Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Batteri della bocca legati al cancro esofageo

Un’analisi dei microbi campionati dalla bocca di oltre 120.000 persone ha scoperto che due tipi di batteri che portano a malattie gengivali sono anche legati a un rischio più elevato di cancro esofageo.

la bocca e la lingua di una donna

Lo studio – condotto dal Perlmutter Cancer Center della NYU Langone Health a New York, NY – rivela anche che alcuni tipi di batteri della bocca sono collegati a un minor rischio di cancro esofageo.

Riferendosi alla rivista, i ricercatori osservano che hanno escluso i potenziali effetti del fumo, dell’alcool e dell’indice di massa corporea (BMI) quando hanno analizzato i dati.

Ricercatore senior dello studio Jiyoung Ahn, professore associato ed epidemiologo presso la NYU School of Medicine, ritiene che i risultati ci porteranno più vicino alla definizione delle cause del cancro esofageo.

Dice che questo è “perché ora sappiamo che almeno in alcuni casi la malattia appare coerentemente legata alla presenza di specifici batteri nel tratto digerente superiore”.

“Urgente bisogno” di nuove strategie di prevenzione

Il tumore esofageo è un tumore che inizia nelle cellule dell’esofago, il tubo del tessuto muscolare che sposta il cibo dalla bocca allo stomaco e che viene comunemente indicato come tubo del cibo o esofago.

La malattia rappresenta circa l’1% di tutti i tumori diagnosticati negli Stati Uniti, dove ogni anno circa 16.440 persone scoprono di avere la malattia e ne subiscono 15.690. Il cancro è più comune negli uomini che nelle donne.

Poiché il rivestimento dell’esofago ha due tipi principali di cellule, ci sono due tipi principali di cancro esofageo: adenocarcinoma esofageo (EAC) e carcinoma a cellule squamose esofagee (ESCC). Il nuovo studio ha studiato sia EAC che ESCC.

Sfortunatamente, poiché la maggior parte delle persone non scopre di avere il cancro esofageo fino a quando la malattia non è avanzata, solo tra il 15-25% di loro sopravvive per più di 5 anni.

“Il cancro esofageo è un cancro altamente mortale”, afferma il prof. Ahn, “e vi è un’urgente necessità di nuove vie di prevenzione, stratificazione del rischio e diagnosi precoce”.

Microbiota orale e collegamenti al cancro

La bocca umana ospita centinaia di specie di batteri e altri organismi monocellulari. Questi “microbioti orali” occupano vari habitat in bocca, come gengive, denti, tonsille, lingua, guance e palati.

Gli studi hanno dimostrato che la composizione del microbiota orale cambia con diverse abitudini – come l’uso di alcool pesante, il fumo e la dieta – e anche in risposta a malattie come la gomma (o la malattia parodontale) e il reflusso gastrico.

Esistono anche prove che alcuni tipi di microbiota orale che causano malattie gengivali sono collegati al cancro della testa e del collo.

Il prof. Ahn e colleghi osservano che – principalmente come risultato di studi che utilizzano dati da un punto nel tempo – esiste una visione di lunga data che la composizione del microbiota orale influenza il rischio di sviluppare EAC ed ESCC.

Ma il nuovo studio, che ha seguito pazienti sani per un decennio, è il primo a identificare, tra centinaia di tipi diversi, quali specifici batteri della bocca sono collegati al rischio di EAC e ESCC.

Alcuni batteri aumentano il rischio di cancro esofageo

Per la loro analisi, il team ha analizzato il microbiota in campioni di lavaggio orale prelevati da più 122.000 persone che hanno preso parte a due studi nazionali. I partecipanti sono stati seguiti per 10 anni, durante i quali i ricercatori hanno notato chi sviluppava il cancro esofageo.

Il team ha confrontato le informazioni genetiche del microbiota orale – i “microbiomi orali” – dei partecipanti che hanno sviluppato il cancro esofageo con quello di partecipanti equivalenti che non hanno sviluppato la malattia.

Hanno scoperto che la presenza di era legata a un rischio più elevato di EAC e che “abbondanza” di era legata a un rischio più elevato di ESCC.

Al contrario, hanno anche identificato due tipi di batteri – – che erano collegati a un minor rischio di cancro esofageo.

Il secondo di questi, è noto per svolgere un ruolo nella decomposizione delle sostanze tossiche nel fumo di tabacco e si trova in maggiore abbondanza nelle cavità orali dei non fumatori rispetto ai fumatori.

“Il nostro studio indica che imparare di più sul ruolo del microbiota orale può potenzialmente portare a strategie per prevenire il cancro esofageo, o almeno per identificarlo nelle fasi precedenti.”

Prof. Jiyoung Ahn

Like this post? Please share to your friends: