Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Anestesia generale nei bambini piccoli legata all’intelligenza più scarsa, allo sviluppo del linguaggio

L’anestesia chirurgica somministrata ai bambini di età inferiore ai 4 anni può essere associata a una ridotta densità della materia grigia in alcune regioni del cervello, portando ad un QI più basso e ad uno scarso sviluppo del linguaggio. Questo è secondo un nuovo studio condotto da ricercatori del Cincinnati Children’s Hospital, OH.

Un bambino che fa i compiti

L’autore dello studio principale Dr. Andreas Loepke, del Dipartimento di anestesiologia di Cincinnati Children, e colleghi pubblicano le loro scoperte sulla rivista.

In ricerche precedenti, il dott. Loepke e colleghi hanno scoperto che l’anestesia generale ha portato alla morte delle cellule nervose e al deterioramento cognitivo nei topi e nei ratti, che hanno suscitato preoccupazione su come l’anestesia generale possa avere un impatto sul cervello umano nei primi anni di vita – un periodo cruciale dello sviluppo neurologico.

Come tale, il team si è proposto di valutare in che modo l’anestesia generale somministrata ai bambini sottoposti a chirurgia prima dei 4 anni può influire sulla struttura del cervello, sul QI e sullo sviluppo del linguaggio.

“L’obiettivo finale della nostra ricerca clinica e di laboratorio è di migliorare la sicurezza e gli esiti nei bambini piccoli che non hanno altra scelta che sottoporsi a un intervento chirurgico con anestesia per trattare i loro gravi problemi di salute”, afferma il dott. Loepke.

“Dobbiamo anche capire meglio fino a che punto gli anestetici e altri fattori contribuiscono all’apprendimento delle anomalie nei bambini prima di apportare cambiamenti drastici alla nostra pratica attuale”, aggiunge, “che con tutte le misure è diventato molto sicuro”.

Anestesia prima dei 4 anni legata alla densità della materia grigia inferiore nel cervelletto, corteccia occipitale

I ricercatori hanno arruolato 53 partecipanti di età compresa tra 5 e 18 anni sottoposti a un intervento di anestesia generale prima dei 4 anni, a cui hanno partecipato 53 partecipanti di età non sottoposti a intervento chirurgico.

Nessuno dei bambini aveva una storia di malattia neurologica o psicologica, secondo il team, e nessuno aveva subito lesioni cerebrali traumatiche.

La risonanza magnetica (MRI) è stata utilizzata per analizzare le strutture cerebrali dei bambini, e ai bambini è stato anche richiesto di completare il QI e test di sviluppo del linguaggio, comprese le scale della lingua orale e scritta e la scala di intelligenza di Wechsler.

Mentre i punteggi dei test di tutti i bambini erano nel range di normalità rispetto alla popolazione generale, il team ha scoperto che quelli sottoposti a intervento chirurgico avevano un QI molto più basso e punteggi di sviluppo del linguaggio inferiori a quelli che non avevano avuto un intervento chirurgico.

Inoltre, i ricercatori hanno scoperto che i punteggi inferiori dei test tra i bambini sottoposti a intervento chirurgico erano mediati dalla ridotta densità della materia grigia nella corteccia occipitale e nel cervelletto del cervello.

Questi risultati sono rimasti dopo aver considerato potenziali fattori confondenti, tra cui l’età dei bambini, il sesso, lo stato socioeconomico, la mancata o mancata manualità, il tipo di intervento chirurgico e la durata dell’esposizione agli anestetici.

I punteggi più bassi del QI possono equivalere a una perdita di guadagni nel corso della vita di $ 560 miliardi

Secondo i ricercatori, i punteggi più bassi del QI identificati tra i bambini che hanno ricevuto l’anestesia generale per la chirurgia è l’equivalente di una potenziale perdita di circa 5-6 punti di QI.

Osservano che questa scoperta potrebbe avere importanti implicazioni per la società, puntando a uno studio precedente che stima che ogni perdita di 1 punto su IQ possa ridurre il potenziale di guadagni di una persona di 18.000 dollari.

I ricercatori calcolano che tra i 6 milioni di bambini sottoposti a chirurgia negli Stati Uniti ogni anno, una perdita di QI di 5-6 punti potrebbe equivalere a una perdita di guadagni nel corso della vita di $ 540 miliardi.

Il team osserva che le loro scoperte sottolineano l’importanza di trovare modi migliori per somministrare l’anestesia ai bambini piccoli sottoposti a chirurgia – cosa che stanno attualmente studiando in studi di laboratorio.

Tuttavia, sottolineano che le attuali tecniche di anestesia sono molto sicure e che i benefici della chirurgia per i bambini piccoli superano di gran lunga i rischi associati all’esposizione anestetica.

“È importante notare che nessun intervento chirurgico è veramente elettivo nei bambini piccoli”, osserva il dott. Loepke. “Molte procedure chirurgiche nelle prime fasi della vita trattano condizioni potenzialmente letali, evitano gravi complicazioni di salute o migliorano la qualità della vita, che non possono essere facilmente rimandate o evitate”.

Nel giugno 2014, è stato riportato uno studio pubblicato nel, che ha fornito informazioni su ciò che accade al cervello umano mentre recupera dagli effetti dell’anestesia generale.

Il gruppo di ricerca – incluso Andrew Hudson dell’Università della California – Los Angeles – ha scoperto che il cervello deve passare attraverso una serie di determinati stati, o “stazioni di via”, per riprendersi dall’anestesia.

“Abbiamo scoperto che alcuni stati fungono da hub attraverso i quali il cervello deve passare per continuare sulla sua strada verso la coscienza”, spiega Hudson.

Like this post? Please share to your friends: