Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Antibiotico No Better Tosse, Infezioni del torace non complicate di nessun farmaco

L’amoxicillina, che i medici antibiotici prescrivono spesso per la tosse persistente causata da infezioni del torace non complicate come la bronchite, non è più efficace nell’alleviare i sintomi rispetto a nessun farmaco, anche nei pazienti più anziani. Questo è stato il risultato del più ampio trial randomizzato controllato con placebo degli antibiotici per le infezioni del tratto respiratorio inferiore (LRTI) effettuate fino ad oggi.

Lo studio, che è stato condotto dall’Università di Southampton nel Regno Unito, proviene dal consorzio GRACE (Genomics to Combat Resistes against Antibiotics in Community LRTI in Europe) ed è stato finanziato dal sesto programma quadro della Comunità europea.

Un articolo sui risultati appare nel numero online del 19 dicembre di The Lancet Infectious Diseases.

Il primo autore Paul Little, professore di Primary Care Research a Southampton, afferma in una dichiarazione:

“I pazienti trattati con amoxicillina non guariscono molto più rapidamente o hanno meno sintomi.”

Infatti, aggiunge, l’uso di amoxicillina per il trattamento di pazienti con infezioni respiratorie che non presentano polmonite potrebbe non solo essere inefficace, ma potrebbe addirittura nuocere.

“L’abuso di antibiotici, che è dominato dalla prescrizione di cure primarie, in particolare quando sono inefficaci, può portare a effetti collaterali come diarrea, rash, vomito e sviluppo di resistenza”, spiega.

Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) ha recentemente pubblicato una dichiarazione in cui afferma che la resistenza agli antibiotici rimane una grave minaccia per la salute pubblica in tutto il mondo, e per la maggior parte la causa è l’abuso di antibiotici.

Le infezioni del torace, conosciute anche come infezioni del tratto respiratorio inferiore (LRTI), sono una delle malattie acute più comuni trattate in paesi in cui le condizioni di cura primaria sono sviluppate.

Vi è molta polemica sul fatto che l’LRTI, specialmente nelle persone anziane, debba essere trattato con antibiotici, soprattutto perché si ritiene che i virus ne causino la maggior parte, e studi precedenti hanno mostrato risultati contraddittori.

Un recente studio presentato a CHEST 2012, l’incontro annuale dell’American College of Chest Physicians, suggerisce anche che gli antibiotici non hanno successo nel trattamento della tosse a causa del comune raffreddore.

Per questo ultimo studio di GRACE, i ricercatori hanno reclutato 2.061 adulti che frequentano le pratiche di assistenza primaria con semplici infezioni al torace. Le pratiche si sono succedute in 12 paesi europei: Inghilterra, Galles, Paesi Bassi, Belgio, Germania, Svezia, Francia, Italia, Spagna, Polonia, Slovenia e Slovacchia.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a prescrivere amossicillina o un placebo, da assumere tre volte al giorno per sette giorni.

I medici generici prescrittori (medici di base) hanno valutato i sintomi dei loro pazienti all’inizio del periodo di studio, e i pazienti hanno anche compilato i diari dei loro dailysymptom.

Quando hanno analizzato questi dati, i ricercatori hanno scoperto che c’era poca differenza in quanto gravi erano i sintomi o quanto tempo duravano, tra i gruppi di theamoxicillina e placebo.

Anche in quelli di 60 anni e più senza altre malattie, gli antibiotici sembravano offrire pochi benefici rispetto al placebo.

I pazienti nel gruppo antibiotico hanno riportato molti più effetti collaterali, tra cui rash, nausea e diarrea.

I ricercatori hanno concluso, tuttavia, che mentre molte persone sembrano migliorare da sole, c’è un piccolo numero di pazienti che beneficiano degli antibiotici e “la sfida rimane quella di identificare questi individui”, dice Little.

In un commento di accompagnamento, Philipp Schuetz, dell’Università di Basilea in Svizzera, osserva:

“Little e colleghi hanno generato dati convincenti che dovrebbero incoraggiare i medici nelle cure primarie ad astenersi dal trattamento antibiotico nei pazienti a basso rischio in cui non si sospetta la polmonite”.

Tuttavia, la questione rimane, dice, se questo approccio “taglia unica” possa essere ulteriormente migliorato “.

Suggerisce forse un modo per evitare “effetti tossici e costi” degli antibiotici e “lo sviluppo della resistenza negli altri pazienti”, è quello di testare “biomarcatori di sangue specifico di infezione batterica”, in modo da “identificare i pochi individui che beneficio dagli antibiotici nonostante l’apparente assenza di polmonite “.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: