Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Asma: ridefinendo questo killer silenzioso

L’asma uccide 10 persone negli Stati Uniti ogni giorno e molte di queste morti sono evitabili. È tempo di ridefinire la malattia e portare diagnosi e trattamenti nel 21 ° secolo, afferma un gruppo di esperti internazionali.

Asma

In effetti, non esiste una malattia chiamata asma. Invece, l’asma è un termine generico per l’infiammazione e il gonfiore delle vie aeree, che può provocare una serie di sintomi.

Secondo l’Asthma and Allergy Foundation of America, il 7,6% degli adulti e l’8,4% dei bambini negli Stati Uniti hanno l’asma. E nel 2015 sono morte 3.615 persone nel Paese.

Preoccupante, l’asma uccide indiscriminatamente. Chiunque sia affetto da asma è a rischio, e le persone con asma lieve o moderata – comprese quelle con pochi sintomi, che non assumono abitualmente farmaci – muoiono all’incirca allo stesso tasso di quelli che sono sotto cure specialistiche a causa dei loro sintomi.

In un rapporto pubblicato dalla Commissione Clinica, un gruppo internazionale di esperti critica il modo in cui i medici vedono e trattano l’asma, affermando che negli ultimi 20 anni sono stati compiuti pochi progressi.

Quindi, perché la medicina per l’asma è bloccata nel secolo scorso? Scopri perché gli esperti pensano che sia tempo di ridefinire il termine asma e perché i pazienti e i medici devono prendere parte attiva per renderlo realtà.

Come si sente l’asma

Vivere l’asma è un viaggio molto personale; non due persone hanno esattamente gli stessi trigger o sintomi, e l’attacco di asma di una persona potrebbe essere molto diverso da un giorno all’altro.

Ezra Kirk – da Bath, nel Regno Unito – è fortemente asmatico. Ha detto che i suoi attacchi d’asma gli danno “[a] petto stretto e spalle [strette], pressione dappertutto sopra il diaframma, compreso il viso e la testa, una presa costante per il respiro e l’incapacità di respirare profondamente.”

Hannah Bastick – da Brighton, anche nel Regno Unito – ha una figlia di 2 anni che è stata in ospedale diverse volte dalla nascita con un forte sibilo. “Un attacco è molto spaventoso come genitore”, ha detto. “Non potevo lasciarla dormire da sola quando è ovvio quanto poco ossigeno le penetra nei polmoni”.

I sintomi di sua figlia sono scatenati da gravi raffreddori, e le è stato diagnosticato ufficialmente un respiro sibilante virale. “Quando ha un brutto raffreddore, diventa permanentemente sibilante entro 24 ore”, ha spiegato la signora Bastick.

“Diventa sempre più grave fino a quando non ci sentiamo abbastanza sicuri da farla dormire senza essere visti, così la portiamo all’ospedale, a questo punto il suo respiro è molto affannoso e lei” grugnisce “con ogni [espirazione].”

Il numero di nuovi casi di asma è in costante aumento dagli anni ’80. La condizione è la terza ragione per cui i bambini devono essere ricoverati in ospedale e uccide 10 cittadini statunitensi ogni giorno.

Il killer silenzioso

Tra il 1980 e il 2014, 157.066 persone negli Stati Uniti sono morte a causa dell’asma, secondo un rapporto pubblicato il 26 settembre 2017 nella rivista.

Sebbene il tasso complessivo di mortalità per asma sia diminuito durante questo periodo di tempo – da 2,2 a 1,2 decessi per 100.000 persone – vi è stata una significativa variazione regionale. Ad esempio, i più alti tassi di mortalità sono stati trovati lungo la metà meridionale del fiume Mississippi, in Georgia, e nella Carolina del Sud.

A livello globale, il tasso di mortalità per asma è rimasto stazionario dal 2006, ha riportato uno studio utilizzando i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) all’inizio di questo mese. È rimasto a 0,19 decessi ogni 100.000 persone nel 2012.

Una revisione dei decessi per asma avvenuti tra febbraio 2012 e gennaio 2013, condotta dal Royal College of Physicians britannico, ha rilevato che il 46% di questi erano potenzialmente prevenibili.

Martyn R. Partridge – che è un professore di medicina respiratoria all’Imperial College di Londra nel Regno Unito – ha scritto nella premessa alla relazione che “alcuni risultati dovrebbero portare inequivocabilmente a una scossa, più addestramento e monitoraggio, e alla fine del compiacimento che è emerso riguardo a questa condizione comune “.

Questa chiamata alle armi per sfidare le percezioni comuni sull’asma è ripresa da Ian D. Pavord, professore di medicina respiratoria all’Università di Oxford nel Regno Unito. È l’autore principale del rapporto della Commissione sull’asma, pubblicato all’inizio di questo mese a.

Un nome, molte malattie

Nel loro documento di 51 pagine, il prof. Pavord ei suoi commissari criticano fortemente la mancanza di progressi che il settore dell’asma ha visto negli ultimi 20 anni.

Uno dei problemi, come evidenziato nel rapporto, è che l’asma viene spesso diagnosticata osservando i sintomi di un individuo e svolgendo un semplice test di funzionalità polmonare. Ma i Commissari dicono che questo non è abbastanza specifico.

Dicono, “L’idea che un reumatologo che diagnostica l’artrite o un ematologo che diagnostica l’anemia possa trattare genericamente i pazienti senza determinare la causa e il tipo di malattia specifica nel 21 ° secolo è assurda”.

Per raggiungere questo obiettivo, saranno necessari biomarcatori migliori per aiutare sia i pazienti che i loro medici ad allontanarsi dalla diagnosi di “asma” e definire chiaramente quale tipo di “malattia delle vie aeree croniche” con cui hanno a che fare.

In una fase radicale, la relazione va oltre richiedere una diagnosi e un trattamento migliori sfidando la percezione che l’asma debba essere vista come una condizione che dura tutta la vita e trattata come una malattia cronica.

L’attenzione dovrebbe essere sulla prevenzione dell’asma e sulla cura dell’asma, dicono gli autori.

L’asma può essere curata?

Ci sono una serie di fattori noti per mettere un individuo a rischio per lo sviluppo di alcune forme di asma, e l’asma causata da allergie è la forma più comune della condizione.

Il trattamento immunitario viene sempre più utilizzato per ridurre i sintomi allergici e ci sono alcune prove che i bambini che ricevono l’immunoterapia per le loro allergie hanno meno probabilità di sviluppare asma.

Detto questo, una revisione sistematica pubblicata nella rivista ha concluso che mentre i trattamenti di immunoterapia per l’allergia hanno “il potenziale per ottenere una riduzione dei sintomi [dell’asma]”, non esiste attualmente alcuna chiara evidenza che la funzionalità polmonare sia migliorata a lungo termine.

Sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire le cause alla base di ciascuna diagnosi individuale di asma e per sviluppare interventi precoci.

Medici e pazienti devono lavorare insieme se vogliamo sfidare la nostra comprensione dell’asma e cambiare l’attenzione dal trattamento a lungo termine alla prevenzione e alla cura.

Ma con molte persone che non assumono i loro farmaci per l’asma come consigliato dal loro medico, cosa sta per conferire a coloro che hanno l’asma un ruolo attivo nel cambiare lo status quo?

Lavorare mano nella mano per battere l’asma

Secondo il prof. Pavord, “Una conseguenza dell’uso di inalatori così generosamente è che la diagnosi di asma è diventata banalizzata”. È necessaria una migliore educazione del paziente.

In un commento di accompagnamento alla relazione del Commissario, il dott. Carlos A. Camargo, professore di medicina presso la Harvard Medical School di Boston, MA, spiega il problema.

“Nella mia esperienza clinica negli Stati Uniti”, scrive, “molti pazienti che ricevono un trattamento di emergenza per l’asma, in diretta interrogatorio, negano di avere un” attacco d’asma “perché si sentono male da giorni”.

Meno del 50% dei bambini e solo tra il 30 e il 70% degli adulti si attengono al loro piano di trattamento dell’asma, secondo una revisione sistematica del 2015.

L’Istituto nazionale per il cuore, il polmone e il sangue – che fa parte del National Institutes of Health (NIH) – raccomanda che quelli con asma assumano un ruolo attivo e collaborino con il loro medico per gestire la loro condizione. Questo include bambini dai 10 anni in su.

Con la loro relazione, i Commissari sperano di realizzare il cambiamento radicale necessario per portare la medicina per l’asma nel XXI secolo.

Il prof. Pavord, che ha l’asma in persona, ha dichiarato in un’intervista che il rapporto è “destinato a essere un documento stimolante che pone domande difficili, sarà forse un catalizzatore per il cambiamento. Questo è ciò che speriamo”.

Ciò che il futuro porterà non è chiaro a questo punto. Ma portare i pazienti a bordo in un radicale scossone di come pensiamo all’asma e gestire la condizione sarà la chiave.

La dottoressa Sabine Kleinert, che è senior editor editoriale, si basa su questa nozione, affermando che “i pazienti devono essere coinvolti in questo ripensamento”.

“Ogni paziente che riceve la diagnosi di asma dovrebbe chiedere al medico: quale asma ho? O forse ancora meglio, quale malattia cronica delle vie aeree ho?”

Dr. Sabine Kleinert

Like this post? Please share to your friends: