Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Autismo: quali bambini rispondono al trattamento con ossitocina?

Gli studi hanno rilevato che il trattamento con ossitocina si è dimostrato efficace nel migliorare il comportamento sociale di alcuni bambini con autismo. Una nuova sperimentazione clinica indaga su quali bambini risponderanno meglio a questo trattamento e perché.

bambino che copre le orecchie, cubetti di strega che spiegano

L’autismo è una disabilità dello sviluppo che spesso porta a lotte nella comunicazione, ridotta empatia e inabilità sociale in misura maggiore o minore.

Gli specialisti possono diagnosticare il disturbo prima che un bambino compia 2 anni, ma l’autismo a volte può passare inosservato per molto più tempo; i sintomi sono molto diversi. Diversi bambini mostrano diverse combinazioni di sintomi, e questi possono includere qualsiasi cosa, da problemi di comunicazione e tic alle fissazioni.

Non esiste una cura per questo disturbo, ma ci sono trattamenti volti a migliorare i suoi sintomi nel tempo, e questi dipendono dai bisogni di ciascun individuo diagnosticato. Gli specialisti hanno condotto studi clinici per testare l’efficacia di nuovi farmaci e metodi di prevenzione.

I ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Stanford in California hanno recentemente coordinato uno di questi studi clinici. Karen Parker, Ph.D. e i suoi colleghi hanno recentemente pubblicato le loro scoperte nel numero online di.

L’attuale studio è radicato in un’altra ricerca pubblicata nel 2014 da alcuni degli stessi ricercatori, tra cui l’autore senior Dr. Antonio Hardan.

Lo studio precedente ha mostrato come i livelli di ossitocina, un ormone associato a risposte emotive e sociali, variano in modo significativo nei bambini con e senza autismo. Ha anche scoperto che tutti i bambini con bassi livelli di ossitocina hanno difficoltà a funzionare socialmente.

“Alcuni bambini traggono beneficio dall’ossitocina di più”

Il nuovo studio esamina come i livelli basali di ossitocina nei bambini autistici influenzano la loro risposta ai trattamenti con ossitocina. La considerazione aggiunta mette a parte questo studio clinico da precedenti tentativi simili per testare i potenziali benefici dell’ossitocina nel migliorare il comportamento sociale.

Il processo è stato condotto su 32 bambini con autismo, che sono stati divisi casualmente in due gruppi. Un gruppo è stato assegnato a ricevere un trattamento spray spray ossitocialico nasale due volte al giorno per un periodo di 4 settimane. I bambini nell’altro gruppo hanno ricevuto uno spray placebo nello stesso modo.

Ai genitori è stato chiesto di compilare questionari che affrontano il comportamento dei bambini sia prima che dopo il processo, al fine di valutare l’effetto del trattamento.

È stato scoperto che, tra i bambini che hanno ricevuto il trattamento con spray nasale dell’ossitocina, quelli con i livelli più bassi dell’ormone all’inizio dello studio hanno mostrato il maggior miglioramento.

“I nostri risultati suggeriscono che alcuni bambini con autismo trarranno beneficio dal trattamento con ossitocina più di altri, e che i livelli di ossitocina nel sangue potrebbero essere un segno biologico che ci permetterà di prevedere se un bambino risponderà al massimo o meno.”

Dr. Karen Parker

È anche degno di nota il fatto che gli unici benefici erano legati al comportamento sociale, con tic e problemi di ansia che non mostravano miglioramenti. In modo rassicurante, non sono state registrate reazioni avverse allo spray ossitocina.

In misura minore, anche la socialità è migliorata nei bambini a cui era stato somministrato il trattamento con placebo. Anche in questo caso i bambini con bassi livelli di ossitocina all’inizio dello studio hanno mostrato il maggior miglioramento. I loro corpi hanno persino iniziato a produrre più ossitocina.

I ricercatori spiegano che potrebbe esserci una spiegazione biologica di base per questo risultato, che è più comune negli studi clinici di trattamenti psicologici e psichiatrici.

Suggeriscono che ulteriori ricerche sui benefici dell’effetto placebo nel caso di bambini autistici sarebbero benvenute.

Lo studio dovrebbe essere replicato su una scala più ampia

I ricercatori riconoscono inoltre che il loro studio, anche se getta più luce sui potenziali benefici dell’ossitocina nei trattamenti di precisione, dovrebbe essere replicato su una scala più ampia. Si affidano agli studi in corso presso il National Institutes of Health (NIH).

“Se le nostre scoperte sono replicate nell’ampio studio finanziato da NIH, allora potrei prendere in considerazione l’idea di effettuare misurazioni basali di ossitocina come parte della mia pratica clinica per cercare di determinare se i pazienti specifici risponderanno”, afferma il dott. Hardan.

Mette in guardia contro l’entusiasmo prematuro nei confronti delle valutazioni basali dell’ossitocina, ma incoraggia una ricerca sempre più dettagliata sull’argomento.

“A causa dell’eterogeneità del disturbo, dobbiamo iniziare a fare studi clinici per non vedere se ci sarà una risposta, ma più per vedere chi risponderà ai possibili trattamenti”, spiega.

Scopri come le mutazioni genetiche sono legate all’autismo.

Like this post? Please share to your friends: