Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Apnea ostruttiva del sonno potrebbe portare a battito cardiaco irregolare

I pazienti con apnea ostruttiva del sonno possono essere a maggior rischio di sviluppare fibrillazione atriale, o battito cardiaco irregolare, nuove scoperte di ricerca.

[Un segno con apnea del sonno scritto su di esso]

L’autrice principale, la dott.ssa Tetyana Kendzerska, Ph.D., dell’Università di Ottawa in Canada, e colleghi hanno raggiunto le loro scoperte analizzando le cartelle cliniche di oltre 8.000 adulti.

I risultati sono stati recentemente presentati all’American Thoracic Society Conference 2017, tenutosi a Washington, DC.

L’apnea ostruttiva del sonno (OSA) è una condizione caratterizzata da pause nella respirazione durante il sonno, a causa di un blocco parziale o completo delle vie aeree superiori.

Secondo l’American Sleep Apnea Association, più di 22 milioni di persone negli Stati Uniti sono affette da apnea del sonno, con OSA che è la forma più comune.

I pazienti con OSA hanno maggiori probabilità di avere la pressione alta, o ipertensione, che è un importante fattore di rischio per malattie cardiache e altre condizioni cardiovascolari.

Quando si parla di fibrillazione atriale (A-fib), tuttavia, il nuovo studio del Dr. Kendzerska e del team ritiene che il rischio di questa condizione possa essere maggiore per i pazienti con OSA, indipendentemente dall’ipertensione.

A-fib è una condizione caratterizzata da un battito cardiaco irregolare, spesso rapido, che può aumentare il rischio di ictus, insufficienza cardiaca e altre complicazioni.

Un livello anormale di saturazione dell’ossigeno durante il sonno può aumentare il rischio di fibrillazione atriale

Lo studio ha coinvolto 8.256 adulti con un’età media di 47 anni. Tutti gli adulti avevano sospettato OSA al basale dello studio, ma non gli era stata diagnosticata la presenza di fibrillazione atriale o qualsiasi altra condizione che coinvolgesse il battito cardiaco irregolare.

I ricercatori hanno esaminato le cartelle cliniche di ciascun paziente. Hanno esaminato i marcatori della gravità dell’OSA, compreso il numero di pause respiratorie parziali o complete verificatesi durante ogni ora di sonno e quanto tempo i pazienti hanno trascorso con anormale saturazione di ossigeno, definita come una saturazione di ossigeno inferiore al 90%.

Durante un periodo di follow-up mediano di 10 anni, un totale di 173 pazienti ha sviluppato A-fib che ha richiesto il ricovero in ospedale.

I ricercatori hanno scoperto che i pazienti con anormale saturazione di ossigeno avevano un rischio significativamente maggiore di sviluppare fibro-A durante il follow-up rispetto a quelli con un normale livello di saturazione di ossigeno; il numero di pause respiratorie durante ogni ora di sonno non sembra influenzare il rischio di A fib.

I ricercatori sono giunti a questi risultati dopo aver contabilizzato numerosi fattori di rischio per A-fib, tra cui età, sesso, stato di fumatore e persino pressione sanguigna.

“L’ipertensione può essere la via causale tra OSA e AF [fibrillazione atriale], quindi includerla potrebbe aver diminuito l’associazione tra OSA e AF”, afferma Dr Kendzerska.

“Tuttavia, nella nostra analisi secondaria, abbiamo controllato l’ipertensione”, aggiunge, “e l’associazione tra la desaturazione dell’ossigeno e la fibrillazione atriale è rimasta significativa, suggerendo che l’OSA può causare direttamente AF senza il passaggio intermedio di sviluppo dell’ipertensione”.

Perché l’OSA potrebbe aumentare il rischio A fib?

I ricercatori non sono in grado di descrivere i meccanismi precisi che guidano il legame tra OSA e aumento del rischio di A-fib, ma l’autore senior Dr. Richard S. Leung, dell’Università di Toronto in Canada, ha alcune teorie:

“Una maggiore disfunzione endoteliale, una maggiore propensione a sviluppare ipertensione polmonare e sistemica e una ridotta risposta della frequenza cardiaca alle sfide autonome nelle donne con OSA possono spiegare questi risultati”, dice, “ma sono necessari ulteriori studi per confermare questo risultato e comprendere i meccanismi potenziali. “

I ricercatori ammettono che ci sono alcune limitazioni al loro studio. Ad esempio, non avevano dati sull’adesione dei pazienti al trattamento con pressione positiva continua, che è la terapia primaria per i pazienti con OSA.

Inoltre, il team non è stato in grado di determinare se i pazienti fossero trattati o meno per la pressione alta.

Scopri come l’apnea del sonno potrebbe ostacolare la crescita del cervello dei bambini.

Like this post? Please share to your friends: