Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Antico e sano: la scienza della risata

Ridiamo tutti. Alcuni possono ridere più degli altri, ma è un tratto umano unanime. Ci si sente bene e riunisce le persone. Davvero, le risate non hanno bisogno di presentazioni, ma a cosa serve?

[Scimmia che ride]

Ridiamo alle battute (anche se non tutte le battute). Possiamo anche ridere con sarcasmo, nervosamente, quando siamo stressati, o anche senza ragione.

Le nostre risate potrebbero essere incontrollabili o maniacali e potrebbero anche essere forzate, simulate o intenzionalmente prolungate.

La risata è così pervasiva che difficilmente può essere ignorata dagli scienziati; attraversa tutti i confini. Gli umani di ogni cultura del mondo ridono. I bambini che sono ciechi e sordi, non avendo visto nessuno ridere, né sentito il suono delle risate, continuano a ridere.

Qualcosa di ubiquitario come questa strana espulsione di suoni e aria deve essere importante.

In questo articolo, daremo una breve occhiata alle origini della risata e a cosa succede nel cervello quando siamo divertiti. Faremo anche un giro nella letteratura scientifica per esaminare se la risata ha la capacità di alleviare le condizioni mediche.

Le risate dei parenti

La risata è un tratto che condividiamo con i nostri cugini più vicini, le grandi scimmie. Ciò significa che era, più che probabile, un’invenzione antica che è stata mantenuta per millenni. Come con la maggior parte delle cose che l’evoluzione preserva, deve essere utile.

Uno studio strano ma penetrante ha coinvolto il solleticare una varietà di specie di scimmie e neonati umani. I ricercatori hanno quindi confrontato i suoni di risate che sono stati generati. È interessante notare che le specie più strettamente correlate a noi stessi (come bonobo e scimpanzé) avevano dati acustici più simili agli umani se confrontati con i nostri parenti più lontani (gorilla e oranghi, per esempio).

Come spiegano gli autori, i loro dati corrispondono “alle relazioni genetiche consolidate di grandi scimmie e umani”.

Mentre gli animali sociali vanno, gli umani si riuniscono in gruppi abbastanza grandi. Secondo una teoria, il riso (insieme al discorso) ci ha aiutato a legare in modo più efficiente. Piuttosto che dover governare fisicamente ogni individuo nella nostra tribù, potremmo stare a portata d’orecchio e farci ridere a vicenda. Le obbligazioni potrebbero essere costruite a distanza e con più giocatori.

Se questa teoria trattiene l’acqua o no sarà difficile da dimostrare, ma non c’è dubbio che il ridere avvicini le persone. La risata aiuta a costruire relazioni e, quando si vive in un gruppo nella savana, legare con successo può essere la differenza tra la vita e la morte.

Questa capacità di ridere di agire come collante sociale aiuta anche a spiegare perché gli umani trovano così facile identificare una risata finta, forzata o eccessivamente prolungata.

Sebbene alcune battute possano aver bisogno della nostra piena capacità cognitiva e di una dose di pensiero laterale, l’atto stesso di ridere sembra essere una cosa primitiva.

Le neuroscienze del riso

Non sorprenderà che un’azione come complessa, varia e significativa come la risata non sia limitata a una singola regione del cervello. I ricercatori, tuttavia, hanno compiuto sforzi per comprendere la gamma di aree coinvolte.

Uno studio, pubblicato sulla rivista, ha utilizzato le scansioni MRI per indagare su quali regioni del cervello erano al lavoro. Hanno diviso i partecipanti in tre gruppi: il primo gruppo è stato solleticato sulla pianta del piede e ha dato il permesso di ridere, il secondo gruppo è stato solleticato ma ha detto di sopprimere le loro risate, e il gruppo finale è stato chiesto di ridere volontariamente senza essere solleticato.

Nel cervello del primo gruppo – i cui partecipanti stavano ridendo sinceramente – alcune regioni sono state attivate in modo più coerente rispetto agli altri due gruppi. Questi erano:

[Ragazzo che ride]

  • Ipotalamo laterale – coinvolto in una serie di processi, come promuovere l’eccitazione e il comportamento alimentare, ridurre la percezione del dolore, le funzioni digestive e la pressione sanguigna
  • Opercolo parietale – in parte responsabile dell’elaborazione dei sensi, come il tatto e la temperatura
  • Amigdala: coinvolto nell’elaborazione dei ricordi, nelle decisioni e nelle reazioni emotive
  • Cervelletto giusto – importante nell’attenzione visiva, nella lingua e nell’immaginare gli stati degli altri.

In questo studio, hanno anche misurato l’attivazione della materia grigia periacqueductal durante le risate volontarie e involontarie, ma non quando la risata è stata prevenuta. È interessante notare che la materia grigia periacqueduttale ha un ruolo nell’analgesia. In realtà, la regione è un obiettivo per gli impianti stimolanti il ​​cervello per il trattamento di pazienti con dolore cronico.

Durante la risata, le regioni della corteccia prefrontale ventromediale vengono attivate rilasciando endorfine, che sono famose per la diminuzione del dolore e l’aumento dell’euforia.

Anche il coinvolgimento dell’ippocampo e dell’amigdala sono degni di nota; questi fanno parte del sistema limbico, un’antica sezione del cervello coinvolta nel controllo delle emozioni radicate, dell’alimentazione e di altri ruoli cruciali di sopravvivenza.

Risate come medicine

Come disse una volta il filosofo Bertrand Russell: “La risata è la droga miracolosa più economica e più efficace: la risata è una medicina universale”. Nel corso degli anni, i ricercatori hanno snocciolato le proprie capacità contro una serie di condizioni mediche.

I recenti progressi in campi come la psiconeuroimmunologia stanno lentamente collegando la psicologia, l’attività neurologica e il nostro stato ormonale. Un atteggiamento mentale positivo ci rende davvero fisicamente migliori. Non è tutto nella mente; la psicologia modifica la fisiologia.

Gli studi che studiano specificamente gli effetti terapeutici della risata sono pochi e lontani tra loro, e quelli che si trovano in letteratura tendono a utilizzare solo un piccolo gruppo di partecipanti, rendendo le conclusioni provvisorie. Tuttavia, i loro risultati combinati sono interessanti.

Di seguito sono riportati alcuni studi recenti che hanno approfondito i potenziali poteri di guarigione della risata.

Broncopneumopatia cronica ostruttiva

Uno studio pubblicato ha studiato i benefici della risata per le persone con malattia polmonare ostruttiva cronica (COPD), un gruppo di condizioni progressive che bloccano le vie respiratorie e rendono difficile la respirazione.

Lo studio ha coinvolto 46 persone, ognuna delle quali ha completato questionari che hanno valutato il loro senso dell’umorismo, i livelli di depressione e ansia, la qualità della vita e le recenti malattie. Circa la metà dei partecipanti ha anche completato uno “studio di induzione a risate” in cui la funzione polmonare, l’umore e la dispnea (difficoltà di respirazione) sono stati valutati prima e dopo un video divertente o neutro.

Le conclusioni dell’autore erano dolci e aspre:

“Il senso dell’umorismo tra i pazienti con BPCO è associato a un funzionamento psicologico positivo e ad una migliore qualità della vita, ma ridere ad alta voce può causare un deterioramento acuto della funzionalità polmonare secondaria a un’iperinflazione aggravata”.

Funzione vascolare

Gli stati emotivi negativi, come la depressione e l’ansia, possono aumentare il rischio di malattie cardiovascolari. Questo è stato fermamente stabilito. Un laico potrebbe facilmente concludere che, se i sentimenti negativi possono contribuire a problemi vascolari, quelli positivi devono migliorare la salute vascolare. Uno studio pubblicato nel set per vedere se questo è davvero il caso.

Lo studio prevedeva la proiezione di un film comico o di un documentario a 17 partecipanti. Ogni individuo ha guardato entrambi i film in giorni diversi in modo da poter confrontare i loro risultati.

Hanno scoperto che sia la frequenza cardiaca che la pressione sanguigna aumentavano significativamente mentre i partecipanti guardavano la commedia, ma non il documentario.

[Dottoressa ridendo con il paziente]

Il team ha anche esaminato la conformità arteriosa carotidea, che è una misura della flessibilità dell’arteria e della sua capacità di sopportare aumenti di pressione. Livelli più elevati di conformità sono un segno di arterie più sane.

I risultati hanno mostrato che la compliance arteriosa carotidea è aumentata in modo significativo dopo aver visto la commedia, ritornando ai valori basali dopo 24 ore.

Durante il documentario, la conformità è rimasta costante.

Sebbene lo studio sia stato condotto su piccola scala, i ricercatori hanno concluso che: “Questi risultati suggeriscono che la risata gioiosa suscitata dai film comici induce un impatto benefico sulla funzione vascolare”.

Salute cardiovascolare

Le ricerche condotte in Giappone e pubblicate in questa sede hanno assunto un aspetto leggermente diverso rispetto a una domanda simile.

Gli investigatori volevano capire se esistesse un’associazione tra la frequenza con cui qualcuno ride ogni giorno e il rischio di malattie cardiache e ictus. Hanno analizzato i dati di 20.934 uomini e donne di età pari o superiore ai 65 anni.

Anche dopo aggiustamento per una serie di fattori, tra cui l’iperlipidemia (alti livelli di grasso nel sangue), l’ipertensione, la depressione e l’indice di massa corporea (BMI), i risultati sono stati chiari.

Gli individui che “mai o quasi mai ridevano” avevano un rischio maggiore del 21 per cento di malattie cardiache rispetto a quelli che ridevano ogni giorno. Allo stesso modo, la prevalenza dell’ictus in coloro che ridevano raramente era del 60 percento più alta rispetto alle risate normali.

Yoga e depressione della risata

Negli ultimi anni, lo yoga della risata è diventato popolare. In breve, implica esercizi di respirazione e costringersi a ridere. Questa risata forzata si trasforma presto in autentica allegria mentre il gruppo si rende conto di quanto ridicoli appaiano tutti.

Uno studio pilota, pubblicato nel 2012, ha valutato gli effetti di 10 sessioni di yoga laughter su sei partecipanti in un periodo di 4 settimane.

Hanno misurato la variabilità della frequenza cardiaca (HRV) – che è considerato un fattore di rischio per determinate condizioni di salute – pressione sanguigna e umore prima e dopo ogni sessione. All’inizio dello studio e subito dopo la sessione finale, anche l’ansia e la depressione a lungo termine del gruppo sono state valutate.

Gli autori hanno concluso:

“I partecipanti hanno mostrato un miglioramento dell’umore immediato (attività vigorosa e cordialità) e un aumento dell’HRV dopo l’intervento della risata: sia gli interventi di risate e di controllo sembravano migliorare l’ansia a lungo termine”.

Gli adulti più anziani

Uno studio intitolato “Effetti della terapia della risata sulla depressione, la cognizione e il sonno tra gli anziani residenti nella comunità” è stato pubblicato sulla rivista nel 2011.

In totale, hanno preso parte 109 partecipanti. Circa la metà è stata arruolata in una terapia di risate (quattro sessioni nel corso di un mese) e le altre sono state utilizzate come controllo. Usando i questionari, hanno valutato la salute mentale generale, la depressione, la salute fisica autoriferita e la qualità del sonno prima e dopo lo studio.

Sebbene gli effetti non fossero sostanziali, gli autori hanno concluso: “La terapia della risata è considerata [un] intervento utile, economico e facilmente accessibile che ha effetti positivi su depressione, insonnia e qualità del sonno negli anziani”.

Se la risata porti con sé un campo di forza protettivo deve ancora essere confermato, ma non si può negare la sua importanza nella società umana. Anche se le prove a favore della risata come medicina sono scarse, non ci sono danni nell’auto-medicare mentre aspettiamo che i dati arrivino.

Like this post? Please share to your friends: