Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Apnea ostruttiva del sonno aumenta il rischio di morte cardiaca improvvisa

Le persone con apnea ostruttiva moderata del sonno hanno un rischio più elevato di morte cardiaca improvvisa, hanno riferito i ricercatori nel Journal of American College of Cardiology.

La morte cardiaca improvvisa è quando il cuore smette improvvisamente di funzionare completamente e la persona muore. È la principale causa di morte naturale negli Stati Uniti, causando circa 325.000 decessi adulti nel paese ogni anno. La metà di tutte le morti cardiache sono causate da morte cardiaca improvvisa. Quando il cuore di una persona improvvisamente smette di battere (arresto cardiaco improvviso), deve essere immediatamente trattato con CPR o defibrillatore automatico esterno.

Una persona ha apnea notturna quando smette di respirare per almeno dieci secondi durante il sonno cinque o più volte ogni ora. Solitamente il paziente russa, soffoca o rantola durante il sonno e si sveglia sonnolenza. Negli Stati Uniti, oltre 12 milioni di persone vivono con apnea ostruttiva del sonno, secondo l’Istituto Nazionale Cuore, Polmone e Sangue. Molti malati non sono diagnosticati.

Gli episodi di pause respiratorie sono chiamati apnee, che letteralmente significa “senza respiro”. Un’apnea è un periodo durante il quale la respirazione si ferma o viene significativamente ridotta.

Gli esperti dicono che l’apnea notturna colpisce più gli uomini che le donne. Tuttavia, uno studio svedese ha rilevato che il 50% delle donne ha apnea notturna.

Apoor Gami, MD, MSc, FACC, autore principale dello studio e cardiologo presso Midwest Heart Specialists – Advocate Medical Group di Elmhust, Ill., Ha dichiarato:

“La prevalenza dell’apnea ostruttiva del sonno nelle popolazioni occidentali è alta e probabilmente continuerà a crescere solo a causa dell’epidemia di obesità e della relazione diretta tra obesità e apnea notturna”.
Precedenti studi hanno indicato che l’apnea notturna può portare a problemi cardiaci e cardiovascolari, tra cui ipertensione (pressione alta), infarto e fibrillazione atriale.

In questo studio, i ricercatori hanno iniziato a determinare se l’apnea notturna potesse influenzare il rischio di morte cardiaca improvvisa. Nel loro precedente studio, avevano scoperto che i pazienti con apnea notturna avevano un rischio maggiore di morire per un problema cardiaco tra le 22 e le 6 del mattino. Nella popolazione generale, questi tempi sono i meno probabili per la morte cardiaca improvvisa.

Il Dr. Gami e il team hanno analizzato i dati su 10.701 pazienti che sono stati seguiti per 5,3 anni (in media) per incidenti di morte cardiaca improvvisa fatale o resuscitata.

Durante il periodo di 5,3 anni, 142 pazienti hanno avuto una morte cardiaca improvvisa. Il team ha scoperto che quelli con 20 apnee all’ora, di età compresa tra 60 anni e con il più basso livello di saturazione di ossigeno (78%) avevano il più alto rischio di morte cardiaca improvvisa.

Qual è la saturazione di ossigeno bassa? Ciò si verifica quando l’aria non entra nei polmoni, quando il paziente apnea del sonno si addormenta e i livelli di ossigeno nel sangue diminuiscono. I ricercatori hanno scoperto che quando la saturazione di ossigeno scende al di sotto del 78%, il rischio di morte cardiaca improvvisa sale dell’80%.

Il rischio di morte cardiaca improvvisa non passa dalle ore diurne a quelle notturne

Gli autori hanno sottolineato che per i pazienti con apnea notturna il rischio di morte cardiaca improvvisa “non passa semplicemente dalle ore diurne alle ore notturne, ma il loro rischio complessivo di morte cardiaca improvvisa è maggiore rispetto alle persone senza apnea notturna”.

Virend K. Somers, MD, PhD, FACC, autore senior dello studio e professore di medicina alla Mayo Clinic College of Medicine di Rochester, nel Minnesota, ha dichiarato:

“Trattare l’apnea del sonno in una persona può migliorare la qualità della vita di entrambi i partner del letto e può avere l’ulteriore vantaggio di aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari.Se il coniuge vede il compagno di letto smettere di respirare ripetutamente durante il sonno, questo è un indizio importante che lui o probabilmente ha apnea notturna. “
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno riportato nella rivista SLEEP che le persone con apnea notturna hanno più di tre volte il rischio di morte per qualsiasi causa rispetto alla popolazione generale.

Scritto da Christian Nordqvist

Like this post? Please share to your friends: