Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Benefici per la salute dell’antiossidante del vino rosso messo in discussione nello studio

Il resveratrolo è un antiossidante che si trova nell’uva, nel vino rosso, nelle arachidi, nel cioccolato e in alcune bacche, ed è stato accreditato un gran numero di benefici per la salute in vari studi. Ora, tuttavia, un gruppo di ricerca presenta risultati che mettono in discussione se tali benefici provengano dal composto.

I ricercatori, guidati dal Dr. Richard D. Semba della Johns Hopkins University School of Medicine, pubblicano i loro risultati a.

recentemente riportato su uno studio in cui i ricercatori hanno affermato di aver identificato un meccanismo alla base di come il resveratrolo conferisce benefici per la salute come la prevenzione delle malattie cardiache e alcuni tipi di cancro.

I ricercatori di tale studio hanno affermato che il resveratrolo blocca l’interleuchina 6 (IL-6), una proteina del sistema immunitario che può scatenare l’infiammazione.

Per anni, il mondo occidentale si è meravigliato del cosiddetto paradosso francese, che indica la bassa incidenza di malattia coronarica in quella popolazione nonostante il loro alto contenuto di colesterolo e la dieta ricca di grassi saturi. Questo è stato attribuito al loro consumo regolare di vino rosso, con i suoi alti livelli di resveratrolo e altri polifenoli.

Ma questo recente studio, che ha valutato un ampio gruppo di italiani – che consumano una dieta ricca di resveratrolo – ha scoperto che non vivono più a lungo e hanno le stesse probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari o cancro come individui che consumano quantità minori del composto.

“La storia del resveratrolo si rivela essere un altro caso in cui si ottiene un sacco di clamore sui benefici per la salute che non sopporta la prova del tempo”, afferma Dr Semba. “Il pensiero era che certi cibi ti fanno bene perché contengono resveratrolo, ma non l’abbiamo trovato affatto.”

‘Il resveratrolo dietetico non influenza l’infiammazione, il cancro o la longevità’

Vino rosso

Il team ha utilizzato dati su 783 uomini e donne di età superiore ai 65 anni che facevano parte dello studio Aging in the Chianti Region dal 1998 al 2009, al fine di valutare se i livelli di resveratrolo dalla dieta fossero collegati a infiammazione, cancro, malattie cardiovascolari e morte .

Hanno misurato questi livelli usando la spettrometria di massa per analizzare campioni di urina nelle 24 ore che cercavano prodotti di degradazione del resveratrolo.

Dopo 9 anni di follow-up, i ricercatori hanno registrato che il 34,3% dei partecipanti è deceduto, il 27,2% ha sviluppato nuovi casi di malattie cardiovascolari e il 4,6% ha sviluppato nuovi casi di cancro.

I risultati hanno mostrato che la concentrazione di resveratrolo non era collegata a marcatori infiammatori, malattie cardiovascolari o tassi di cancro.

E anche dopo aver considerato fattori come l’età e il sesso, il team conclude che coloro con la più alta concentrazione di metaboliti del resveratrolo non hanno meno probabilità di morire per nessuna causa, rispetto a quelli senza resveratrolo nelle urine.

I ricercatori concludono il loro studio scrivendo:

“In conclusione, questo studio prospettico su quasi 800 anziani adulti residenti in comunità non mostra alcuna associazione tra metaboliti del resveratrolo urinario e longevità.Questo studio suggerisce che il dietetico resveratrolo da diete occidentali in adulti anziani residenti in comunità non ha un’influenza sostanziale sull’infiammazione, cardiovascolare malattia, cancro o longevità “.

Nonostante i risultati, altri risultati mostrano benefici da vino, cioccolato e frutti di bosco

Gli investigatori dicono che il loro studio è il primo grande studio epidemiologico osservazionale per valutare il legame tra il resveratrolo urinario dall’apporto alimentare e gli esiti di salute negli esseri umani.

La forza della loro ricerca risiede nel campionamento basato sulla popolazione e nei criteri rigorosi per la valutazione delle malattie croniche nei partecipanti. Inoltre, la loro misurazione di più biomarcatori per l’infiammazione e gli alti tassi di follow-up aumentano i punti di forza dello studio.

I partecipanti allo studio non stavano assumendo integratori di resveratrolo, dice il team, aggiungendo:

“Sebbene le vendite annuali di integratori di resveratrolo abbiano raggiunto solo $ 30 milioni negli Stati Uniti, vi sono dati clinici umani limitati e in conflitto che dimostrano i benefici metabolici del resveratrolo”.

Ma nonostante il loro studio abbia dato risultati negativi, la dott.ssa Semba osserva che altri studi hanno dimostrato che consumare vino rosso, cioccolato fondente e frutti di bosco ha effetti protettivi per il cuore e riduce l’infiammazione in certe persone.

“È solo che i benefici, se ci sono, devono provenire da altri polifenoli o sostanze presenti in quei prodotti alimentari”, aggiunge. “Questi sono cibi complessi e tutto ciò che sappiamo dal nostro studio è che i benefici non sono probabilmente dovuti al resveratrolo”.

Nel 2013, uno studio condotto da ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università del Missouri ha suggerito che il resveratrolo potrebbe aiutare a curare diversi tipi di cancro.

Like this post? Please share to your friends: