Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Antibiotico Rifaximina Estremamente efficace nel trattamento della sindrome dell’intestino irritabile

Rifaximina, un antibiotico minimamente assorbito che rimane nell’intestino è stato trovato per fornire sollievo duraturo per i pazienti con sindrome dell’intestino irritabile (IBS), i ricercatori hanno rivelato in NEJM (New England Journal of Medicine). I pazienti IBS hanno sperimentato sollievo molto tempo dopo aver smesso di assumere il farmaco.

Gli autori riportano che i pazienti hanno riportato sollievo dai sintomi dell’IBS fino a 10 settimane dopo aver completato il trattamento con rifaximina. Hanno segnalato in particolare una notevole riduzione del dolore addominale, del gonfiore e della consistenza delle feci.

Gli autori spiegano che l’idea che i batteri svolgano un ruolo importante nell’IBS è stata contestata negli ultimi dieci anni. Questi ultimi risultati confermano che i batteri intestinali, noti anche come il microbioma intestinale, sono strettamente coinvolti nei sintomi dell’IBS.

Sindrome dell’intestino irritabile, nota anche come colite spastica, sindrome del colon nervoso o IBS è una malattia cronica (a lungo termine) gastrointestinale che causa gonfiore, muco nelle feci, abitudini intestinali irregolari (diarrea e stitichezza) e dolore addominale. Nella maggior parte dei casi i pazienti hanno periodi durante la loro vita quando i sintomi aumentano e calano. Sebbene IBS possa essere estremamente spiacevole, di solito non porta a gravi complicazioni. Tuttavia, può causare assenteismo (dal lavoro), grave affaticamento e rendere la vita del paziente una miseria. Fortunatamente, la maggior parte dei pazienti non presenta sintomi gravi.

Circa 30 milioni di americani sono noti per essere colpiti da IBS. Questa ultima terapia è stata sviluppata al Cedars-Sinai Medical Center.

L’autore principale, Mark Pimentel, M.D., direttore del programma Motility GI e principale ricercatore degli studi clinici presso Cedars-Sinai, ha affermato che i loro risultati dimostrano che gli antibiotici mirati sono sia sicuri che efficaci per un sollievo IBS di lunga durata.

William D. Chey, M.D., professore nel Dipartimento di Medicina Interna dell’Università del Michigan, ha dichiarato:

“Questo rappresenta un grande cambiamento nel modo in cui pensiamo e trattiamo l’IBS.”
Chey ha aggiunto che i trattamenti attualmente disponibili, come integratori di fibre o cambiamenti nella dieta, non forniscono un sollievo soddisfacente per un numero significativo di pazienti – non appena il trattamento si arresta, i sintomi tendono a tornare di corsa. Con questo nuovo trattamento, tuttavia, anche quando hanno smesso di prendere la meidizzazione, i pazienti continuano a sentirsi meglio.

Lo studio ha coinvolto 660 pazienti in due studi in doppio cieco. Tutti i partecipanti all’IBS con diarrea e gonfiore da lieve a moderata sono stati scelti casualmente per ricevere una dose tre volte al giorno di 550 milligrammi di rifaximina o un placebo (farmaco fittizio) per un periodo di due settimane. Sono stati poi monitorati per altre dieci settimane.

Il 40% dei pazienti con rifaximina ha subito un sollievo immediato da dolori addominali, feci molli / acquose e gonfiore. La maggior parte di loro aveva un sollievo dai sintomi che continuava per diverse settimane dopo aver completato il trattamento antibiotico.

Poiché le cause dell’IBS non sono chiare, i medici tendono a concentrarsi sui trattamenti che rallentano o accelerano il processo digestivo, a seconda che la loro IBS provochi più diarrea o costipazione.

Uno studio precedente aveva trovato un’associazione tra gonfiore e fermentazione batterica nell’intestino correlato alla proliferazione batterica dell’intestino tenue (SIBO). Altri studi hanno suggerito che i batteri che esistono all’interno dell’intestino tenue e crasso di individui con IBS non sono uguali a quelli all’interno dell’intestino di altre persone.

Rifaximina, che è commercializzato da Salix Pharmaceuticals Inc., è attualmente approvato dalla FDA per il trattamento dell’encefalopatia epatica e della diarrea del viaggiatore.

“Terapia Rifaximina per pazienti con sindrome dell’intestino irritabile senza stitichezza”
Mark Pimentel, MD, Anthony Lembo, MD, William D. Chey, MD, Salam Zakko, MD, Yehuda Ringel, MD, Jing Yu, Ph.D., Shadreck M. Mareya, Ph.D., Audrey L. Shaw, Ph.D., Enoch Bortey, Ph.D. e William P. Forbes, Pharm.D. per il gruppo di studio TARGET
N Engl J Med 2011; 364: 22-32 gennaio 6, 2011

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: