Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Ascesso cerebrale: tutto ciò che devi sapere

Un ascesso cerebrale è una raccolta di pus che si verifica nel cervello a causa di un’infezione. In passato, un ascesso cerebrale era “invariabilmente fatale”, ma i progressi nella diagnosi e nel trattamento hanno aumentato notevolmente le probabilità di sopravvivenza.

Tuttavia, rimane una condizione seria e potenzialmente pericolosa per la vita.

Gli effetti di un ascesso cerebrale variano a seconda delle dimensioni dell’ascesso e del luogo in cui si verifica nel cervello.

Gli uomini sembrano essere più sensibili delle donne. Negli studi, l’età media di insorgenza varia da 24 anni a 57 anni.

afferma che la prevalenza è più alta tra gli uomini di età inferiore ai 30 anni. Nei bambini, è più probabile che compaia tra i 4 e i 7 anni. Anche i neonati sono a rischio.

Nel 2010, la Cleveland Clinic ha posto il numero di casi di ascesso cerebrale negli Stati Uniti tra 1.500 e 2.000, di cui circa il 25% erano bambini.

Sintomi

[donna con mal di testa]

I segni distintivi di un ascesso cerebrale sono mal di testa, febbre e difficoltà neurologiche. Oltre il 75 per cento delle persone ha un “mal di testa sordo e doloroso”, secondo la Harvard Medical School.

I cambiamenti di stato mentale possono portare a:

  • Confusione
  • Sonnolenza
  • Irritabilità
  • Scarsa attenzione mentale
  • Scarsa reattività
  • Processi di pensiero lenti

Altri sintomi possono includere:

  • Debolezza muscolare
  • Debolezza o paralisi su un lato del corpo
  • Problemi di linguaggio, come il discorso distorto
  • Scarsa coordinazione
  • Nausea e / o vomito
  • Febbre e brividi
  • Convulsioni
  • Collo rigido, schiena o spalle
  • Visione offuscata, doppia o grigia.

I sintomi sono causati da una combinazione di infezione, danno al tessuto cerebrale e pressione sul cervello, man mano che l’ascesso cresce e occupa più spazio.

Le cause

Un ascesso cerebrale è più probabile che derivi da un’infezione batterica o fungina in alcune parti del cervello. I parassiti possono anche causare un ascesso.

Quando batteri, funghi o parassiti infettano una parte del cervello, si verificano infiammazione e gonfiore. In questi casi, l’ascesso consisterà in cellule cerebrali infette, globuli bianchi attivi e morti e organismi causali.

Man mano che questi si accumulano, un muro o una membrana si sviluppa attorno all’ascesso. Questo aiuta a isolare l’infezione e impedirne la diffusione ai tessuti sani.

Se il volume dell’ascesso aumenta, aumenta la pressione verso l’esterno sul tessuto cerebrale. Il cranio non è flessibile e non si espande. La pressione causata dall’ascesso può bloccare i vasi sanguigni nel cervello. Di conseguenza, l’ossigeno non può raggiungere il cervello e il delicato tessuto cerebrale viene danneggiato o distrutto.

Come l’infezione entra nel cervello

Le infezioni cerebrali sono piuttosto rare per diverse ragioni. Una ragione è la barriera emato-encefalica. Questa è una rete protettiva di vasi sanguigni e cellule che blocca determinati componenti dal sangue mentre fluisce nel cervello e ne consente altri.

A volte, un’infezione può attraversare la barriera emato-encefalica e infettare il cervello. Questo può accadere quando l’infiammazione compromette l’integrità della barriera emato-encefalica e causa l’apertura di spazi vuoti.

L’infezione penetra nel cervello da tre vie principali. Può essere trasportato nel sangue da un’infezione in un’altra parte del corpo, diffusa da un sito vicino, come un’infezione all’orecchio, o derivante da un trauma.

Infezione da un altro punto del corpo

Il flusso sanguigno trasporta organismi infettivi. Questo percorso rappresenta circa il 25% degli ascessi.

Se un’infezione si verifica in qualche altra parte del corpo, può attraversare il flusso sanguigno, bypassare la barriera emato-encefalica ed entrare e infettare il cervello.

Molti ascessi cerebrali batterici derivano da una lesione in qualche altra parte del corpo. È cruciale trovare quella lesione primaria, o ci potrebbe essere un’infezione ripetuta in futuro.

Le persone con un sistema immunitario indebolito hanno un rischio più elevato di sviluppare un ascesso cerebrale causato da un’infezione trasmissibile per via ematica.

Esempi includono persone con HIV / AIDS, bambini di età inferiore ai 6 mesi, pazienti sottoposti a chemioterapia, individui con uso steroideo a lungo termine e riceventi di trapianto di organi che assumono farmaci immunosoppressori per prevenire il rigetto d’organo.

Le infezioni più comuni note per causare un ascesso cerebrale sono:

  • Endocardite, un’infezione della valvola cardiaca
  • Polmonite, bronchiectasie e altre infezioni e condizioni polmonari
  • Infezioni addominali, come peritonite, infiammazione della parete interna dell’addome e del bacino
  • Cistite o infiammazione della vescica e altre infezioni pelviche.

Contagio diretto

Il contagio diretto rappresenta tra il 50% degli ascessi cerebrali.

L’infezione inizia all’interno del cranio, ad esempio nel naso o nell’orecchio, e si diffonde nel cervello.

Esempi includono otite media o infezioni dell’orecchio medio, sinusite o mastoidite, un’infezione dell’osso dietro l’orecchio.

La posizione dell’ascesso può dipendere dal sito e dal tipo dell’infezione originale.

Trauma diretto

Il trauma rappresenta una piccola percentuale di ascessi cerebrali.

Un colpo alla testa può causare una frattura del cranio composto, in cui frammenti di osso vengono spinti nel cervello, causando un ascesso cerebrale. Un corpo estraneo, come un proiettile, che viene lasciato sul posto può anche essere una fonte di infezione.

Raramente, un ascesso cerebrale può essere una complicanza della chirurgia.

Le persone con un sistema immunitario indebolito sono più inclini agli ascessi cerebrali derivanti da funghi e parassiti.

Diagnosi

Per diagnosticare un ascesso cerebrale, il medico valuterà eventuali segni e sintomi e osserverà la recente storia medica e di viaggio del paziente.

[scansione dell'ascesso cerebrale]

È importante sapere se l’individuo ha avuto un’infezione recentemente o ha un sistema immunitario indebolito.

I sintomi possono essere simili a quelli di altre malattie e condizioni, quindi la diagnosi può essere ritardata.

La diagnosi è più facile se il medico può individuare esattamente quando i sintomi sono iniziati e come sono progrediti.

I test possono includere:

  • Un esame del sangue per verificare alti livelli di globuli bianchi, che indica l’infezione
  • Una radiografia del torace per determinare se c’è un’infezione polmonare
  • Scansioni di immagini, come una risonanza magnetica o una scansione TC, in cui un ascesso si presenterà come uno o più punti
  • Un’aspirazione guidata da TC, un tipo di biopsia dell’ago in cui viene prelevato un campione di pus per l’analisi. Questo può aiutare a individuare la causa dell’ascesso e come trattarlo.

I decessi da un ascesso cerebrale sono diminuiti drasticamente negli ultimi decenni a causa dell’uso routinario delle scansioni TC nel rilevamento e nel follow up.

Trattamento

Se si sospetta un ascesso cerebrale, un medico prescriverà normalmente antibiotici immediatamente, perché un ascesso può essere pericoloso per la vita. Se l’infezione risulta essere virale anziché batterica, il trattamento può essere modificato di conseguenza.

Tuttavia, un trattamento efficace dipenderà dalla dimensione dell’ascesso, dal numero di masse presenti, dalla causa dell’ascesso e dallo stato di salute generale del paziente.

Se l’ascesso è inferiore a un pollice, il paziente riceverà probabilmente solo la somministrazione endovenosa di un farmaco antibiotico, antimicotico o antivirale.

Un ascesso di oltre un centimetro dovrà essere aspirato, drenato o tagliato.

Se ci sono diversi ascessi, può essere considerato troppo rischioso per eliminarli. Il chirurgo consiglierà l’aspirazione.

Qualsiasi infezione primaria, ad esempio nei polmoni, nell’addome o nel naso, sarà trattata con farmaci.

Chirurgia

La chirurgia può essere necessaria se la pressione nel cervello continua a crescere, se l’ascesso non risponde ai farmaci, se c’è gas nell’ascesso o se c’è il rischio che si rompa o scoppi.

Una craniotomia è una procedura in cui il chirurgo fa un’apertura nel cranio.

In primo luogo, il chirurgo rade una piccola area di capelli del cuoio capelluto. Quindi, rimuovono un piccolo pezzo di osso, per ottenere l’accesso al cervello.

L’ascesso può quindi essere scaricato dal pus o rimosso, possibilmente con l’ausilio di una TAC.

Dopo questo, l’osso viene sostituito e la pelle viene cucita.

medicazione

Un breve ciclo di corticosteroidi ad alte dosi può essere d’aiuto in caso di aumento della pressione intracranica.

Anticonvulsivi sono spesso usati per prevenire le convulsioni.

prospettiva

Molte persone sopravvivono ad un ascesso cerebrale, ma possono esserci problemi neurologici a lungo termine, come problemi di funzione del corpo, cambiamenti di personalità e convulsioni.

Tra il 5% e il 32% degli ascessi cerebrali sarà fatale, ma prima verrà somministrato il trattamento, maggiori saranno le probabilità di un trattamento efficace e di sopravvivenza.

Se un ascesso è più profondo nel cervello, o se ci sono ascessi multipli, è più difficile da trattare.

I pazienti devono essere monitorati, poiché occasionalmente un ascesso può ripresentarsi.

Like this post? Please share to your friends: