Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Aspettativa di vita ‘non ridotta’ dal trattamento intensivo del diabete di tipo 1

Sebbene lo standard di cura raccomandato, non è stato ancora stabilito se la terapia intensiva del diabete influenzi la mortalità nei pazienti con diabete di tipo 1. Un nuovo studio, tuttavia, ha trovato un’associazione tra trattamento intensivo e un tasso di morte per tutte le cause leggermente inferiore.

Testare il livello di zucchero nel sangue del paziente tramite un dito.

I ricercatori dell’Università di Pittsburgh, in Pennsylvania, hanno seguito i pazienti con diabete di tipo 1 per una media di 27 anni. Tra questi pazienti, il trattamento intensivo con l’obiettivo di ridurre i livelli di zucchero nel sangue ad un range non diabetico era legato a una leggera riduzione della mortalità rispetto al trattamento convenzionale.

Mentre l’effetto della terapia intensiva del diabete sulla mortalità delle persone con diabete di tipo 1 non era stato stabilito, ricerche precedenti hanno scoperto che la riduzione della glicemia verso l’intervallo non diabetico nei pazienti con diabete di tipo 2 non porta costantemente a una riduzione della mortalità.

Il diabete di tipo 1 è una condizione in cui l’organismo non produce l’insulina necessaria per convertire in energia zuccheri, amidi e altri alimenti. Con il diabete di tipo 2, il corpo non utilizza l’insulina che viene prodotta correttamente – anche indicata come resistenza all’insulina.

Secondo l’American Diabetes Association (ADA), 29,1 milioni di americani – circa il 9,3% della popolazione – hanno avuto diabete nel 2012. Questa cifra è aumentata da 25,8 milioni (8,3%) nel 2010. Il diabete è la settima causa di morte nel NOI.

Altre ricerche suggeriscono che i pazienti con diabete di tipo 1 possono avere aspettative di vita più brevi rispetto alla popolazione generale. Un recente studio scozzese sulla popolazione, pubblicato su, riporta che gli uomini con diabete di tipo 1 hanno un’aspettativa di vita media di 11 anni inferiore al pubblico generale. Le donne con diabete di tipo 1 alla stessa età hanno un’aspettativa di vita di 13 anni inferiore alla media generale.

Terapia intensiva contro terapia convenzionale

Nel nuovo studio, pubblicato anche in, gli autori osservano che altre ricerche dall’Europa e dagli Stati Uniti hanno suggerito che il rischio di morte precoce è diminuito tra i pazienti con diabete di tipo 1. Gli esperti hanno suggerito che la riduzione potrebbe essere dovuta alla terapia intensiva per abbassare lo zucchero nel sangue, riducendo anche le patologie renali e cardiovascolari – le principali cause di mortalità precoce.

Per indagare, il dottor Trevor Orchard e i suoi colleghi hanno confrontato i tassi di mortalità dei pazienti sottoposti a trattamento intensivo e trattamento convenzionale nel follow-up a lungo termine del Diabetes Control and Complications Trial (DCCT).

Dal 1983 al 1993, i partecipanti con diabete di tipo 1 nella DCCT sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una terapia intensiva per il diabete o un trattamento convenzionale. I partecipanti avevano un’età compresa tra 13 e 39 anni ed erano volontari in altro modo sani.

Un totale di 711 pazienti ha ricevuto terapia intensiva – trattamento con l’obiettivo di raggiungere il controllo della glicemia il più vicino possibile alla gamma non diabetica. Altri 730 pazienti hanno ricevuto una terapia convenzionale con l’obiettivo di evitare livelli di zucchero nel sangue anormalmente bassi e anormalmente elevati.

Dopo il completamento del DCCT, dopo una media di 6,5 anni, ai partecipanti è stato insegnato e raccomandato tecniche di terapia intensiva prima che il trattamento del diabete fosse restituito ai loro medici personali. Sono stati poi seguiti come parte di uno studio osservazionale fino alla fine del 2012.

I ricercatori sono stati in grado di accertare lo stato vitale di 1.429 (99,2%) dei partecipanti. Di questi, 107 sono morti durante il periodo di follow-up – 43 dal gruppo di trattamento intensivo (6% di questo gruppo) e 64 dal gruppo di trattamento convenzionale (8,8% di questo gruppo).

Livelli più alti di emoglobina glicata o proteine ​​eccessive nelle urine sono stati associati ad un aumentato rischio di mortalità. Le cause più comuni di mortalità sono stati eventi cardiovascolari (22,4%), cancro (19,6%), complicanze del diabete acuto (17,8%) e incidenti o suicidio (16,8%).

La terapia intensiva “non comporta un aumento del rischio di mortalità generale”

“Questi risultati forniscono rassicurazione sul fatto che l’adozione di 6,5 anni di terapia intensiva nel diabete di tipo 1 non comporta un aumento del rischio di mortalità complessiva”, scrivono gli autori.

Lo studio è limitato da un campione di popolazione che non è rappresentativo di pazienti con diabete di tipo 1, secondo gli esperti del Joslin Diabetes Center di Boston, MA. Un numero relativamente basso di morti tra i partecipanti rende inoltre difficile associare pienamente la riduzione della mortalità a un trattamento intensivo.

In un editoriale associato, la dottoressa Michelle Katz e il dottor Lori Laffel del Joslin Diabetes Center riferiscono che lo studio fornisce “prove evidenti di una migliore sopravvivenza nel 21 ° secolo”. Tuttavia, affermano anche che è necessario fare di più per migliorare l’aspettativa di vita dei pazienti con diabete di tipo 1:

“La ricerca di fattori genetici e di biomarcatori correlati al rischio di complicanze del diabete in genere e il rischio di nefropatia diabetica devono essere accelerati. Continua ad esserci un accesso inadeguato alle tecnologie avanzate del diabete, all’educazione e al sostegno degli operatori sanitari e, a volte, persino incoraggiamento familiare, che tutti devono migliorare “.

Recentemente, è stato riportato un nuovo trattamento trovato in precedenza per invertire il diabete di tipo 1 nei topi che funziona anche su cellule umane trapiantate nei topi.

Like this post? Please share to your friends: