Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Balbuzie: tutto ciò che devi sapere

La balbuzie, detta anche balbuzie, è un disturbo del linguaggio in cui un individuo ripete o prolunga parole, sillabe o frasi.

Una persona con una balbuzie (o balbuzie) può anche fermarsi durante la parola e non emettere suoni per determinate sillabe. In questo articolo, spieghiamo le cause della balbuzie, come viene diagnosticata e i trattamenti disponibili.

Fatti veloci sulla balbuzie

Ecco alcuni punti chiave sulla balbuzie. Maggiori dettagli e informazioni di supporto sono nell’articolo principale.

  • La balbuzie colpisce più ragazzi che ragazze.
  • In alcuni casi, la balbuzie blocca completamente un individuo dalla produzione di un suono.
  • Per una diagnosi ufficiale l’individuo incontrerà un logopedista.
  • Molti bambini con una balbuzie ne escono.
  • A volte, una balbuzie può essere il risultato di una ferita alla testa.

Cos’è la balbuzie?

Donna sussurrando

Tutti noi abbiamo la capacità, può accadere durante un colloquio di lavoro stressante, parlando ai servizi di emergenza al telefono o durante una presentazione a una grande folla.

La balbuzie è comune quando i bambini stanno imparando a parlare ed è stimata cinque volte più comune nei ragazzi rispetto alle ragazze. Tuttavia, la maggior parte dei bambini cresce. Il disturbo del linguaggio colpisce meno dell’1% di tutti gli adulti.

Per alcuni, tuttavia, il problema persiste e richiede qualche tipo di aiuto professionale, come la logopedia.

I sintomi della balbuzie

Una persona che balbetta spesso ripete parole o parti di parole e tende a prolungare certi suoni del parlato. Possono anche trovare più difficile iniziare alcune parole. Alcuni possono diventare tesi quando iniziano a parlare, possono battere rapidamente le palpebre e le loro labbra o mascelle possono tremare mentre cercano di comunicare verbalmente.

Secondo l’American Speech-Language-Hearing Association, alcune persone che balbettano appaiono estremamente tese o senza fiato quando parlano. Il loro discorso può essere completamente “bloccato” (fermato).

“Bloccato” è quando le loro bocche sono nella posizione giusta per pronunciare la parola, ma praticamente nessun suono viene fuori. Questo potrebbe durare diversi secondi. A volte, viene pronunciata la parola desiderata, o vengono utilizzate interiezioni per ritardare l’inizio di una parola che l’oratore sa causare problemi. Esempi di interiezioni includono parole come “um”, “mi piace”, “voglio dire”, “bene” o “umm”.

Segni e sintomi comuni associati alla balbuzie:

  • Problemi che iniziano una parola, una frase o una frase.
  • Esitazione prima che certi suoni debbano essere pronunciati.
  • Ripetizione di un suono, parola o sillaba.
  • Alcuni suoni del parlato possono essere prolungati.
  • Il discorso può uscire a scatti.
  • Le parole con certi suoni sono sostituite con altre (circonlocuzione).

Inoltre, quando si parla ci può essere:

  • lampeggio rapido
  • labbra tremanti
  • toccando il piede
  • una mascella tremante
  • la faccia e / o la parte superiore del corpo si stringono

Diagnosi di balbuzie

Alcuni aspetti della balbuzie sono ovvi per tutti, mentre altri non lo sono. Per avere una diagnosi completa e affidabile, il paziente deve essere esaminato da un logopedista (SLP).

Il SLP noterà i tipi di problemi che l’individuo ha quando parla e con quale frequenza si verificano i problemi. Viene anche valutato come la persona affronta la balbuzie.

L’SLP può eseguire alcune altre valutazioni, come la frequenza del parlato e le abilità linguistiche, in base all’età e alla storia del paziente. L’SLP analizzerà tutti i dati e determinerà se esiste un disturbo della fluenza. Se ce n’è uno, lo SLP determinerà fino a che punto il disturbo influisce sulla capacità del paziente di funzionare e prendere parte alle attività quotidiane.

È fondamentale cercare di prevedere se la balbuzie di un bambino diventerà a lungo termine. Questo può essere fatto abbastanza accuratamente con l’aiuto di una serie di test, osservazioni e interviste.

Le valutazioni per i bambini più grandi e gli adulti sono finalizzate a misurare la gravità del disturbo e quale impatto ha sulla capacità della persona di comunicare e funzionare in modo appropriato nelle attività quotidiane.

Cause di balbuzie

Gli esperti non sono completamente sicuri di ciò che causa la balbuzie. Sappiamo che qualcuno con una balbuzie ha molte più probabilità di avere un parente stretto che ne ha uno, rispetto ad altre persone. I seguenti fattori possono anche innescare / causare la balbuzie:

Balbuzie evolutiva

Quando i bambini imparano a parlare, spesso balbettano, soprattutto quando le loro abilità linguistiche e di linguaggio non sono ben sviluppate. La maggior parte dei bambini sperimenta sempre meno sintomi mentre questa fase evolutiva progredisce fino a quando non riescono a parlare fluentemente.

Balbuzie neurogena

Questo è quando i segnali tra cervello e nervi e muscoli della parola non funzionano correttamente. Questo può influenzare i bambini e può anche colpire gli adulti dopo un ictus o qualche lesione cerebrale. Quanto segue può causare la balbuzie neurogena:

  • ictus
  • trauma alla testa
  • attacchi ischemici – blocco temporaneo del flusso di sangue al cervello
  • tumori
  • malattie degenerative, come il morbo di Parkinson
  • meningite

Fattori psicologici

Donna sicura nella riunione d'affari

Si credeva che le ragioni principali della balbuzie a lungo termine fossero psicologiche. Fortunatamente, non è più così.

Tuttavia, i fattori psicologici possono peggiorare la balbuzie per le persone che già balbettano.

Per esempio, lo stress, l’imbarazzo e l’ansia possono rendere la balbuzie più pronunciata; ma non sono generalmente visti come la causa sottostante.

In altre parole, l’ansia, la bassa autostima, il nervosismo e lo stress non causano balbuzie; piuttosto, sono il risultato di vivere con un problema di linguaggio stigmatizzato, che a volte può peggiorare i sintomi.

Fattori di rischio balbuzie

Storia familiare – molti bambini che hanno una balbuzie che persiste oltre lo stadio evolutivo del linguaggio hanno un parente stretto che balbetta.Se un bambino piccolo ha una balbuzie e anche un parente stretto che balbetta, le loro possibilità di continuare a parlare di questo disturbo sono molto maggiori.

L’età in cui inizia la balbuzie – un bambino che inizia a balbettare prima dei 3,5 anni ha meno probabilità di balbettare più tardi nella vita. Prima inizia la balbuzie, meno è probabile che continui a lungo termine.

Tempo trascorso dall’inizio della balbuzie: circa tre quarti di tutti i bambini piccoli che balbettano smetteranno di farlo entro 1 o 2 anni senza logopedia.

Più a lungo continua la balbuzie, più è probabile che il problema diventi a lungo termine senza un aiuto professionale (e anche con un aiuto professionale).

Il sesso – la balbuzie a lungo termine è quattro volte più comune tra i ragazzi rispetto alle ragazze. Gli esperti ritengono che ci possano essere ragioni neurologiche per questo, mentre altri incolpano il modo in cui i membri della famiglia reagiscono alla balbuzie dei ragazzini rispetto alla balbuzie delle bambine. Tuttavia, nessuno è veramente sicuro di quale sia la ragione.

Cerco aiuto per balbettare

Gli esperti dicono che i genitori dovrebbero prendere in considerazione di visitare il loro medico quando:

  • La balbuzie del bambino è persistita per oltre 6 mesi.
  • Quando la balbuzie si verifica più frequentemente.
  • Quando è accompagnato da tensione dei muscoli del viso e della parte superiore del corpo.
  • Quando interferisce con il lavoro scolastico del bambino.
  • Quando causa difficoltà emotive, come la paura di luoghi o situazioni.
  • Quando persiste dopo che il bambino ha 5 anni.

The Stuttering Foundation of America consiglia i genitori il cui bambino ha balbettato per alcune settimane per non allarmarsi e per aspettare e vedere. La Fondazione sottolinea che attendere un paio di mesi non sembra influenzare il modo in cui il bambino potrebbe rispondere al trattamento in seguito.

Trattamenti per balbuzie

Una buona valutazione (diagnosi) è vitale, in quanto determina quale potrebbe essere il miglior trattamento. I trattamenti per le persone che balbettano tendono ad essere mirati a insegnare alle persone le abilità, le strategie e i comportamenti che aiutano la comunicazione orale. Questo può includere:

Terapia modellante fluente

Controllo della frequenza del discorso di monitoraggio – questo potrebbe comportare la pratica di un discorso scorrevole e fluente a velocità molto bassa, utilizzando frasi e frasi brevi. Alla persona viene insegnato ad allungare le vocali e le consonanti. Con la pratica, la persona può parlare ad alta velocità e con frasi e frasi più lunghe.

Controllo della respirazione – mentre il paziente pratica un discorso prolungato, apprende anche come regolare la respirazione.

Terapia di modificazione della balbuzie

Lo scopo qui è di modificare la balbuzie in modo che sia più facile e richiede meno sforzo, piuttosto che eliminarlo. Questa terapia funziona secondo il principio che se l’ansia fa peggiorare la balbuzie, ridurre lo sforzo necessario allevierà la balbuzie.

Dispositivi elettronici di fluenza

Alcuni pazienti rispondono bene a questo tipo di trattamento, ma altri no. Questo utilizza il cosiddetto effetto di feedback uditivo alterato. Un auricolare riecheggia la voce dell’oratore in modo che sentano che stanno parlando all’unisono con qualcun altro. In alcune persone, questo può alleviare la balbuzie.

Parlando con qualcuno che balbetta

Le persone che non sono abituate a parlare con qualcuno con una balbuzie potrebbero non essere sicuri su come rispondere.

A volte, l’ascoltatore distoglie lo sguardo ogni volta che balbetta la balbuzie, o cerca di aiutare completando le parole o le frasi mancanti – o semplicemente per cercare di evitare le persone che balbettano del tutto.

È importante ricordare che una persona che balbetta è interessata a comunicare come tutti gli altri. L’attenzione dovrebbe essere sul tema dell’altoparlante e delle informazioni che stanno cercando di trasmettere, piuttosto che su come suona.

Un balbuziente è molto consapevole di come sia il loro modo di parlare; sanno fin troppo bene che possono impiegare più tempo per pronunciare frasi. In effetti, questa consapevolezza a volte peggiora la balbuzie.

È importante che l’ascoltatore trasmetta una sensazione di pazienza, calma e pace. Un ascoltatore impaziente, o un ascoltatore che sembra impaziente, può rendere più difficile per un balbuziente parlare. Cercare di riempire gli spazi vuoti (ad esempio, pronunciare le parole mancanti) è spesso un tentativo di aiutare, ma può essere percepito dal balbuziente come impazienza.

Dire al balbuziente di rilassarsi, o fare un respiro profondo, può avere intenzioni utili, ma potrebbe accentuarne ancora di più (potrebbe essere d’aiuto, però). La balbuzie non è semplice da superare e di solito non può essere facilmente risolta con alcuni respiri profondi.

Se non sei veramente sicuro di come comportarti, e stai parlando con una persona che balbetta e nessun altro è in giro, potrebbe essere utile chiedere loro quale sarebbe il modo migliore per rispondere.

Like this post? Please share to your friends: