Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Attacco cardiaco post-chirurgico: ‘85% non rilevato a causa della mancanza di sintomi ‘

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista, oltre 8 milioni di adulti in tutto il mondo hanno feriti o infarti cardiaci dopo l’intervento chirurgico ogni anno, con il 10% che muore entro 30 giorni. Ora, i ricercatori dicono che l’85% di questi attacchi di cuore o lesioni possono essere persi a causa della mancanza di sintomi. Tuttavia, suggeriscono che questo potrebbe essere risolto con un semplice esame del sangue dopo l’intervento chirurgico.

I sintomi di un attacco di cuore possono variare da dolore improvviso e intenso a lieve disagio, secondo l’American Heart Association (AHA).

Alcuni dei più comuni segni di infarto comprendono dolore al torace, dolore in altre parti della parte superiore del corpo – compresi schiena, collo o mascella – mancanza di respiro, sensazione di stordimento o nausea.

Tuttavia, non tutti sperimentano questi segnali di pericolo.

L’ultimo studio, condotto dal Dr. PJ Devereaux, responsabile cardiologia dell’Ospedale Juravinski e del Cancer Center dell’Ontario, in Canada, ha rilevato che solo il 15% dei pazienti che hanno un attacco cardiaco post-operatorio presenta “sintomi tradizionali”.

Dr. Devereaux spiega:

“La maggior parte dei pazienti chirurgici che soffrono di un infarto o di un infortunio lo faranno entro le prime 48 ore dopo l’intervento chirurgico, durante i quali la maggior parte di questi pazienti sta assumendo farmaci antidolorifici che possono mascherare i sintomi di un grave danno cardiaco”.

Lui e il suo team suggeriscono che una nuova diagnosi, denominata Infortunio miocardico dopo chirurgia non cardiaca (MINS), sarebbe utile per i medici perché include una definizione più ampia di quella tradizionale attualmente utilizzata per diagnosticare gli infarti.

Dicono che l’uso della tradizionale definizione di infarto provocherà il 50% di gravi attacchi cardiaci post-chirurgici o lesioni non rilevate, che potrebbero influire sulle probabilità di sopravvivenza del paziente.

Misurazione dei livelli di troponina per rilevare lesioni cardiache

Il team ha valutato oltre 15.000 pazienti di età superiore ai 45 durante i primi 3 giorni dopo un intervento chirurgico non cardiaco. Tutti questi pazienti avevano un semplice esame del sangue che misura la troponina – una proteina rilasciata nel sangue quando il cuore è ferito.

Signora nel dolore tiene il suo petto

A tutti i pazienti con livelli elevati di troponina è stato somministrato un elettrocardiogramma per valutare il danno al cuore.

Dopo aver determinato quali pazienti avevano effettivamente sofferto di infarto o lesioni cardiache post-operatorie, i ricercatori hanno scoperto che solo il 15% di loro ha avuto dolore al petto o altri sintomi di attacco cardiaco.

Inoltre, il team ha scoperto che senza monitorare i livelli di troponina, l’85% dei pazienti che hanno subito infarti o lesioni cardiache sarebbe passato inosservato.

Un altro risultato dello studio ha rivelato che di tutte le complicanze post-chirurgiche, di infarto o di lesione è la ragione più comune per la morte del paziente entro 30 giorni dall’intervento.

Dei pazienti che soffrono di questi attacchi di cuore, il 10% morirà entro 30 giorni, osserva la squadra.

In un editoriale di accompagnamento, Karsten Bartels, assistente professore presso la Scuola di Medicina dell’Università del Colorado a Denver, scrive:

“La facilità e la fattibilità del test per rilevare il danno cardiaco indicano enormi opportunità per la progettazione di studi clinici per testare nuovi interventi per l’attenuazione (o riduzione) del danno miocardico e della mortalità perioperatoria.”

L’AHA afferma che è importante conoscere i segni di un attacco di cuore, ma avverti che, anche se non è sicuro, i pazienti devono essere controllati o chiamare immediatamente un numero di risposta di emergenza, poiché i minuti contano quando si tratta di attacchi di cuore.

recentemente riportato su uno studio che ha suggerito che la mortalità per infarto è più alta per i pazienti di notte e nei fine settimana.

Like this post? Please share to your friends: