Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Aspirina legata a un minor rischio di cancro al fegato e morte da malattia epatica

Un nuovo studio dagli Stati Uniti ha scoperto che l’uso dell’aspirina è legato a un rischio ridotto di epatocellularcarcinoma, il tipo più comune di cancro del fegato primario, e anche a un ridotto rischio di morte per malattia epatica cronica.

Vikrant V. Sahasrabuddhe, della Divisione di Epidemiologia e Genetica del Cancro al National Cancer Institute, e colleghi, scrivono delle loro scoperte sul numero online del 28 novembre del Journal of National Cancer Institute, JNCI.

Il carcinoma epatocellulare si verifica principalmente nelle persone con malattia epatica cronica. Alcuni studi suggeriscono che il cancro potrebbe essere il risultato dell’infiammazione cronica malattia in corso che interessa i processi cellulari.

FANS come Cancer Preventer

A causa delle loro proprietà anti-infiammatorie e del loro uso diffuso per prevenire problemi cardiaci e malattie cerebrovascolari come l’ictus, i ricercatori stanno investigando il potenziale dell’aspirina e di altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) come antitumorali.

Tuttavia, uno studio recente pubblicato in JNCI ad agosto, suggerisce che mentre l’evidenza è incoraggiante, l’effetto protettivo antinfiammatorio dei FANS non è grande come si pensava in precedenza, e non è sufficiente per superare i rischi (principalmente di gravi perdite nell’intestino), e conclude è troppo presto per raccomandare che le persone inizino a prenderli per scongiurare il cancro.

Cosa hanno fatto i ricercatori

Nel frattempo, anche se più studi stanno esaminando il potenziale effetto anti-cancro dei FANS, il legame con il rischio di cancro al fegato e morte per morte cronica rimane oscuro, affermano gli autori di questo nuovo documento JNCI, in cui descrivono come hanno svolto uno studio osservazionale su 300.504 uomini e donne di età compresa tra 50 e 71 anni.

I partecipanti, che erano iscritti al National Institutes of Health-AARP Diet and Health Study, avevano riferito il loro uso di aspirina e altri FANS e sono stati seguiti per 10-12 anni.

I ricercatori sono stati in grado di collegare i dati sull’uso dei FANS da questi partecipanti alle diagnosi registrate di 250 casi di carcinoma epatocellulare e 428 casi di malattia epatica cronica.

Cosa hanno trovato

Quando hanno analizzato i legami, hanno scoperto che i partecipanti che usavano i FANS avevano un rischio inferiore di carcinoma epatocellulare e un rischio ridotto di morte per malattia cronica da virus rispetto ai partecipanti che non avevano usato i farmaci.

Ma quando i ricercatori hanno differenziato i FANS dell’aspirina e quelli non aspirina, ci sono state alcune differenze marcate.

I partecipanti che hanno usato l’aspirina hanno mostrato un rischio ridotto del 41% per il carcinoma epatocellulare e un rischio ridotto del 45% di morte per malattia epatica cronica.

Considerando che i partecipanti che hanno usato FANS non aspirina non hanno mostrato rischi ridotti per il carcinoma epatocellulare e un rischio ridotto del 26% di morte per morte cronica.

Sahasrabuddhe e colleghi scrivono:

“L’aspirina, in particolare, se usata esclusivamente o con altri FANS non aspirina ha mostrato un effetto protettivo coerente correlato sia alla incidenza di carcinoma epatocellulare e alla mortalità CLD [malattia epatica cronica], indipendentemente dalla frequenza o esclusività dell’uso.”

Se confermate, queste associazioni con l’uso dell’aspirina “potrebbero aprire nuove prospettive per la chemioprevenzione di HCC e CLD”, concludono.

Gli esperti dicono bene a guardare i FANS, ma hanno anche bisogno di migliorare i metodi stabiliti

In un editoriale di accompagnamento, i ricercatori del Dipartimento di Epidemiologia e Medicina di Comunità presso l’Università di Ottawa in Canada, notano che le cause note di malattia cronica del fegato e cancro primario del fegato sono l’uso di alcol e infezioni da virus dell’epatite B e C, e ci sono sono stati anche i suggerimenti di un collegamento con il diabete e l’obesità.

“Abbiamo già interventi economici e prontamente disponibili”, scrivono, citando esempi come vaccini per il virus dell’epatite B e C, anche se “le efficaci strategie per la riduzione dell’HBV e dell’HCV non sono sempre disponibili o pienamente applicate”.

“Inoltre, l’abuso di alcol e l’obesità sono sfide complesse e multifattoriali che richiedono interventi a livello individuale e di sistema”, aggiungono, concludendo che mentre dovremmo continuare a esplorare il potenziale per nuove strategie farmacologiche come i FANS, non dovremmo perdere di vista il bisogno migliorare le pratiche e gli interventi consolidati.

Scritto da Catharine Paddock PhD

Like this post? Please share to your friends: