Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Aspirina: è davvero una “droga miracolosa”?

È un efficace antidolorifico ed è stato associato a un ridotto rischio di una serie di condizioni di salute, tra cui infarto, ictus e cancro. Ma l’aspirina è davvero la “droga miracolosa” che molti esperti di salute sostengono che sia?

[Una bottiglia di aspirina]

All’inizio di questo mese, è stato annunciato che i ricercatori del Regno Unito si sarebbero imbarcati per la più grande sperimentazione clinica di aspirina fino ad oggi – lo studio di fase 3 Add-Aspirin – indagando se il farmaco è efficace per prevenire la recidiva del cancro attraverso uno studio di circa 11.000 persone .

L’annuncio ha causato molta eccitazione nel mondo della medicina, con molti esperti di salute che sostengono che il processo potrebbe essere “rivoluzionario” se il farmaco viene trovato efficace, offrendo una strategia non costosa per migliorare la sopravvivenza dei malati di cancro.

Il cancro è solo uno di una lunga serie di malattie che l’aspirina può combattere. Ma in mezzo a potenziali benefici per la salute derivano numerosi rischi, un fatto che alcuni operatori sanitari ritengono spesso trascurato.

“Perché è da molto tempo che la gente pensa che” deve essere sicuro e non può farmi alcun male “, ha detto il professor Peter Weissberg, direttore sanitario della British Heart Foundation nel Regno Unito. “Lo stanno prendendo” per ogni evenienza “, ma è molto più pericoloso di altre droghe di cui le persone si preoccupano, come le statine.”

In questo Riflettore, diamo uno sguardo più da vicino ai potenziali benefici per la salute dell’aspirina, così come i rischi associati al farmaco.

Aspirina: uno dei farmaci più usati in tutto il mondo

L’aspirina è un farmaco che è stato sviluppato dal chimico di ricerca tedesco Felix Hoffman, della compagnia farmaceutica Bayer, nel 1897.

Hoffman ha creato l’aspirina sviluppando un processo per sintetizzare l’acido acetilsalicilico (ASA) – un derivato sintetico di un composto chiamato salicina, che si trova naturalmente in piante come il salice.

I primi studi clinici sull’aspirina hanno dimostrato che si trattava di un trattamento efficace per il dolore, la febbre e l’infiammazione. Si ritiene che il farmaco produca questi effetti inibendo la produzione di sostanze chimiche che producono dolore chiamate prostaglandine. Come tale, l’aspirina viene comunemente utilizzata per alleviare mal di testa, dolori muscolari, mal di denti e raffreddori comuni, oltre al gonfiore dell’artrite.

Più recentemente, tuttavia, i ricercatori hanno scoperto che l’aspirina può anche essere un anticoagulante efficace, prevenendo la formazione di coaguli di sangue nelle arterie bloccando la produzione di una prostaglandina chiamata trombossano, che svolge un ruolo chiave nella coagulazione del sangue.

Pertanto, gli studi hanno dimostrato che la terapia aspirina quotidiana può ridurre il rischio di infarto e ictus, ed è spesso raccomandata per gli adulti ad alto rischio per queste condizioni.

I possibili rischi dell’uso di aspirina

Tuttavia, come con qualsiasi farmaco, c’è il rischio di effetti collaterali con l’uso regolare di aspirina.

Uno dei più gravi effetti collaterali dell’uso regolare di aspirina è il sanguinamento gastrointestinale, che può aumentare il rischio di sviluppare un’ulcera allo stomaco. Se si ha già un’ulcera gastrica, l’assunzione di aspirina potrebbe causare ulteriori sanguinamenti e potenzialmente una minaccia per la vita.

L’aspirina può anche interagire con altri farmaci e aumentare il rischio di sanguinamento interno, in particolare i farmaci con proprietà anti-coagulazione, come warfarin, apixaban e dabigatran. L’assunzione di aspirina con alcuni integratori alimentari, come l’olio di enotera e l’olio di pesce, può anche aumentare il rischio di sanguinamento interno.

[A close-up of a eye's eye]

Alcuni individui sono allergici all’aspirina, con persone che hanno l’asma più a rischio. Una reazione allergica al farmaco può causare gonfiore delle labbra, della bocca o della gola, problemi respiratori e un’eruzione cutanea.

Altri effetti collaterali dell’aspirina comprendono mal di testa, nausea e vomito, tinnito e lividi.

Alcuni studi hanno collegato l’uso di aspirina con un aumento del rischio per altre condizioni di salute. Nel 2013, ad esempio, uno studio pubblicato sull’uso suggerito a lungo termine del farmaco può aumentare il rischio di degenerazione maculare senile – la causa principale della cecità tra gli anziani.

La ricerca precedente ha anche collegato l’uso di aspirina a un maggiore rischio per la sindrome di Reye – una rara malattia caratterizzata da gonfiore nel cervello e nel fegato, più comune tra i bambini e gli adolescenti.

Nonostante questi potenziali rischi, tuttavia, l’aspirina è diventata uno dei farmaci da banco più utilizzati in tutto il mondo; più di 100 milioni di compresse standard di aspirina vengono prodotte ogni anno.

Ma le persone non usano solo la droga per alleviare il mal di testa o il raffreddore. Sembra che l’aspirina stia crescendo in popolarità poiché sempre più persone assumono il farmaco regolarmente con l’obiettivo di prevenire numerose condizioni di salute per le quali gli studi hanno suggerito che sia efficace contro.

Aspirina e salute del cuore

Come accennato in precedenza, si ritiene che uno dei molti benefici dell’aspirina sia la sua capacità di prevenire la formazione di coaguli di sangue.

L’anno scorso, secondo uno studio condotto da ricercatori australiani, sono stati trovati individui con tromboembolismo venoso (VTE) – una condizione costituita da trombosi venosa profonda (coaguli di sangue nelle gambe) ed embolia polmonare (in cui un coagulo sanguigno si interrompe e viaggia verso il polmoni) – ha visto una riduzione del 42% della ricorrenza del coagulo di sangue con una dose di 100 mg di aspirina al giorno.

Questo e numerosi altri studi sulle proprietà anticoagulanti dell’aspirina hanno portato a raccomandare che le persone ad alto rischio di infarto o ictus possano beneficiare della terapia aspirina quotidiana.

L’American Heart Association (AHA), ad esempio, consiglia l’aspirina giornaliera a basso dosaggio, sotto la guida di un medico, per i sopravvissuti di infarto e altri ad alto rischio di infarto.

E il mese scorso, ha riferito su nuove linee guida emesse dalla US Preventive Services Task Force (USPSTF) che raccomandano l’aspirina giornaliera a basso dosaggio per infarto e ictus per le persone di età compresa tra 50-59 che sono ad alto rischio di malattie cardiovascolari.

Il dibattito sul fatto che l’aspirina debba essere somministrata per prevenire il primo infarto o ictus, tuttavia, continua. L’anno scorso, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha concluso che, mentre l’uso quotidiano di aspirina può aiutare a prevenire l’infarto e ictus in individui ad alto rischio, non vi sono prove sufficienti per suggerire che sia utile per la prevenzione primaria.

Ma nonostante le conclusioni della FDA, uno studio riportato all’inizio di quest’anno ha rivelato che 1 su 10 pazienti negli Stati Uniti riceve in modo inappropriato l’aspirina giornaliera a basso dosaggio per prevenire un primo infarto o ictus.

Il primo autore dello studio, Dr. Ravi S. Hira, del Baylor College of Medicine di Houston, Texas, ha detto che i risultati sono preoccupanti perché i rischi dell’uso quotidiano di aspirina possono superare i benefici per gli individui sani.

“Gli eventi coronarici maggiori sono ridotti del 18% dall’aspirina, ma al costo di un aumento del 54% delle emorragie extracraniche maggiori”, ha spiegato. “Ciascuno dei due principali eventi coronarici ha dimostrato di essere prevenuto dall’aspirina profilattica al costo di un importante sanguinamento extracranico, ma la prevenzione primaria con l’aspirina viene ampiamente applicata”.

Inoltre, alcuni studi hanno associato l’uso regolare di aspirina ad un aumentato rischio di ictus emorragico – un tipo di ictus causato da una perdita di sangue nel cervello.

Aspirina e cancro

Non sorprende che l’aspirina stia per entrare nella più grande sperimentazione clinica per valutare la sua efficacia contro il cancro; c’è una quantità schiacciante di prove che affermano che il farmaco ha proprietà anti-cancro.

L’anno scorso, uno studio pubblicato sull’aspirina giornaliera suggerente potrebbe ridurre il rischio di cancro ovarico del 20%, mentre uno studio più recente ha collegato l’uso a lungo termine di aspirina a basso dosaggio a una riduzione del rischio di cancro del colon-retto o di cancro intestinale.

Inoltre, uno studio recentemente presentato al Congresso europeo sul cancro di Vienna, Austria, ha suggerito che l’aspirina potrebbe raddoppiare la sopravvivenza per i pazienti con tumori gastrointestinali.

La ricerca menzionata è solo un frammento degli studi che hanno associato l’uso di aspirina con un rischio di cancro più basso, e tali studi hanno causato molta eccitazione nel mondo medico, stimolando l’avvio del già citato processo di fase 3 di Add-Aspirina.

“Ci sono state alcune interessanti ricerche che suggeriscono che l’aspirina potrebbe ritardare o arrestare il cancro allo stadio iniziale, ma non c’è stato alcun trial randomizzato a fornire prove chiare”, dice il Prof. Ruth Langley, del Cancer Research UK, che sta dirigendo il nuovo processo. “Il processo si propone di rispondere a questa domanda una volta per tutte”. Lei aggiunge:

“Se scopriamo che l’aspirazione blocca il ritorno di questi tumori, potrebbe cambiare il trattamento futuro, fornendo un modo economico e semplice per fermare il ritorno del cancro e aiutare più persone a sopravvivere”.

Mentre non vi è dubbio che un risultato positivo di questo processo sarebbe una buona notizia, alcuni ricercatori hanno preoccupazioni circa l’uso dell’aspirina giornaliera per la prevenzione del cancro.

Contrariamente alla ricerca precedente, uno studio pubblicato all’inizio di quest’anno ha suggerito che l’uso regolare di aspirina può effettivamente aumentare il rischio di cancro intestinale per alcune persone, con l’effetto dell’aspirina dipendente dalla presenza di alcune varianti genetiche.

Gli autori dello studio affermano che i loro risultati indicano l’importanza di identificare quali persone hanno maggiori probabilità di beneficiare di un ridotto rischio di cancro dell’intestino con un uso regolare di aspirina. “La convalida di questi risultati in ulteriori popolazioni può facilitare strategie mirate di prevenzione del cancro del colon-retto”, hanno osservato.

Aspirina e gravidanza

Negli ultimi anni, i ricercatori hanno suggerito che potrebbe esserci un legame tra l’uso quotidiano di aspirina e una maggiore probabilità di concepimento.

La prima volta che è stata riportata l’associazione l’anno scorso, quando uno studio pubblicato su donne trovate con una storia di aborto o di nati morti aveva più probabilità di avere una gravidanza di successo se assumevano 81 mg di aspirina al giorno con acido folico, rispetto alle donne che assumevano un placebo.

[Una donna incinta]

Uno studio presentato all’American Society of Reproductive Medicine Meeting annuale a Baltimora, MD, la scorsa settimana ha supportato tali risultati; in un’analisi di oltre 1.200 donne con una storia di aborto spontaneo, coloro che hanno assunto 81 mg di aspirina al giorno avevano il 17% in più di probabilità di rimanere incinta e il 20% in più di probabilità di avere un parto di successo rispetto a quelli che non assumevano il farmaco.

Mentre non è chiaro esattamente come l’aspirina possa aumentare le probabilità di gravidanza, i ricercatori ipotizzano che il farmaco riduce l’infiammazione sistemica, rendendo l’utero un ambiente più sicuro per la crescita dell’embrione.

Inoltre, si ritiene che l’aspirina aumenti il ​​flusso di sangue al bacino e ispessisca il rivestimento dell’utero, il che può facilitare l’impianto dell’embrione.

Molti professionisti del settore sanitario raccomandano già un uso regolare di aspirina per aumentare la fertilità.

“L’aspirina è la droga del millennio”, afferma il dott. Richard Paulson, professore di ostetricia e ginecologia presso la Keck School of Medicine della University of Southern California. “Non c’è nulla di male nelle donne che vogliono rimanere incinta prendendo l’aspirina, molte persone la usano abitualmente, anche nelle nostre cliniche, lo facciamo da molti anni”.

Altri esperti di salute, tuttavia, ritengono che i rischi dell’aspirina regolare, come il sanguinamento interno, possano superare i potenziali benefici dell’aumentata fertilità per le donne.

“Non penso che le donne che cercano di rimanere incinte debbano prendere un’aspirina ogni giorno, le prove non supportano la necessità”, ha detto Edgar Mocanu, tesoriere della Federazione internazionale delle società per la fertilità (IFFS) all’inizio di questo mese.

Parla con un medico prima di prendere l’aspirina ogni giorno

Sulla base delle prove fino ad oggi, ci sono probabilmente alcuni benefici con l’uso regolare di aspirina, e alcuni operatori sanitari ritengono che non vi sia dubbio che le persone dovrebbero assumere il farmaco ogni giorno.

“Questo è chiaro, l’aspirina è economica ed efficace”, ha detto Peter Elwood, professore di epidemiologia all’Università del Galles del Regno Unito. “Assumere aspirina ogni giorno aumenterà le possibilità di sopravvivenza contro gravi malattie.”

Tuttavia, la maggior parte concorda sul fatto che si dovrebbe consultare un medico prima di iniziare la terapia aspirina quotidiana.

L’anno scorso, il dottor Phil Hammond, un medico generico nel Regno Unito, ha detto:

“Nota, tutti i farmaci che hanno effetti tendono anche ad avere effetti collaterali.Alcuni non possono essere previsti, ma alcune persone sono ad alto rischio di effetti collaterali da aspirina e probabilmente hanno bisogno di condividere la decisione di prenderlo con un medico o farmacista – anche se lo stai solo prendendo per alleviare il dolore. “

Alcune persone a più alto rischio di effetti collaterali da aspirina includono donne in gravidanza e persone che hanno la pressione alta, asma, problemi al fegato o ai reni, una malattia del sangue o allergie a qualsiasi altro farmaco.

Il farmaco non deve essere somministrato ai bambini di età inferiore ai 16 anni a causa dell’aumentato rischio di sindrome di Reye.

Per le persone che stanno già assumendo aspirina regolarmente, la FDA raccomanda di limitare l’assunzione di alcol, in quanto la combinazione di entrambi può aumentare il rischio di sanguinamento dello stomaco.

Le persone che si sottopongono a procedure chirurgiche o dentistiche dovrebbero anche informare il loro chirurgo o dentista se stanno assumendo regolarmente l’aspirina, poiché il farmaco può aumentare il rischio di sanguinamento durante l’intervento chirurgico.

Il nostro articolo del Knowledge Center “Cos’è l’aspirina? A cosa serve l’aspirina?” fornisce ulteriori informazioni sui benefici per la salute e sui rischi del farmaco.

Like this post? Please share to your friends: