Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Animali domestici: sei consapevole dei rischi per la salute umana?

Non c’è dubbio che l’America è una nazione di amanti degli animali. Nel 2012, oltre il 62% delle famiglie americane includeva almeno un animale domestico. Ma mentre molti di noi sono consapevoli dei numerosi vantaggi della proprietà degli animali domestici, sei consapevole dei suoi rischi per la salute umana?

Una donna e il suo cane

Quelli di voi che hanno un gatto, un cane, un uccello o qualsiasi altro animale nella vostra famiglia probabilmente considereranno quell’animale domestico come un membro della vostra famiglia, e giustamente.

Gli animali domestici offrono conforto e compagnia, e non possiamo fare a meno di amarli. Infatti, quando si tratta di cani, un recente studio ha rilevato che il bagliore del famoso “occhi da cucciolo” scatena un enorme aumento del 300% dei livelli di ossitocina dei proprietari – l ‘”ormone amoroso” coinvolto nel legame materno.

Inoltre, gli animali domestici offrono una serie di benefici per la salute umana. Nel dicembre 2014, è stato riportato uno studio che associava animali domestici con abilità sociali più forti nei bambini con autismo. E a maggio 2013, uno studio pubblicato sulla rivista collegava la proprietà degli animali domestici a una riduzione del rischio di malattie cardiache.

Ma mentre gli animali domestici possono beneficiare la nostra salute in un certo numero di modi, hanno anche il potenziale per diffondere l’infezione e causare malattie umane. In questo Riflettore, diamo un’occhiata ad alcuni dei rischi per la salute associati alla proprietà di molti degli animali più amati della nazione.

campilobatteriosi

Molti di noi hanno sentito parlare. Il batterio è una delle cause più comuni di diarrea negli Stati Uniti, che si stima influisca ogni anno su oltre 1,3 milioni di persone.

Così come la diarrea, l’infezione con – chiamata campilobatteriosi – può causare crampi, dolori addominali e febbre entro 2-5 giorni dall’esposizione ai batteri.

Mentre la maggior parte dei casi è causata dall’esposizione a cibo contaminato – in particolare carne e uova – e acqua, può anche essere contratta attraverso l’esposizione a feci di un animale infetto – inclusi cani e gatti.

Secondo PetMD, circa il 49% dei cani e il 45% dei gatti randagi trasportano e lo gettano nelle loro feci. È più comune nei cuccioli e gattini di età inferiore ai 6 mesi.

Va notato che l’infezione con è raramente pericolosa per la vita, sebbene i soggetti con un sistema immunitario debole, i bambini piccoli e gli anziani siano maggiormente a rischio.

Tenia, anchilostoma e nematodi

è la tenia più comune in entrambi i cani e gatti negli Stati Uniti. È causato dall’ingestione di pulci che trasportano le larve di tenia. Questo può accadere quando l’animale si pulisce da solo.

può essere trasmesso agli esseri umani, sebbene il rischio di infezione sia molto basso. Più comunemente si verifica nei bambini piccoli che accidentalmente ingoiano una pulce infetta.

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il controllo delle pulci è il modo migliore per ridurre il rischio di infezione sia negli animali domestici che negli esseri umani.

Un anchilostoma

, e sono solo alcune delle specie di anchilostoma che possono infettare cani e gatti.

Il parassita dell’anchilostoma può essere versato nelle feci degli animali, e gli esseri umani possono contrarla entrando in contatto con feci infette o terreno e sabbia contaminati dove tali feci sono state.

L’infezione da anchilostoma nell’uomo causa più comunemente una condizione cutanea chiamata larva migrans cutanea (CLM), in cui le larve di anchilostoma penetrano nella pelle. Ciò provoca una eruzione cutanea rossa, pruriginosa e talvolta dolorosa.

In rari casi, ceppi specifici di anchilostoma possono infettare l’intestino degli esseri umani, causando dolore addominale e diarrea.

La toxocariasi è un’infezione causata dalla trasmissione di – nematodi parassitari – da cani e gatti agli esseri umani. Secondo il CDC, quasi il 14% degli americani ha anticorpi, indicando che milioni di noi sono stati esposti al parassita.

Nei cani e nei gatti infetti, le uova del parassita sono versate nelle loro feci. Gli esseri umani possono contrarre il parassita inghiottendo accidentalmente lo sporco che è stato contaminato da queste feci.

Anche se sembra che l’esposizione umana sia elevata, la maggior parte delle persone infette non sviluppa sintomi o si ammala. Nei rari casi in cui le persone si ammalano di toxocariasis, la condizione può causare infiammazione e perdita della vista in un occhio (toxocariasis oculare), o dolore addominale, febbre, stanchezza e tosse a causa di danni a vari organi (toxocariasis viscerale).

Salmonellosi

Sebbene non siano così carini e vaporosi come gattini e cuccioli, i rettili – come tartarughe, serpenti e lucertole – sono di proprietà di circa il 3% delle famiglie negli Stati Uniti.

Non c’è dubbio che i rettili sono creature interessanti e possono creare animali domestici brillanti, ma sono anche portatori di un batterio responsabile della salmonellosi. Gli esseri umani possono contrarre i batteri semplicemente toccando un rettile e ingerendo i germi.

Secondo il CDC, ogni anno oltre 1 milione di persone negli Stati Uniti si ammalano di infezione. Di queste malattie, oltre 70.000 sono causate dal contatto con i rettili.

Entro 12-72 ore dall’infezione, le persone possono sperimentare diarrea, febbre e crampi addominali che durano circa 4-7 giorni. Mentre la maggior parte delle persone guarisce completamente senza cure, altre potrebbero dover essere ricoverate in ospedale.

Le tartarughe sono il principale responsabile dell’infezione negli Stati Uniti. La vendita di tartarughe di meno di 4 pollici è stata addirittura vietata dalla Food and Drug Administration (FDA) negli Stati Uniti nel 1975 a causa del loro elevato rischio di malattia, in particolare tra i bambini piccoli, gli anziani e le persone con un sistema immunitario debole.

Rabbia

La rabbia è una delle malattie più gravi che gli esseri umani possono contrarre da cani e gatti, così come animali più piccoli come i furetti. Secondo uno studio recente, la malattia uccide ogni anno circa 59.000 persone in tutto il mondo.

La rabbia è una malattia che infetta il sistema nervoso centrale (SNC). Causata da un morso di un animale infettato dal virus della rabbia, la malattia causa febbre, mal di testa e debolezza, prima di passare a sintomi più gravi – tra cui allucinazioni, paralisi totali o parziali, insonnia, ansia e difficoltà a deglutire.La morte si verifica normalmente entro pochi giorni dall’apparizione di sintomi più gravi.

Secondo il CDC, gli animali domestici rappresentavano l’8% di tutti gli animali rabbiosi segnalati nel 2010.

Negli Stati Uniti, il modo più comune in cui gli animali domestici possono contrarre la rabbia è attraverso un morso di animali selvatici infetti, in particolare volpi, procioni, moffette e pipistrelli. I sintomi si presentano normalmente 1-3 giorni dopo l’infezione e comprendono salivazione in eccesso, paralisi e insolita timidezza o aggressività.

Se un proprietario sospetta che il suo animale possa essere stato morso da un animale rabbioso, deve portarlo immediatamente da un veterinario, anche se è stato vaccinato contro il virus. Qualsiasi persona che crede di essere stata morsa da un animale rabbioso deve cercare assistenza medica immediata.

Pappagallo

Nonostante il suo nome, la pappagia non si verifica solo nei pappagalli – tutti gli uccelli possono essere colpiti. Tuttavia, la trasmissione umana della malattia coinvolge più comunemente pappagalli, parrocchetti, are, cockatiels e pollame, in particolare tacchini e anatre.

Conosciuto anche come psittacosi, la febbre del pappagallo è una malattia batterica causata da un batterio chiamato che gli esseri umani possono contrarre attraverso l’inalazione di secrezioni di uccelli, tra cui urina e feci.

Se una persona viene infettata, i sintomi di solito compaiono circa 10 giorni dopo l’esposizione. Questi possono includere febbre, nausea e vomito, diarrea, affaticamento, dolore toracico e mancanza di respiro.

Nei casi più gravi, l’infezione può causare infiammazione del cervello, del fegato e di altri organi interni. Può anche ridurre la funzione polmonare e causare la polmonite.

È importante notare, tuttavia, che la febbre dei pappagalli negli esseri umani è molto rara negli Stati Uniti. Secondo il CDC, sono infettate meno di 50 persone all’anno, e questo è stato il caso dal 1996.

Toxoplasmosi

La toxoplasmosi è una malattia causata da un parassita monocellulare -. È più comunemente contratta negli esseri umani attraverso l’ingestione di carne cruda o contaminata.

Un gatto che usa la lettiera

Tuttavia, gli esseri umani possono contrarsi anche entrando in contatto con le feci di gatto o con qualsiasi area o oggetto contaminato da feci di gatto, poiché i felini ne sono portatori. non può essere assorbito attraverso la pelle, ma l’infezione può verificarsi se il parassita viene accidentalmente ingerito.

Si stima che siano infettate oltre 60 milioni di persone negli Stati Uniti. Tuttavia, pochissime persone si ammalano dall’infezione poiché il sistema immunitario umano è normalmente in grado di combatterlo.

Se l’infezione presenta sintomi, questi possono includere ghiandole gonfie e dolori muscolari. Nei casi molto gravi, l’infezione può causare danni al cervello e ad altri organi o danni agli occhi.

Le donne incinte, le persone anziane, i bambini piccoli e le persone con un sistema immunitario indebolito sono a più alto rischio di sviluppare sintomi da infezione.

Malattia da graffio di gatto

Anche se i nostri simpatici gattini raramente vogliono graffiarci, succede. E mentre molti di noi non pensano a nulla di un piccolo pascolo dall’artiglio di un gatto, hanno il potenziale di causare più danni di quanto si possa pensare.

La malattia da graffio di gatto (CSD) è causata da un batterio chiamato, che circa il 40% dei gatti trasporta a un certo punto della loro vita, sebbene la maggior parte non mostri segni di malattia.

è più comune nei gattini sotto l’età di 1 anno, e dal momento che i gattini hanno maggiori probabilità di graffiare durante il tempo di gioco, sono più propensi a diffondere il batterio agli esseri umani.

Un segno precoce di CSD può essere un’infezione al sito del graffio circa 3-14 giorni dopo il verificarsi, caratterizzata da gonfiore, dolore e tenerezza. Possono anche presentare mal di testa, febbre, perdita di appetito e affaticamento e, in casi molto rari, la CSD può colpire il cervello, il cuore e altri organi.

I bambini di età inferiore ai 5 anni e le persone con un sistema immunitario indebolito hanno maggiori probabilità di manifestare sintomi gravi da CSD.

Cosa si può fare per prevenire le infezioni correlate agli animali domestici?

È chiaro che gli animali domestici possono contenere un’abbondanza di germi che possono essere trasmessi agli esseri umani, ma ci sono molti modi in cui le infezioni correlate agli animali domestici possono essere prevenute:

  • Lavarsi le mani: l’igiene è la chiave per prevenire la maggior parte delle infezioni correlate agli animali domestici. Dopo essere entrati in contatto con animali domestici, la loro saliva o le feci, le mani dovrebbero essere lavate accuratamente con acqua calda e sapone. Anche un graffio o un morso di un animale domestico devono essere puliti immediatamente
  • Raccogliere e smaltire le feci – lo smaltimento rapido delle feci del vostro animale domestico, in particolare nelle aree in cui i bambini possono giocare – può prevenire la diffusione di malattie agli esseri umani e ad altri animali
  • Evitare graffi e graffi – il modo migliore per evitare infezioni da morsi e graffi è quello di prevenirli. Se sei graffiato da un gatto, cane o altro animale, pulisci immediatamente la ferita con acqua calda e sapone. Un morso di gatto o cane può richiedere cure mediche a causa del rischio di rabbia o altre gravi infezioni
  • Fai vaccinare il tuo animale domestico e valuta regolarmente – visita regolarmente un veterinario per assicurarti che il tuo animale sia sano e per prevenire le malattie infettive. Inoltre, assicurati che il tuo animale domestico sia aggiornato con le vaccinazioni richieste.

È importante notare che la probabilità che una persona possa contrarre una malattia dal proprio animale sia bassa, in particolare se vengono prese le precauzioni corrette. Con questo in mente, non c’è motivo per cui i milioni di proprietari di animali domestici negli Stati Uniti non possano godere della compagnia e della gioia che i loro animali forniscono.

Like this post? Please share to your friends: