uso molto comune di tali farmaci fosse efficace. E i risultati mostrano che non lo è.

Invece di somministrare immediatamente antibiotici come l’amoxicillina, quelli studiati in questo studio, i ricercatori suggeriscono che i medici e i pazienti dovrebbero solo trattare i sintomi, come dolore, febbre, tosse e congestione, e monitorare la situazione per vedere se è necessario un ulteriore trattamento.

Per il loro studio, Garbutt e colleghi hanno esaminato i dati su 166 adulti con infezione sinusale acuta i cui sintomi corrispondevano a quelli raccomandati da un gruppo di esperti di CDC. I pazienti sono stati reclutati attraverso i centri di cura primari a St. Louis.

Per essere inclusi nello studio, i sintomi dovevano essere moderati, severi o molto severi: in particolare dovevano includere dolore ortensionale nel viso e nei seni, e secrezione nasale della durata compresa tra 7 e 28 giorni.

I pazienti con sinusite cronica o complicanze gravi della condizione non sono stati inclusi. Gravi complicazioni includono infezioni dell’orecchio o del torace.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere un corso di 10 giorni di amoxicillina o un corso di 10 giorni di placebo. Entrambi i gruppi hanno anche ricevuto farmaci per alleviare sintomi come dolore, tosse, febbre e congestione.

I ricercatori hanno valutato i sintomi dei partecipanti in vari punti dello studio: all’inizio (giorno 0) e poi nei giorni 3, 7, 10 e 28. Ad ogni valutazione, i partecipanti hanno compilato un questionario chiamato Test risultato sinonasale-16 (SNOT-16) che asserisce un numero di misure di qualità della vita correlate alla condizione.

I ricercatori hanno anche notato ricadute e recidive di sintomi e giorni assenti dal lavoro.

I risultati hanno mostrato che al terzo giorno non vi era alcuna differenza tra il gruppo trattato e il gruppo placebo su nessuna delle misure. Il giorno 7, c’è stato un piccolo miglioramento nel gruppo di trattamento, come valutato dalle risposte al questionario.

Ma Garbutt ha detto che è improbabile che questa piccola differenza rappresenti un sollievo evidente nei sintomi.

“Anche se si trattava di un cambiamento statisticamente significativo, probabilmente non è un cambiamento che un paziente potrebbe notare”, ha detto Garbutt.

Il piccolo miglioramento era scomparso al 10 ° giorno, momento in cui 8 su 10 dei partecipanti in entrambi i gruppi hanno riferito che i loro sintomi erano andati del tutto o erano molto migliorati.

I risultati hanno mostrato che non vi era alcuna differenza tra i gruppi nella quantità di farmaci per la cura dei sintomi che hanno scelto di usare.

Mentre lo studio dimostra che gli antibiotici non funzionano per la sinusite acuta, non risponde alla domanda su cosa funzioni per questa “brutta malattia” come la descrive Garbutt:

“Le persone hanno sintomi significativi, si sentono infelici e perdono tempo dal lavoro.Se un antibiotico non sarà di nessun tipo, allora qual è? Questa è una domanda alla quale non abbiamo ancora risposto, ma ci stiamo lavorando”, ha detto .

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: