Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Aripiprazolo (Abilify): Che cosa è necessario sapere

Aripiprazolo, o Abilify, è un farmaco usato principalmente per il trattamento della schizofrenia e del disturbo bipolare. È venduto con un numero di nomi, compreso Abilify

.

Questo articolo esaminerà gli usi, le modalità di azione, gli effetti collaterali e le precauzioni di questo farmaco.

Fatti veloci su aripiprazolo

Ecco alcuni punti chiave su aripiprazolo. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • L’aripiprazolo è un antipsicotico atipico che utilizza la schizofrenia e altre condizioni.
  • L’esatta modalità di azione per aripiprazolo non è ancora chiara.
  • Gli effetti collaterali possono includere dolori agli arti, vertigini e convulsioni.
  • Aripiprazolo è stato approvato per la prima volta nella schizofrenia nel 2002.
  • È stato studiato per un ruolo potenziale nel trattamento della dipendenza da cocaina.

Cos’è Abilify?

[Pila di compresse]

L’aripiprazolo è classificato come antipsicotico atipico (di seconda generazione). Funziona in un gran numero di siti, compresi i ricettori e i trasportatori.

Il suo nome chimico è C23H27Cl2N3O2

Il farmaco media la sua azione bloccando i recettori (antagonista) o legandosi a loro e inducendo una risposta opposta al ruolo normale del recettore (agonista inverso).

L’aripiprazolo esercita il suo impatto attraverso vari recettori tra cui più sottotipi di serotonina, dopamina, adrenergici, muscarinici acetilcolina e recettori di istamina. Funziona anche su serotonina, noradrenalina e proteine ​​trasportatrici della dopamina.

Il farmaco è stato approvato per la prima volta dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per l’uso nella schizofrenia nel 2002.

usi

L’aripiprazolo è usato prevalentemente per il trattamento della schizofrenia e del disturbo bipolare, ma può anche essere usato come trattamento aggiuntivo per il disturbo depressivo maggiore, i disturbi da tic, i disturbi ossessivo-compulsivi (OCD) e l’irritabilità associata all’autismo.

Schizofrenia

La schizofrenia è stata la prima malattia ad essere presa di mira da aripiprazolo. La decisione della FDA di approvare il suo uso era basata su studi clinici che mostravano la capacità di aripiprazolo di ridurre gli episodi psicotici e ridurre le ricadute rispetto a un placebo.

L’attuale consenso dell’opinione scientifica è che l’effetto di aripiprazolo è paragonabile a una serie di altri antipsicotici tipici e atipici. Ha meno effetti collaterali di alcuni, ma più di altri. L’aripiprazolo è considerato un antipsicotico di medio raggio per quanto riguarda la sua efficacia.

Disordine bipolare

L’aripiprazolo può essere efficace nel trattamento degli episodi maniacali acuti del disturbo bipolare negli adulti, negli adolescenti e nei bambini.

Tuttavia, il suo effetto è utile solo per le fasi maniacali con poco o nessun effetto sulle fasi depressive. Per questo motivo, aripiprazolo viene spesso utilizzato in combinazione con stabilizzatori dell’umore. Questo duplice approccio è efficace, ma aumenta il rischio di disturbi del movimento (sintomi extrapiramidali).

Grave depressione

Ad alcuni pazienti viene prescritto aripiprazolo in associazione con antidepressivi, tuttavia, come sopra, aumenta il rischio di disturbi del movimento; c’è anche un ulteriore rischio di aumento di peso.

Autismo

L’aripiprazolo può essere utile per ridurre alcuni aspetti del comportamento autistico. Gli studi dimostrano che può ridurre irritabilità, iperattività e movimenti ripetitivi (stereotipia) nei bambini autistici e nei giovani.

Gli effetti collaterali includono aumento di peso, sbavando, tremori e sonnolenza.

Disturbo ossessivo compulsivo

Esistono alcune prove del fatto che basse dosi di aripiprazolo possono dare risultati positivi nei disturbi ossessivo-compulsivi (DOC) resistenti agli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) da soli.

Funzione

Come con altri antipsicotici atipici, non è noto il metodo esatto di azione per aripiprazolo. Il design del farmaco era basato sull’ipotesi della dopamina.

L’ipotesi della dopamina prevede che l’iperattività della dopamina nelle vie mesolimbiche del cervello (noto anche come percorsi di ricompensa) causi delusioni, allucinazioni e pensieri disorganizzati.

L’inattività della dopamina nei percorsi mesocorticali (coinvolti nel controllo cognitivo, nella motivazione e nella risposta emotiva) e nella corteccia prefrontale (un’area implicata nella pianificazione di comportamenti cognitivi complessi e moderazione del comportamento sociale) porta a una compromissione delle capacità linguistiche, all’incapacità di provare piacere e autismo.

Si pensa che gli effetti di Aripiprazolo ai recettori della dopamina riducano la produzione di dopamina e stabilizzino il sistema dopaminergico.

Effetti collaterali

Come con qualsiasi intervento farmacologico, ci saranno effetti collaterali. Questi possono variare da sottile a maggiore.

Gli effetti collaterali minori includono:

  • dolore agli arti o alle articolazioni
  • mal di testa
  • nervosismo

[Segnale di pericolo]

  • aumento della produzione di saliva
  • aumento di peso e aumento dell’appetito
  • sonnolenza
  • dolore addominale
  • diarrea
  • incantesimi vertiginosi
  • stipsi
  • bruciore di stomaco.

Gli effetti collaterali più gravi includono:

  • battito cardiaco irregolare
  • difficoltà respiratorie
  • irrigidimento dei muscoli del collo e della gola
  • gonfiore degli occhi, viso, bocca, gola, mani, caviglie, piedi, arti inferiori
  • orticaria, eruzioni cutanee e prurito generale
  • dolore al petto
  • convulsioni
  • sudorazione
  • rigidezza
  • confusione
  • cambiamenti nella visione
  • movimenti insoliti
  • febbre
  • muscoli rigidi

rischi

L’uso di aripiprazolo comporta alcuni rischi.

Anziani con psicosi correlata alla demenza

La ricerca ha rilevato un aumento del rischio di morte con l’uso di aripiprazolo in pazienti di età compresa tra 77 e 88 anni con psicosi correlata alla demenza, a causa di eventi cerebrovascolari o effetti avversi sul sistema circolatorio nel cervello.

Sindrome neurolettica maligna

L’aripiprazolo potrebbe indurre la sindrome neurolettica maligna (NMS). L’NMS è una malattia neurologica potenzialmente pericolosa per la vita che consiste in rigidità muscolare, febbre, delirio o coma e instabilità autonomica.

Persone con depressione

Durante gli studi clinici, un piccolo numero di bambini depressi, adolescenti e giovani adulti trattati con aripiprazolo ha riportato un aumento dei pensieri suicidari.

In questa fase, la prevalenza di questo effetto collaterale nelle persone più giovani non è nota.

notizia

Come con qualsiasi farmaco che agisce in una varietà di siti diversi, è in corso una ricerca sulle sue capacità complete. Di seguito sono riportate due aree della ricerca corrente.

Potenziale ruolo nella dipendenza da cocaina

L’aripiprazolo è noto per stabilizzare l’attività della dopamina mesocorticolimbica. Questo percorso è implicato nel comportamento di dipendenza. Uno studio condotto su ratti ha dimostrato che l’aripiprazolo riduce il comportamento di ricerca di cocaina. In quanto tale, ha implicazioni per l’uso nel trattamento dei tossicodipendenti da cocaina in futuro.

Implicazioni negative per tossicodipendenti metanfetamine

L’aripiprazolo può essere controproducente come trattamento per la dipendenza da metamfetamina. È stato trovato aumentare lo stimolante della metamfetamina e gli effetti euforici. Anche l’aripiprazolo sembrava aumentare il desiderio del farmaco.

Antipsicotici e materia grigia

I farmaci antipsicotici sono il trattamento più comune per gli individui con schizofrenia, contribuendo ad alleviare alcuni dei sintomi debilitanti causati dal disturbo. Ma secondo uno studio pubblicato nel 2015, l’uso a lungo termine di questi farmaci potrebbe anche avere un impatto negativo sulla struttura del cervello.

Like this post? Please share to your friends: