Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Anoressia nervosa: cosa devi sapere

L’anoressia nervosa è una condizione psicologica grave e un disturbo alimentare potenzialmente letale. Tuttavia, con il trattamento giusto, il recupero è possibile.

La condizione comunemente comporta sfide emotive, un’immagine corporea non realistica e una paura esagerata di diventare sovrappeso o obesi.

Spesso inizia durante l’adolescenza o la prima età adulta, ma può iniziare negli anni preadolescenza. È la terza malattia cronica più comune tra gli adolescenti.

I disturbi alimentari colpiscono circa 30 milioni di uomini e donne negli Stati Uniti. Sia gli uomini che le donne possono sviluppare l’anoressia, ma è 10 volte più comune nelle donne. Quasi 1 su 100 donne americane sperimenteranno l’anoressia in qualche momento.

L’anoressia nervosa è diversa dall’anoressia, il che significa perdita di appetito o incapacità di mangiare.

Fatti veloci sull’anoressia nervosa:

Ecco alcuni punti chiave sull’anoressia nervosa. Maggiori dettagli sono nell’articolo principale.

  • L’anoressia nervosa è una condizione psicologica che coinvolge un disturbo alimentare.
  • I sintomi includono un indice di massa corporea molto basso (BMI), un rifiuto di mangiare e tentativi di perdere peso, anche quando l’indice di massa corporea è molto basso.
  • Si pensa che sia innescato da una combinazione di fattori biologici, ambientali e genetici.
  • Il trattamento può richiedere un po ‘di tempo, ma con una combinazione di consulenza e altri tipi di terapia, il recupero è possibile.

Cos’è l’anoressia nervosa?

L'anoressia può portare a un'immagine del corpo distorta e un'avversione al cibo.

L’anoressia nervosa è una condizione psicologica e un disturbo alimentare in cui l’individuo perde più peso di quanto sia sano per la sua altezza ed età. L’individuo manterrà un peso corporeo dell’85 percento o meno del peso atteso.

Una persona con anoressia limiterà intenzionalmente l’assunzione di cibo, generalmente a causa della paura di essere o di diventare grassi, anche quando il loro indice di massa corporea (BMI) è già basso. Possono anche praticare esercizio eccessivo, usare lassativi e vomito per ridurre il peso, ma in misura minore rispetto a quelli diagnosticati con bulimia.

Le complicazioni possono essere gravi. Si dice che i disturbi alimentari abbiano il più alto tasso di mortalità di qualsiasi malattia mentale.

Il trattamento include l’ospedalizzazione e la consulenza.

Sintomi

L’anoressia nervosa è una condizione complessa, ma il segno principale è di solito una grave perdita di peso. La persona può anche parlare di sovrappeso, sebbene misure oggettive, come il BMI, dimostrino che ciò non è vero.

I cambiamenti comportamentali possono includere il rifiuto di mangiare, l’esercizio eccessivo e l’uso di lassativi o vomito dopo aver consumato cibo.

Altri segni e sintomi fisici derivanti da una mancanza di nutrienti includono:

  • grave perdita di massa muscolare
  • svogliatezza, stanchezza, esaurimento
  • ipotensione o pressione sanguigna
  • vertigini o vertigini
  • ipotermia, bassa temperatura corporea e mani e piedi freddi
  • stipsi e costipazione gonfiati o sconvolti
  • pelle secca
  • mani e piedi gonfi
  • alopecia o perdita di capelli
  • perdita delle mestruazioni o periodi meno frequenti
  • infertilità
  • insonnia
  • osteoporosi o perdita di densità ossea
  • unghie fragili
  • ritmi cardiaci irregolari o anormali
  • lanugine, capelli sottili e lanuginosi che crescono su tutto il corpo e aumento dei peli sul viso

I segni di vomito comprendono l’alitosi e la carie, a causa dell’acido nel vomito.

Segni e sintomi psicologici includono:

L'anoressia nervosa non consiste solo nell'evitare il cibo, ma porta anche sfide emotive.

  • eccessiva preoccupazione per essere grassi o sovrappeso
  • spesso misurando e pesando se stessi e ispezionando i loro corpi nello specchio
  • ossessione per il cibo, ad esempio, leggere libri di cucina
  • mentire sull’assunzione di cibo
  • non mangiare o rifiutare di mangiare
  • abnegazione
  • mancanza di emozioni o umore depresso
  • desiderio sessuale ridotto
  • perdita di memoria
  • comportamento ossessivo-compulsivo
  • irritabilità
  • over-esercizio

Cibo e cibo sono associati al senso di colpa. Potrebbe essere difficile parlare con la persona di un possibile problema, poiché probabilmente rifiutano di riconoscere che qualcosa è sbagliato.

Le cause

Nessuna singola causa è stata identificata per l’anoressia nervosa. Probabilmente accade come risultato di fattori biologici, ambientali e psicologici.

I seguenti fattori di rischio sono stati associati ad esso:

  • essere suscettibili alla depressione e all’ansia
  • avendo difficoltà a gestire lo stress
  • essere eccessivamente preoccupato, spaventato o dubbioso sul futuro
  • essere perfezionista e eccessivamente preoccupato per le regole
  • avere un’immagine di sé negativa
  • avere problemi di alimentazione durante la prima infanzia o l’infanzia
  • avendo avuto un disturbo d’ansia durante l’infanzia
  • tenendo idee specifiche riguardanti la bellezza e la salute, che possono essere influenzate dalla cultura o dalla società
  • avere un alto livello di contenimento emotivo o controllo sul proprio comportamento ed espressione

La persona può essere eccessivamente preoccupata per il loro peso e forma, ma questo non è necessariamente il fattore chiave.

Tra il 33 e il 50 per cento delle persone con anoressia ha anche un disturbo dell’umore, come la depressione, e circa la metà ha un disturbo d’ansia, come il disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) e la fobia sociale. Questo suggerisce che le emozioni negative e una bassa immagine di sé possono contribuire, in alcuni casi.

Una persona può sviluppare l’anoressia nervosa come mezzo per ottenere il controllo di alcuni aspetti della sua vita. Mentre esercitano il controllo sull’assunzione di cibo, questo sembra un successo, e così il comportamento continua.

Fattori ambientali

I fattori ambientali possono includere i cambiamenti ormonali che si verificano durante la pubertà, oltre a sentimenti di ansia, stress e bassa autostima.

Il trattamento mira ad aiutare un paziente a cambiare il modo in cui percepisce il cibo e il proprio corpo.

L’industria della moda e i messaggi dei media che suggeriscono che essere magri è bello potrebbe avere un impatto.

Altri fattori ambientali possono includere:

  • fisico, sessuale, emotivo o altri tipi di abuso
  • famiglia o altri problemi di relazione
  • essere sottomesso
  • una paura o esami e la pressione per avere successo
  • un evento di vita stressante, come il lutto o la disoccupazione

Secondo il Regno Unito (Regno Unito), le persone con anoressia “hanno veramente bisogno di avere il controllo delle loro vite, hanno bisogno di sentirsi speciali e hanno bisogno di un senso di padronanza”.

La ricerca pubblicata dal medico di famiglia americano descrive una persona con anoressia che usa “apporto calorico o esercizio eccessivo per controllare il bisogno o il dolore emotivo”.

Quando una persona si sente fuori controllo da uno o più aspetti della propria vita, non mangiare può essere un modo in cui possono almeno prendere il controllo del proprio corpo.

Fattori biologici e genetici

Gli studi hanno rilevato che alcune persone con disturbi alimentari possono avere uno squilibrio in alcune sostanze chimiche del cervello che controllano la digestione, l’appetito e la fame. Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questo.

I fattori genetici possono influenzare la suscettibilità di una persona ai disturbi alimentari, in quanto possono funzionare in famiglie. Si pensa che tra il 50 e l’80% del rischio di anoressia sia genetico.

Un circolo vizioso

Una volta che una persona inizia a perdere peso, un peso ridotto e la mancanza di sostanze nutritive possono contribuire ai cambiamenti del cervello in un modo che rafforza i comportamenti e i pensieri ossessivi legati all’anoressia nervosa.

I cambiamenti potrebbero coinvolgere la parte del cervello che controlla l’appetito, oppure potrebbero aumentare i sentimenti di ansia e senso di colpa che si associano al mangiare.

Nel 2015, i ricercatori hanno scoperto che le persone con anoressia nervosa possono avere diverse comunità microbiche intestinali rispetto a quelle senza la condizione. Gli autori hanno suggerito che ciò potrebbe contribuire all’ansia, alla depressione e all’ulteriore perdita di peso.

Uno studio del 2014 ha rilevato che le persone con anoressia nervosa sono meno in grado di distinguere tra diversi tipi di emozioni positive. Questo può portare ad un ulteriore comportamento di perdita di peso, poiché l’auto-privazione si associa a un senso di orgoglio.

Diagnosi

Una diagnosi precoce e un trattamento tempestivo aumentano le possibilità di un buon risultato. Una storia medica completa può aiutare con la diagnosi.

Il medico chiederà al paziente la perdita di peso, come si sentono riguardo al loro peso e, per le donne, alle mestruazioni. Può essere difficile per il paziente aprirsi e parlare francamente di se stessi. Possono essere necessari anni per confermare una diagnosi, specialmente se la persona era precedentemente obesa.

Se il medico rileva segni di anoressia nervosa, può ordinare test per escludere altre condizioni mediche di base con segni e sintomi simili.

Questi includono:

  • diabete
  • morbo di Addison
  • infezioni croniche
  • malassorbimento
  • immunodeficienza
  • malattia infiammatoria intestinale (IBS)
  • cancro
  • ipertiroidismo

Questi possono includere esami del sangue, scansioni di immagini e un elettrocardiogramma (ECG).

Criteri diagnostici

Secondo l’American Psychiatric Association (APA’s), i criteri diagnostici per l’anoressia nervosa sono i seguenti:

  1. Limitazione dell’apporto energetico in relazione alle esigenze che portano a un peso corporeo significativamente basso nel contesto dell’età, del sesso, della traiettoria dello sviluppo e della salute fisica.
  2. Intensa paura di ingrassare o ingrassare, anche se sottopeso.
  3. Disturbo nel modo in cui il peso o la forma del proprio corpo è sperimentato, indebita influenza del peso corporeo o della forma sull’autovalutazione o negazione della gravità dell’attuale basso peso corporeo.

La National Eating Disorders Association (NEDA) nota che anche senza rispettare tutti questi criteri, una persona può avere un grave disturbo alimentare.

Trattamento e recupero

Il trattamento può includere farmaci, psicoterapia, terapia familiare e consulenza nutrizionale.

Può essere difficile per una persona accettare di avere l’anoressia, e può essere difficile coinvolgerli nel trattamento, poiché la resistenza al cibo è difficile da rompere.

Il paziente può fluttuare nel loro livello di cooperazione e riconoscere che c’è un problema.

Un piano globale deve essere adattato per soddisfare le esigenze individuali.

Gli obiettivi del trattamento sono:

  • Per ripristinare il peso corporeo a un livello sano
  • Per trattare i problemi emotivi, tra cui bassa autostima
  • Per affrontare il pensiero distorto
  • Aiutare il paziente a sviluppare cambiamenti comportamentali che persisteranno a lungo termine

Il trattamento tende ad essere a lungo termine e la recidiva è possibile, specialmente durante i periodi di stress. Il supporto di familiari e amici è cruciale per risultati di successo e duraturi. Se i familiari riescono a comprendere la condizione e a identificarne i segni e i sintomi, possono sostenere la persona amata attraverso il processo di recupero e aiutare a prevenire una ricaduta.

Psicoterapia

La consulenza comprende la terapia cognitivo comportamentale (CBT), che si concentra sul cambiamento del modo in cui la persona pensa e si comporta. La CBT può aiutare un paziente a cambiare il modo in cui pensa al cibo e al peso corporeo e a sviluppare modi efficaci per rispondere a situazioni stressanti o difficili.

La consulenza nutrizionale ha lo scopo di aiutare il paziente a riguadagnare abitudini alimentari salutari. Imparano il ruolo di una dieta equilibrata nel mantenere una buona salute.

medicazione

Non esiste un farmaco specifico, ma potrebbero essere necessari supplementi nutrizionali e il medico può prescrivere farmaci per controllare l’ansia, il disturbo ossessivo-compulsivo (DOC) o la depressione.

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono ampiamente usati come antidepressivi, ma i pazienti possono assumerli solo quando il loro peso corporeo è almeno del 95 percento del normale per la loro altezza ed età.

La ricerca ha indicato che il farmaco antipsicotico, l’olanzapina, può aiutare i pazienti a raggiungere un peso corporeo più elevato, dopo di che possono usare un SSRI.

ricovero

Il ricovero può essere necessario in caso di grave perdita di peso o malnutrizione, un persistente rifiuto di mangiare o un’emergenza psichiatrica.

L’assunzione di cibo sarà aumentata gradualmente per consentire un aumento di peso sicuro.

complicazioni

Le complicazioni possono influire su ogni sistema corporeo e possono essere gravi.

Le complicazioni fisiche includono:

Problemi cardiovascolari: includono bassa frequenza cardiaca, bassa pressione sanguigna e danni al muscolo cardiaco.

Problemi di sangue: esiste un rischio più elevato di sviluppare leucopenia, o basso numero di globuli bianchi, e anemia, un basso numero di globuli rossi.

Problemi gastrointestinali: il movimento a livello intestinale rallenta significativamente quando una persona è gravemente sottopeso e mangia poco, ma questo si risolve quando la dieta migliora.

Problemi renali: la disidratazione può portare a un’urina altamente concentrata e a una maggiore produzione di urina. I reni di solito si riprendono quando i livelli di peso migliorano.

Problemi ormonali: livelli più bassi di ormoni della crescita possono portare a una crescita ritardata durante l’adolescenza. La normale crescita riprende con una dieta salutare.

Fratture ossee: i pazienti le cui ossa non sono ancora completamente sviluppate presentano un rischio significativamente più elevato di sviluppare osteopenia, riduzione del tessuto osseo e osteoporosi o perdita di massa ossea.

Circa 1 su 10 casi sono fatali. Oltre agli effetti fisici di una cattiva alimentazione, potrebbe esserci un rischio più elevato di suicidio. Un decesso su 5 correlato all’anoressia deriva dal suicidio.

La diagnosi precoce e il trattamento riducono il rischio di complicanze.

Vivere con l’anoressia nervosa

ha chiesto a Maria Rago, Ph.D., Presidente dell’Associazione Nazionale di Anoressia Nervosa e Disturbi Associati (ANAD), che individui, amici e familiari possono fare se pensano che loro o una persona cara possano avere anoressia nervosa.

Lei ci ha dato questi suggerimenti:

  • Sii gentile e rispettoso piuttosto che giudicante.
  • Consulta i fornitori di trattamenti per trovare buoni risultati e incontra alcune persone per decidere chi può essere il migliore.
  • Considera un gruppo di trattamento che includa un dietologo, un terapista e uno psichiatra tutti specializzati in disturbi alimentari.
  • Assicurati di avere tutta l’istruzione e il supporto che puoi.
  • Esaminare il trattamento e apportare modifiche quando si pensa meglio.

“Ricorda che le persone migliorano ogni giorno Ricorda che il recupero richiede tempo, quindi abbi pazienza con te stesso e colui che ami Spera, sii creativo e non mollare mai Diventa il capitano del tuo team di recupero. Cerca di capire la differenza tra il tuo la tua voce e la voce del tuo disturbo alimentare “.

Maria Rago, Presidente di ANAD

La signora Rago ha notato che l’ANAD ha gruppi di supporto gratuiti e programmi di mentoring per il recupero e invitano le persone a usufruire dei servizi gratuiti. “L’aiuto giusto può cambiarti la vita e persino salvarti la vita”, ha detto.

Like this post? Please share to your friends: