Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Antibiotici: tutto ciò che devi sapere

Gli antibiotici, noti anche come antibatterici, sono farmaci che distruggono o rallentano la crescita dei batteri.

Includono una serie di potenti farmaci e sono usati per curare malattie causate da batteri.

Infezioni causate da virus, come raffreddori, influenza, maggior tosse e mal di gola non possono essere trattate con antibiotici.

In questo articolo, spiegheremo che cosa sono gli antibiotici, come funzionano, eventuali effetti collaterali e discutiamo della resistenza agli antibiotici.

Fatti veloci sugli antibiotici

Ecco alcuni punti chiave sugli antibiotici. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • Alexander Fleming scoprì la penicillina, il primo antibiotico naturale, nel 1928.
  • Gli antibiotici non possono combattere le infezioni virali.
  • Fleming ha predetto l’aumento della resistenza agli antibiotici che vediamo oggi.
  • Gli antibiotici uccidono i batteri o ne rallentano la crescita.
  • Gli effetti collaterali possono includere diarrea e nausea.

Cosa sono gli antibiotici?

Alexander Fleming
Alexander Fleming scoprì la penicillina nel 1928.

Gli antibiotici sono potenti medicine che combattono alcune infezioni e possono salvare vite se usate correttamente. Gli antibiotici impediscono ai batteri di riprodursi o di distruggerli.

Prima che i batteri possano moltiplicarsi e causare sintomi, il sistema immunitario del corpo può solitamente ucciderli. I nostri globuli bianchi attaccano i batteri nocivi e, anche se i sintomi si verificano, il nostro sistema immunitario di solito riesce a far fronte e combattere l’infezione.

Ci sono occasioni, tuttavia, quando è tutto troppo, e c’è bisogno di aiuto; è qui che gli antibiotici sono utili.

Il primo antibiotico era la penicillina. Tali antibiotici legati alla penicillina come l’ampicillina, l’amoxicillina e la benzilpenicillina sono ampiamente usati oggi per trattare una varietà di infezioni – questi antibiotici sono in circolazione da molto tempo.

Esistono diversi tipi di antibiotici moderni e sono disponibili solo con la prescrizione del medico nella maggior parte dei paesi.

Resistenza

C’è una preoccupazione in tutto il mondo che gli antibiotici vengano usati eccessivamente. Questo uso eccessivo sta contribuendo al crescente numero di infezioni batteriche che stanno diventando resistenti ai farmaci antibatterici.

Secondo il CDC (Centers for Disease Control and Prevention), l’uso eccessivo di antibiotici ambulatoriali negli Stati Uniti è un problema particolare nel sud-est.

L’ECDC (Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie) afferma che la resistenza agli antibiotici continua a rappresentare una seria minaccia per la salute pubblica in tutto il mondo. In una dichiarazione rilasciata nel novembre 2012, l’ECDC ha informato che circa 25.000 persone muoiono ogni anno nell’Unione europea da infezioni batteriche resistenti agli antibiotici.

I nuovi dati dell’ECDC mostrano che negli ultimi anni si è registrato un notevole aumento della resistenza combinata a più antibiotici in più di un terzo delle nazioni dell’Unione europea e del SEE (Spazio economico europeo).

Il consumo di carbapenemi, una delle principali classi di antibiotici di ultima linea, è aumentato significativamente dal 2007 al 2010.

Alexander Fleming, parlando nel suo discorso di accettazione del premio Nobel nel 1945, disse: “Allora c’è il pericolo che l’uomo ignorante possa facilmente sottomettere se stesso e esponendo i suoi microbi a quantità non letali della droga, rendendoli resistenti”.

Come previsto, quasi 70 anni fa dall’uomo che ha scoperto il primo antibiotico, la resistenza ai farmaci è alle porte.

Come funzionano gli antibiotici?

Sebbene esistano diversi tipi di antibiotici, tutti funzionano in due modi:

  • Un antibiotico battericida (la penicillina, per esempio) uccide i batteri; questi farmaci di solito interferiscono con la formazione della parete cellulare del batterio o con il suo contenuto cellulare
  • Un batteriostatico impedisce ai batteri di moltiplicarsi

usi

[Antibiotici versati]

Viene somministrato un antibiotico per il trattamento di un’infezione causata da batteri. Non è efficace contro i virus.

Se hai un’infezione, è importante sapere se è causata da batteri o da un virus.

La maggior parte delle infezioni del tratto respiratorio superiore, come il comune raffreddore e il mal di gola, sono causate da virus – gli antibiotici non funzionano contro questi virus.

Se gli antibiotici sono abusati o usati in modo errato, c’è il rischio che i batteri diventino resistenti – l’antibiotico diventa meno efficace contro quel tipo di batterio.

Un antibiotico ad ampio spettro può essere usato per trattare un’ampia gamma di infezioni. Un antibiotico a spettro ristretto è efficace solo contro alcuni tipi di batteri. Alcuni antibiotici attaccano i batteri aerobici, mentre altri lavorano contro i batteri anaerobici. I batteri aerobici hanno bisogno di ossigeno, i batteri anaerobici no.

In alcuni casi, gli antibiotici possono essere somministrati per prevenire piuttosto che curare un’infezione, come potrebbe essere il caso prima dell’intervento chirurgico. Questo è chiamato uso “profilattico” di antibiotici. Sono comunemente usati prima dell’intestino e della chirurgia ortopedica.

Effetti collaterali

Di seguito è riportato un elenco degli effetti collaterali più comuni degli antibiotici:

  • Diarrea
  • Non mi sento bene
  • Infezioni fungine della bocca, dell’apparato digerente e della vagina

Di seguito è riportato un elenco di effetti collaterali rari di antibiotici:

  • Formazione di calcoli renali (durante l’assunzione di sulfonamidi)
  • Coagulazione del sangue anormale (durante l’assunzione di alcune cefalosporine)
  • Sensibilità alla luce solare (durante l’assunzione di tetracicline)
  • Disturbi del sangue (durante l’assunzione di trimetoprim)
  • Sordità (durante l’assunzione di eritromicina e aminoglicosidi)

Alcuni pazienti, specialmente gli adulti più anziani, possono avvertire l’intestino infiammato (un tipo di colite), che può portare a grave diarrea sanguinolenta. La clindamicina, un antibiotico usato per le infezioni più gravi, ha comunemente questo effetto collaterale.

Anche le penicilline, le cefalosporine e l’eritromicina possono produrre questo effetto collaterale, ma è molto più raro.

Allergia

Alcuni pazienti possono sviluppare una reazione allergica agli antibiotici, in particolare le penicilline.Gli effetti collaterali possono includere eruzione cutanea, gonfiore della lingua e del viso e difficoltà di respirazione.

Le reazioni allergiche agli antibiotici possono essere reazioni di ipersensibilità immediate o ritardate.

Chiunque abbia una reazione allergica ad un antibiotico deve dire al proprio medico e / o al farmacista. Le reazioni agli antibiotici possono essere molto gravi e talvolta fatali – sono chiamate reazioni anafilattiche.

Gli antibiotici dovrebbero essere usati con estrema cautela per le seguenti persone:

  • Chiunque abbia una ridotta funzionalità epatica o renale
  • Chiunque sia incinta
  • Chiunque allatta al seno

interazioni

Gli individui che prendono un antibiotico, non dovrebbero assumere altri medicinali o rimedi a base di erbe senza prima parlare con un medico. I farmaci OTC (senza prescrizione medica) possono anche interagire con gli antibiotici.

Le penicilline, le cefalosporine e alcuni altri antibiotici possono compromettere l’efficacia dei contraccettivi orali. Se l’antibiotico ha causato diarrea / vomito, l’assorbimento dei contraccettivi può anche essere interrotto. Chiunque prenda questi farmaci dovrebbe prendere in considerazione l’adozione di ulteriori precauzioni contraccettive.

Come usare

Gli antibiotici sono di solito presi per via orale (per via orale); tuttavia, possono anche essere somministrati per iniezione o applicati direttamente alla parte interessata del corpo.

La maggior parte degli antibiotici inizia ad avere un effetto su un’infezione entro poche ore. È importante completare l’intero ciclo di trattamento per evitare che l’infezione ritorni.

Smettere di prendere il farmaco prima della fine del corso significa che c’è una maggiore possibilità che i batteri diventino resistenti ai trattamenti futuri. Questo perché quelli che sopravvivono hanno avuto una certa esposizione all’antibiotico e possono quindi aver sviluppato una resistenza ad esso. Anche se un individuo si sente meglio, ha ancora bisogno di completare il corso del trattamento.

Alcuni antibiotici non dovrebbero essere consumati con determinati alimenti e bevande. Altri dovrebbero essere presi a stomaco vuoto – questi dovrebbero essere presi normalmente circa un’ora prima dei pasti, o 2 ore dopo. È fondamentale che i pazienti seguano correttamente le istruzioni affinché il farmaco sia efficace. Le persone che assumono metronidazolo non devono consumare alcol.

I latticini non dovrebbero essere consumati durante l’assunzione di tetracicline, in quanto potrebbero influenzare l’assorbimento del farmaco.

Like this post? Please share to your friends: