Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Barbe che combattono i batteri: come i peli del viso potrebbero aiutare ad affrontare la resistenza agli antibiotici

Lo scorso maggio, uomini barbuti in tutto il paese stavano raggiungendo i loro rasoi dopo la notizia che i loro adorati peli sul viso probabilmente contengono tanto materiale fecale quanto un gabinetto. Ma una nuova ricerca suggerisce che questo non è il caso. Infatti, a sorpresa, sembra che la barba di un uomo possa aiutare a combattere la resistenza agli antibiotici.

[Un uomo che si accarezza la barba

Sì, hai letto bene. Che un uomo abbia un “Van Dyke”, un “tendine del mento” o un “pizzetto”, quei capelli facciali amorevolmente stilizzati potrebbero essere la chiave per lo sviluppo di nuovi antibiotici.

Le affermazioni provengono da un team guidato dal Dr. Adam Roberts, un microbiologo dell’University College London (UCL) nel Regno Unito, che ha passato gli ultimi anni a cercare di scoprire nuovi farmaci che potrebbero superare la resistenza ai farmaci – un problema che è diventato un importante preoccupazione per la salute pubblica.

Ogni anno, più di 2 milioni di persone negli Stati Uniti sviluppano infezioni resistenti agli antibiotici e più di 23.000 persone muoiono a causa di tali infezioni.

La resistenza agli antibiotici è diventata un tale problema in tutto il mondo che nel 2014 l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato che siamo diretti verso una “era post-antibiotica”, in cui le infezioni una volta curabili potrebbero diventare pericolose per la vita.

Mentre il miglioramento della prescrizione di antibiotici e l’uso di antibiotici sono importanti per affrontare la resistenza ai farmaci, c’è un altro ostacolo che deve essere superato: lo sviluppo di nuovi antibiotici.

La necessità di nuovi antibiotici

Negli ultimi decenni c’è stato un forte declino nella ricerca e nella produzione di nuovi antibiotici. Ad esempio, un rapporto del 2004 della Infectious Diseases Society of America ha rivelato che l’approvazione della FDA (Food and Drug Administration) per i nuovi antibiotici è diminuita del 56% tra il 1998-2002.

Inoltre, di 89 nuovi farmaci approvati dalla FDA nel 2002, nessuno di questi era nuovo antibiotico.

La mancanza di nuovi antibiotici significa che abbiamo usato gli stessi farmaci per combattere le infezioni batteriche per anni, dando ai batteri un sacco di tempo per evolversi e sviluppare resistenza a questi farmaci.

“Quello che abbiamo fatto come specie umana è fondamentalmente rivestire il mondo di antibiotici con il nostro uso eccessivo e inappropriato. Quindi, abbiamo selezionato per questi meccanismi di resistenza nei batteri, quindi è per questo che stiamo vedendo il problema che noi Stiamo vedendo ora “, ha detto il dottor Roberts.

Pertanto, produrre nuovi antibiotici è un obiettivo chiave per i ricercatori, e il dottor Roberts e il suo team ritengono che qualcosa di semplice come i peli del viso possa aiutare a raggiungere questo obiettivo.

Le barbe contengono davvero cacca?

Affrontiamolo. Le barbe non hanno esattamente la migliore reputazione quando si tratta di igiene, e questa reputazione è stata in gran parte alimentata da uno studio pubblicato lo scorso anno che suggerisce che la barba di un uomo sia sporca come un gabinetto.

Nello studio – condotto per il sito di notizie – il microbiologo John Golobic, di Quest Diagnostics nel New Mexico, i colleghi hanno prelevato casualmente un certo numero di barbe e scoperto la presenza di batteri intestinali che si trovano normalmente nelle feci.

Brevi fatti sulle barbe

  • Barbe crescono in media 5,5 pollici all’anno
  • Un uomo con la barba ha in media 30.000 baffi in faccia
  • Se un uomo non si rasava mai, la sua barba raggiungeva una lunghezza media di 27,5 piedi.

Anche se Golobic ha detto che la maggior parte dei batteri nella barba è improbabile che causi malattia, ha descritto i risultati come “un po ‘preoccupanti”.

“Ci sarebbe un grado di impurità che sarebbe un po ‘inquietante”, ha aggiunto, sottolineando che se una città avesse scoperto campioni simili all’interno di un sistema idrico, avrebbe dovuto essere chiuso per la disinfezione.

Mentre è probabile che i risultati abbiano causato la rasatura di molti uomini, alcuni ricercatori hanno affermato che non vi era alcuna sostanza nei risultati, osservando che la maggior parte dei batteri identificati nello studio si trovano anche sulla nostra pelle.

“Non è problematico e non è un rischio per la salute”, ha detto il prof. Hugh Pennington, professore emerito di batteriologia all’Università di Aberdeen nel Regno Unito.

In effetti, ricerche precedenti hanno suggerito che i peli facciali di un uomo potrebbero effettivamente proteggerli dalle infezioni resistenti ai farmaci.

In uno studio pubblicato nel 2014, i ricercatori hanno analizzato i volti di 408 operatori sanitari con e senza peli sul viso. Hanno scoperto che quelli con peli facciali avevano meno probabilità di essere colonizzati con (MRSA) – una specie batterica che è resistente alla maggior parte degli antibiotici ed è una delle principali cause di infezioni associate all’assistenza sanitaria.

E tenendo conto della recente ricerca condotta dal Dr. Roberts e colleghi, sembra che le barbe potrebbero effettivamente essere un giocatore chiave nella lotta contro la resistenza agli antibiotici.

I batteri della barba hanno ucciso una forma di farmaco resistente

Per lo studio – condotto come parte della mostra britannica “Trust Me, I’m a Doctor” – il dottor Roberts e colleghi hanno tamponato le barbe di 20 uomini per le strade di Londra.

Dai campioni, i ricercatori sono riusciti a far crescere più di 100 ceppi di batteri nell’arco di un periodo di 4 settimane; i batteri consistevano principalmente di specie che si trovano sulla pelle.

[E. batteri coli]

Hanno identificato tracce di un batterio chiamato che è presente nell’intestino tenue, ma osservano che questo non significa necessariamente che sia venuto dalla materia fecale.

Successivamente, hanno testato i batteri contro ceppi indicatori di batteri resistenti ai farmaci.

“Quello che facciamo è scavare i singoli batteri su una piastra di agar che è stata pre-inoculata con un ceppo indicatore”, ha spiegato il dott. Roberts. “E poi vediamo se quel ceppo indicatore può crescere fino alle singole colonie dalla barba o da qualsiasi altra parte di cui abbiamo questi batteri”.

I ricercatori sono stati sorpresi di scoprire che circa un quarto dei batteri cresciuti dai campioni di barba erano in grado di uccidere i ceppi indicatori, “dimostrando che essi stessi producono effettivamente antibiotici”, secondo il dott. Roberts.

In particolare, il team ha scoperto che un batterio cresciuto dai campioni della barba chiamato efficacemente attaccato e ucciso una forma di farmaco resistente.

I ricercatori dicono che è possibile che proprio mentre alcuni batteri si sono evoluti per sviluppare la resistenza ai farmaci, altri batteri si sono evoluti per produrre tossine che possono uccidere le specie resistenti ai farmaci.

“Quando si ottiene un ambiente competitivo come una barba dove ci sono molti batteri diversi, combattono per le risorse alimentari e lo spazio, quindi producono cose come gli antibiotici”, ha detto il dott. Roberts.

Non aspettatevi di essere prescritti antibiotici ispirati alla barba ancora

Questi risultati non solo dovrebbero fornire rassicurazione agli uomini preoccupati per l’igiene della barba, ma suggeriscono anche che molti uomini potrebbero andare in giro con la cura contro la resistenza agli antibiotici nella loro peluria facciale.

Tuttavia, è probabile che ci vorrà molto tempo prima che i medici prescrivano antibiotici ispirati alla barba per le infezioni batteriche.

Produrre e testare un nuovo antibiotico richiede molto tempo, è complesso e costoso e, secondo il dott. Brad Spellburg, professore associato di medicina presso l’Università della California a Los Angeles (UCLA), non è economicamente ragionevole per le aziende farmaceutiche.

“[…] gli antibiotici sono terapie di breve durata, e le aziende sanno che faranno molti più soldi vendendo un farmaco che devi prendere ogni giorno per il resto della tua vita”, ha detto in una newsletter pubblicata dall’Alleanza per l’uso prudente degli antibiotici (APUA).

Inoltre, la maggior parte dei tentativi di sviluppare nuovi antibiotici sono falliti, il che potrebbe ostacolare le speranze di andare avanti con quest’ultima scoperta.

“Gli schermi dei farmaci per i nuovi antibiotici tendono a riscoprire gli stessi composti di piombo più e più volte”, ha affermato il dott. Spellburg. “Ci sono stati più di 100 agenti antibatterici sviluppati per l’uso negli esseri umani negli Stati Uniti dai sulfonamidi.Ogni nuova generazione che è venuta da noi ha alzato il livello di ciò che è necessario per scoprire e sviluppare la prossima generazione”.

Tuttavia, il dottor Roberts e il suo team continuano ad essere entusiasti delle loro scoperte e hanno persino ampliato le loro ricerche per isolare i batteri da altre fonti che possono uccidere ceppi resistenti ai farmaci.

“Abbiamo altri campioni da tutto il paese, dai trampolini per bambini, ai frigoriferi, ai gatti”, ha detto il dottor Roberts. “Ora abbiamo una selezione di circa 50 diversi batteri che possono uccidere più ceppi di indicatori”.

Egli osserva che questi ceppi indicativi comprendono, MRSA e.

“Quindi stiamo concentrando i nostri sforzi ora per scoprire esattamente cosa producono questi batteri, perché c’è solo una piccola possibilità che potrebbe essere un nuovo antibiotico”.

Like this post? Please share to your friends: