Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Antipsicotici: fanno più male che bene?

Milioni di persone negli Stati Uniti vivono con schizofrenia e altri gravi disturbi mentali. Molte di queste persone controllano i loro sintomi con l’aiuto di farmaci antipsicotici, ma gli effetti collaterali degli antipsicotici superano i benefici? Una nuova ricerca indaga.

[parola antipsicotica scritta in lettere di gommapiuma colorate]

Oltre 3,5 milioni di adulti statunitensi (o 1,1% della popolazione del paese) sono affetti da schizofrenia. Inoltre, si stima che in un dato anno negli Stati Uniti, circa 9,8 milioni di persone sviluppino un grave disturbo mentale che può interferire notevolmente con le loro vite.

Non è ancora noto cosa causi la schizofrenia, ma le opzioni di trattamento – come i farmaci antipsicotici e le terapie psicosociali – sono disponibili per aiutare i pazienti a gestire i loro sintomi. Quasi 7 milioni di persone negli Stati Uniti prendono farmaci antipsicotici per curare la schizofrenia e altre condizioni simili.

Ultimamente, tuttavia, alcuni studi hanno suggerito che gli antipsicotici possono causare più danni che benefici, soprattutto a lungo termine. Alcuni ricercatori hanno sollevato preoccupazioni sugli effetti tossici di questi farmaci, suggerendo che i pazienti possono trarre beneficio dalla terapia solo a breve termine.

Queste preoccupazioni hanno guadagnato popolarità, con alcuni articoli nei media tradizionali che suggeriscono che i pazienti con schizofrenia e disturbi dell’umore possono stare meglio senza farmaci.

In questo contesto, un team internazionale di ricercatori si è proposto di esaminare i dati alla base di questa controversa visione.

Il team – guidato dal Dr. Jeffrey Lieberman, Lawrence C. Kolb Professor e presidente della psichiatria al Columbia University College di New York – ha studiato gli effetti a lungo termine dei farmaci antipsicotici sul cervello e sul comportamento delle persone con schizofrenia, come dimostrato da ricerca.

I risultati sono stati pubblicati nel.

I benefici del farmaco antipsicotico superano di gran lunga i rischi

La ricerca consisteva in una meta-analisi di studi clinici esistenti, con un focus sull’effetto a lungo termine di questi farmaci sugli esiti clinici e sulla struttura cerebrale dei pazienti.

Lieberman e il team hanno esaminato studi clinici e dati neuroscientifici e hanno scoperto che i benefici terapeutici del farmaco antipsicotico superano di gran lunga i loro effetti collaterali.

“Le prove tratte da studi clinici randomizzati e studi di neuroimaging suggeriscono in modo schiacciante che la maggior parte dei pazienti con schizofrenia beneficia del trattamento antipsicotico, sia nella presentazione iniziale della malattia che per la manutenzione a lungo termine per prevenire le ricadute”.

Dr. Jeffrey Lieberman

“Chiunque dubiti di questa conclusione dovrebbe parlare con persone i cui sintomi sono stati alleviati dal trattamento e hanno letteralmente ridato la vita”, aggiunge Lieberman.

Secondo questa recente ricerca, ritardare il trattamento antipsicotico o non somministrare farmaci è legato a esiti negativi a lungo termine per il paziente.

“Mentre una minoranza di pazienti che si riprende da un episodio psicotico iniziale può mantenere la remissione senza trattamento antipsicotico, non esiste attualmente alcun biomarker clinico per identificarli, ed è un numero molto piccolo di pazienti che potrebbero cadere in questo sottogruppo,” Dr. Lieberman spiega.

“Di conseguenza, il trattamento di ritenuta potrebbe essere dannoso per la maggior parte dei pazienti con schizofrenia.”

La nuova ricerca affronta anche le prove precliniche disponibili dagli studi sui roditori. Sebbene alcuni di questi modelli animali abbiano indicato che i farmaci antipsicotici possono sensibilizzare i recettori della dopamina e aumentare la tolleranza nel tempo, il nuovo studio sottolinea il fatto che non ci sono prove sufficienti per suggerire che gli antipsicotici aumentino il rischio di recidiva.

Ricerche precedenti hanno anche dimostrato che l’uso di antipsicotici può aumentare il rischio di sindrome metabolica in pazienti con schizofrenia. La sindrome metabolica è stata a sua volta associata a malattie cardiache e diabete.

Tuttavia, lo studio attuale non ha esaminato i rischi e i benefici degli antipsicotici in relazione alla sindrome metabolica.

“Mentre sono necessarie ulteriori ricerche per rispondere a queste domande, le evidenti prove a supporto dei benefici dei farmaci antipsicotici dovrebbero essere chiarite ai pazienti e alle loro famiglie, mentre allo stesso tempo dovrebbero essere usate con giudizio”, afferma il Dr. Lieberman.

Scopri come può iniziare la schizofrenia nell’utero.

Like this post? Please share to your friends: