Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Attacchi di panico e attacchi di panico: cosa devi sapere

Un attacco di panico si verifica a causa della maggiore ansia. Chiunque può avere un attacco di panico, ma è anche un sintomo caratteristico del disturbo di panico. Può portare a battito cardiaco accelerato, respiro accelerato, sudorazione, tremori e altri sintomi.

Nelle persone che non hanno un disturbo d’ansia, un attacco di panico può accadere se un evento scatena l’ansia.

Un attacco di panico e un disturbo di panico possono colpire chiunque abbia origini etniche, ma è più comune tra le donne che tra gli uomini.

Sintomi

[il panico può portare a vertigini]

Un attacco di panico deriva spesso da un innesco o incidente diretto, ma possono anche iniziare improvvisamente e casualmente senza una causa evidente. Si ritiene che provengano da una risposta evolutiva al pericolo.

Avere un attacco di panico si dice che sia una delle esperienze più spaventose, sconvolgenti e scomode nella vita di una persona.

L’American Psychological Association (APA), osserva che un attacco può durare solo 15 secondi, ma i sintomi possono continuare per circa 30 minuti o più, e talvolta per ore.

Secondo l’Association of Anxiety and Depression of America, un attacco di panico coinvolge almeno quattro dei seguenti sintomi:

  • Dolore al petto e disagio
  • Brividi o sensazione insolitamente calda
  • Derealizzazione, o sentirsi distaccati
  • Vertigini e sensazione di stordimento
  • Sperimentare una forte, improvvisa paura di morire
  • Paura di perdere il controllo o sentirsi come se una persona stesse “impazzendo”
  • Sentimenti di soffocamento
  • Palpitazioni cardiache, battito cardiaco irregolare o battito cardiaco accelerato
  • Nausea e mal di stomaco
  • Intorpidimento o formicolio
  • Tremante o tremante
  • Sudorazione
  • Difficoltà a respirare, sentendosi come se una persona soffocasse

Gli attacchi di panico possono anche essere associati con l’agorafobia, la paura di luoghi da cui l’individuo considera pericolosi o difficili da sfuggire. Le persone che hanno subito un attacco di panico spesso affermano di sentirsi intrappolate.

A volte i sintomi associati a un attacco di panico possono rispecchiare altre condizioni mediche. Esempi di questi includono disturbi polmonari, disturbi cardiaci o problemi alla tiroide.

A volte una persona può cercare assistenza medica di emergenza per un attacco di cuore, ma l’ansia è la vera causa. Gli attacchi di panico sono altamente curabili e non significano che una persona sia ipocondriaca o malata di mente.

Qual è il disturbo di panico?

Il disturbo di panico è una condizione medica di base e gli attacchi di panico sono un sintomo. Secondo l’Anxiety and Depression Association of America, circa 6 milioni di americani hanno un disturbo di panico.

Le donne hanno più probabilità di sperimentare la condizione e si verificano più comunemente quando una persona nella prima età adulta, dai 18 ai 25 anni.

La condizione si verifica quando una persona ha sperimentato più attacchi di panico e vive anche nella paura di avere un altro attacco di panico. Mentre tutti possono sperimentare un attacco di panico nella loro vita, quelli con un disturbo di panico subiscono attacchi ricorrenti.

La paura che possano subire un altro attacco può farli allontanare da amici e familiari. Possono temere di andare fuori o in luoghi pubblici. Un disturbo di panico può influenzare gravemente la qualità della vita di una persona e dovrebbe essere trattato.

Le cause

Gli esperti dicono che l’ansia e il panico, in una certa misura, sono una parte necessaria della nostra sopravvivenza. Tuttavia, quando i livelli diventano così alti da minare i normali processi mentali, una persona diventa naturalmente spaventata.

Quando il cervello riceve un’ondata di segnali nervosi progettati per avvertire di un pericolo imminente, l’amigdala, una parte del cervello, viene attivata. L’amigdala controlla la risposta ansiosa di una persona.

L’amigdala di alcune persone reagisce con l’ansia quando non c’è un pericolo imminente, rendendo molto più probabile che si verifichino attacchi di ansia e panico.

Quando a una persona viene dato il segnale di reagire con l’ansia, producono adrenalina, nota anche come epinefrina.

L’adrenalina viene rilasciata dalle ghiandole surrenali. Alcune persone chiamano adrenalina l’ormone “spavento o fuga”. Un rilascio di adrenalina nel sistema può sollevare il battito cardiaco, causare sudorazione, agitare lo stomaco e provocare una respirazione irregolare. Queste sono tutte caratteristiche di un attacco di panico.

Se non c’è un pericolo imminente e il sistema è carico di adrenalina, quell’ormone non sarà usato per scappare. L’accumulo può causare un attacco di panico.

Un numero di fattori di rischio può aumentare la probabilità che una persona abbia attacchi di panico e disturbo di panico.

La genetica può avere un ruolo. Se una persona ha un parente stretto, come un genitore o un fratello, con disturbo di panico, è più probabile che abbia un attacco di panico.

Oltre alla storia familiare, lo stress maggiore o il cambiamento di vita possono innescare un aumento di ansia e attacchi di panico.

Gli esempi includono una recente perdita di una persona cara o la separazione del matrimonio. Avere una storia di abusi fisici o sessuali può anche aumentare la probabilità di una persona di avere un disturbo di panico.

Abitudini come fumare o bere quantità eccessive di caffeina sono anche fattori di rischio associati al disturbo di panico. Uso di droghe?

Attacchi di panico possono anche verificarsi a fianco di condizioni come disturbo d’ansia generalizzato (GAD), disturbo ossessivo-compulsivo (OCD) e disturbo da stress post-traumatico (PTSD).

A volte, tuttavia, sembra non esserci nessun particolare incidente o storia familiare per innescare un attacco. Possono verificarsi senza preavviso.

Diagnosi

L’APA pubblica il manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM-5). Il manuale elenca i criteri per aiutare un medico a diagnosticare disturbi mentali, come la depressione o il disturbo di panico, e mira a fornire uno standard per la diagnosi in tutto il paese.

[attacco di panico]

I criteri per la diagnosi di un disturbo di panico includono:

  • Sperimentare attacchi di panico frequenti e inaspettati
  • Avere almeno un mese di continua paura di avere un attacco di panico e dei suoi sintomi di accompagnamento, come perdere il controllo. Una persona può cambiare significativamente il suo comportamento per paura di avere un attacco di panico in pubblico
  • Avere attacchi di panico che non sono attribuibili all’assunzione di determinati farmaci o ad avere un altro disturbo di salute mentale, come la fobia sociale

Una persona che ha questi sintomi è probabile che abbia un disturbo di panico.

Trattamento

I trattamenti più comuni per il disturbo da attacchi di panico sono i farmaci e le sedute di psicoterapia.

Conosciuta come “terapia del linguaggio”, la psicoterapia prevede di parlare con un professionista della salute mentale autorizzato per identificare potenziali fattori scatenanti di un attacco di panico con l’obiettivo di superare le paure.

I farmaci possono anche aiutare a correggere gli squilibri nei neurotrasmettitori nel cervello che possono portare a una grave ansia.

Esempi inclusi:

  • Benzodiazepine, come alprazolam (Xanax) o clonazepam (Klonopin)
  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI), come fluoxetina (Prozac), paroxetina (Paxil) o sertralina (Zoloft)
  • Inibitori del reuptake della serotonina e norepinefrina (SNRI), come il cloridrato (Effexor XR)

A volte un farmaco funziona per una persona con disturbo d’ansia, ma non un altro. Una persona dovrebbe sempre discutere potenziali benefici ed effetti collaterali.

Un medico può anche prescrivere farmaci noti come beta bloccanti, che impediscono alla frequenza cardiaca di una persona di diventare troppo rapida e di contribuire a un’ulteriore ansia, secondo l’Istituto Nazionale di Salute Mentale (NIMH).

Prevenzione

Oltre a questi trattamenti medici per il disturbo di panico, alcuni cambiamenti dello stile di vita possono aiutare una persona a ridurre l’incidenza di attacchi di panico e disturbo di panico.

Esempi inclusi:

  • Evitare sostanze note per contribuire a disturbi di panico, tra cui la caffeina, il fumo o l’uso di droghe ricreative
  • Dormire abbastanza ogni notte
  • Unirsi a un gruppo di supporto per coloro che soffrono di attacchi di panico regolari
  • Prendere provvedimenti per ridurre lo stress nella propria vita, come praticare lo yoga, praticare una respirazione profonda o impegnarsi in una regolare attività fisica

complicazioni

Se non trattata, un disturbo di panico può iniziare a influenzare molti aspetti della vita di una persona.

Le complicazioni possono includere:

  • Abusare di alcol o altre sostanze come un modo per “sfuggire” alle preoccupazioni della vita quotidiana
  • Sviluppo di fobie, come l’agorafobia
  • Sperimentare problemi finanziari
  • Aumento del rischio di pensieri suicidi
  • Astenendosi da situazioni sociali
  • Richiedere assistenza medica frequente a causa di problemi di salute

Cercare cure mediche per il disturbo di panico può aiutare a prevenire queste complicazioni.

Scritto da Rachel Nall RN, BSN, CCRN

Like this post? Please share to your friends: