Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Analisi del liquido spinale cerebrale: cosa mostra?

L’analisi del liquido cerebrospinale è un test utilizzato per diagnosticare condizioni che influenzano il sistema nervoso centrale.

Il liquido cerebrospinale (CSF) è un liquido chiaro che viene prodotto principalmente nei ventricoli del cervello. Circonda e protegge il cervello e il midollo spinale, che costituiscono il sistema nervoso centrale (SNC).

Un medico raccoglierà un campione di fluido dalla parte bassa della schiena di una persona durante una procedura chiamata puntura lombare, che è anche nota come “spina spinale”.

Cosa può diagnosticare l’analisi CSF?

Radiografia della testa e della colonna vertebrale

Condizioni autoimmuni, come la sclerosi multipla (SM) e la sindrome di Guillain-Barré, possono portare a una risposta infiammatoria, che può essere rilevata dalla presenza di autoanticorpi nel liquido cerebrospinale.

I medici possono anche identificare alcuni tipi di cancro, compresa la leucemia, poiché il test di analisi del CSF potrebbe rivelare un aumento del numero di globuli bianchi. I medici usano anche il test di analisi del CSF per verificare la presenza di tumori primitivi e metastatici nel SNC.

Il test di analisi del CSF può anche diagnosticare la malattia di Alzheimer, misurando i livelli di beta amiloide 1-42 (Aß1-42) e proteine ​​p- e t-tau.

In caso di malattie infettive che causano meningite ed encefalite, i medici usano un test del CSF per scoprire se la causa è virale, fungina, batterica o a causa di un parassita, che influenzerà il corso del trattamento.

La barriera emato-encefalica

Il cervello e il flusso sanguigno sono separati dalla barriera emato-encefalica. Questa barriera blocca le grandi molecole, le tossine e la maggior parte delle cellule del sangue che viaggiano dal sangue al cervello. Il midollo spinale e il flusso sanguigno hanno anche una barriera del midollo spinale.

Se una persona ha una condizione che colpisce il sistema nervoso centrale, interromperà la barriera emato-encefalica, che di solito può essere rilevata dai cambiamenti nella composizione del liquido spinale.

Cos’è CSF?

CSF circonda e protegge il cervello e il midollo spinale. Ogni giorno circa 500-600 ml di liquido cerebrospinale chiaro e acquoso si formano nei ventricoli del cervello. Il fluido viene continuamente fatto circolare e quindi assorbito nel sangue.

Questo fluido ha diverse funzioni. Protegge il cervello agendo come un cuscino e può rimuovere sostanze nocive, compresi i farmaci.

Il CSF aiuta a mantenere la pressione nella cavità cranica e nel canale spinale a livelli costanti. Trasporta anche ormoni da dove vengono prodotti a parti del cervello dove sono necessari.

Cos’è una puntura lombare?

Se un medico sospetta che una persona abbia una patologia che colpisce il SNC o che il cancro possa essersi diffuso al SNC, la persona può essere sottoposta a una puntura lombare.

I segni e i sintomi delle condizioni che interessano il SNC includono:

Puntura lombare

  • cambiamenti nella coscienza e nello stato mentale
  • mal di testa improvvisi, gravi o persistenti
  • confusione, allucinazioni o convulsioni
  • nausea
  • sensibilità alla luce
  • torpore o tremore
  • vertigini
  • difficoltà di parola
  • difficoltà a camminare
  • sbalzi d’umore e depressione

Cosa succede durante una puntura lombare

I medici di solito eseguono una puntura lombare su una persona che giace ancora in posizione fetale. Il medico pulirà la pelle della zona lombare e inietterà un anestetico locale.

Una volta che la schiena è insensibile, il medico inserirà un ago cavo nel canale spinale (contenente il midollo spinale) tra due vertebre. Questa parte della procedura è chiamata “apertura”.

Il medico raccoglierà campioni di CSF in fiale sterili prima di ritirare l’ago; applicheranno quindi una medicazione e una pressione sterili come parte della “chiusura”.

La procedura di solito dura circa 30 minuti e potrebbe essere scomoda.

Rischi e considerazioni

Alcune persone provano un mal di testa tra 24 e 48 ore dopo la procedura. Le persone hanno descritto il dolore come un dolore sordo o palpitante nella parte anteriore della testa, a volte diffondendosi al collo e alle spalle.

I farmaci da banco possono aiutare ad alleviare il dolore, ma se il dolore è grave o è accompagnato da vomito e vomito, è importante consultare un medico.

Per ridurre il rischio di sviluppare un mal di testa da puntura post-lombare, a una persona verrà chiesto di sdraiarsi tranquillamente sulla schiena e di non sollevare la testa per 1 o 2 ore dopo la procedura.

La puntura lombare viene eseguita sotto la fine del midollo spinale dove ci sono piccoli fili di nervi. A volte, l’ago può entrare in contatto con una piccola vena, causando un tocco traumatico.

Se ciò accade, una piccola quantità di sangue può fuoriuscire in uno o più campioni, il che può influire sui risultati.

Alcune persone avvertono dolore lombare nell’area in cui si è svolta la procedura, mentre altre possono anche provare dolore alla parte posteriore delle gambe. I medici di solito raccomandano antidolorifici da banco e il dolore di solito scompare in pochi giorni.

Una persona può anche avvertire alcuni lividi e gonfiori legati a una piccola quantità di liquido che si sta raccogliendo sotto la pelle. Questo tende ad andare via senza trattamento.

risultati

Il liquido cerebrospinale che viene raccolto durante una puntura lombare conterrà proteine ​​e glucosio e potrebbe contenere anche globuli bianchi. Sarà esaminato per rilevare qualsiasi interruzione del normale flusso di liquido cerebrospinale o danni alla barriera emato-encefalica.

 Immagine: Brainhell, 2006 </ br>“></p> <p align=Test iniziali eseguiti sul CSF:

  • colore, chiarezza e pressione durante la raccolta
  • livelli di proteine
  • livelli di glucosio
  • numero totale di cellule presenti (numero di cellule)
  • numero di diversi tipi di cellule presenti (numero di cellule differenziali)
  • colorazione e coltura del grammo, se si sospetta un’infezione

A seconda dei risultati del test e dei segni e dei sintomi riscontrati dall’individuo, un medico può eseguire ulteriori test.

Questi rientrano in quattro grandi categorie:

  • Caratteristiche fisiche: includono la misurazione della pressione del flusso del liquido cerebrospinale e la verifica della conformità del colore e della consistenza.
  • Test chimici: rilevano o misurano le sostanze chimiche nel liquido cerebrospinale, inclusi i livelli di proteine ​​e glucosio, che di solito si correlano con la loro concentrazione nel sangue.
  • Conteggio delle cellule e differenziale: tutte le cellule presenti possono essere contate e identificate al microscopio.
  • Test delle malattie infettive: numerosi test possono identificare i microrganismi se si sospetta un’infezione.

Se l’analisi del CSF identifica eventuali irregolarità, un medico raccomanderà ulteriori test per aiutare a fare una diagnosi.

Like this post? Please share to your friends: