Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Batteri dell’intestino legati al cancro del sistema immunitario, linfoma

Gli scienziati dicono di aver scoperto che i batteri specifici trovati nell’intestino sono i principali fattori che contribuiscono al linfoma, un tumore dei globuli bianchi nel sistema immunitario.

I ricercatori del Jonsson Comprehensive Cancer Center (JCCC) dell’Università della California a Los Angeles (UCLA), hanno studiato topi con atassia-telangiectasia (AT), una malattia genetica che è associata ad un alto tasso di linfoma a cellule B nell’uomo e topi. Il loro studio è pubblicato in

L’intestino umano ha circa 100 trilioni di cellule batteriche di oltre 1.000 specie diverse, dicono i ricercatori. Aggiungono che il microbioma di ogni persona (la composizione batterica del corpo) è diverso a causa degli effetti della dieta e dello stile di vita e della fonte infantile di batteri.

Da questo, gli scienziati hanno voluto vedere se le differenze nei microbiomi delle persone avrebbero influito sul loro rischio di sviluppare il linfoma e se la modifica dei batteri potesse ridurre questo rischio.

I risultati furono che i topi che avevano un certo tipo di batteri intestinali vivevano molto più a lungo prima di sviluppare il linfoma rispetto a quelli con altri tipi di batteri, e avevano anche meno della genotossicità (danno genetico) che causa il linfoma.

Robert Schiestl – professore di patologia e medicina di laboratorio, scienze della salute ambientale e oncologia delle radiazioni – dice:

“Questo studio è il primo a mostrare una relazione tra il microbiota intestinale e l’insorgenza del linfoma.

Dato che il microbiota intestinale è un tratto potenzialmente modificabile, questi risultati rappresentano una promessa considerevole per l’intervento del linfoma a cellule B e di altre malattie. “

Dallo studio, i ricercatori sono stati in grado di creare un catalogo di tipi di batteri che hanno “effetti promuoventi o protettivi sul linfoma di genotossicità”. Dicono che questo potrebbe portare alla creazione di terapie combinate che potrebbero espandere i batteri protettivi del cancro mentre uccidono i batteri che promuovono il cancro.

Il linfoma è un cancro che ha origine nelle cellule del sistema immunitario chiamate linfociti. Esistono due tipi di linfoma: linfoma di Hodgkin (noto anche come malattia di Hodgkin) e linfoma non Hodgkin (NHL). Secondo l’American Cancer Society, l’NHL è uno dei tumori più comuni negli Stati Uniti, con 1 su 50 americani a rischio di sviluppare la malattia.

Questo studio è l’ultimo ad offrire potenziali sviluppi nel trattamento e nella prevenzione del linfoma. Ad esempio, uno studio condotto da ricercatori in Canada ha scoperto un composto chimico che blocca la proteina BCL6, che si trova a causare il cancro in circa la metà di tutti i casi di linfoma non-Hodgkin.

Like this post? Please share to your friends: