Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Bere cambia la tua personalità? Non così tanto, suggerisce lo studio

Sia che usiamo l’alcol come scusa per un cattivo comportamento o semplicemente pensiamo che siamo molto più divertenti quando beviamo, molti di noi sembrano credere che la nostra personalità cambia drasticamente quando siamo ubriachi. Tuttavia, nuove ricerche suggeriscono che questo non è il caso.

[donna che beve whisky]

I ricercatori dell’Università del Missouri in Colombia hanno deciso di esaminare fino a che punto il bere altera la nostra personalità.

Il nuovo studio – pubblicato sulla rivista – suggerisce che bere non cambia il nostro comportamento in modo così drammatico come pensiamo.

Il primo autore dello studio è la scienziata psicologica Rachel Winograd, dell’Università del Missouri-St. Louis e del Missouri Institute of Mental Health.

Winograd e colleghi hanno raccolto 156 partecipanti ai quali è stato chiesto di compilare un sondaggio che descriveva i loro modelli di consumo tipici e hanno riferito su come percepiscono le loro personalità “sobrie” e “ubriache”.

I partecipanti sono stati quindi invitati al laboratorio in gruppi di tre o quattro amici dello stesso sesso, in cui i ricercatori hanno effettuato misurazioni di etilometro al basale, oltre a misurazioni di peso e altezza. Un etilometro è un dispositivo che misura i livelli di alcol nel sangue usando il respiro di una persona.

Quindi, metà dei partecipanti ha consumato alcol per un periodo di 15 minuti. Hanno bevuto vodka e mixer in combinazioni su misura per il loro peso corporeo, progettato per aumentare la concentrazione di alcol nel sangue (BAC) a circa .09.

Secondo la National Highway Traffic Safety Administration, è illegale guidare attraverso gli Stati Uniti quando i livelli BAC sono pari a .08 o superiore, poiché questo è il livello ufficiale in cui i conducenti sono considerati in stato di ebbrezza.

Dopo 15 minuti, i gruppi hanno partecipato a una serie di divertenti attività volte a coinvolgere determinati tratti della personalità e mettere in evidenza comportamenti specifici.

I partecipanti hanno misurato le loro personalità in due punti durante lo studio, mentre gli osservatori esterni hanno registrato il loro comportamento in video. Le registrazioni furono poi utilizzate per effettuare valutazioni sulla personalità di ogni individuo.

La personalità non è cambiata molto secondo osservatori esterni

L’autovalutazione effettuata dai partecipanti ha confermato i soliti segni di ubriachezza. Secondo i partecipanti, il bere ha cambiato la propria personalità in tutti e cinque i tratti definiti dal classico modello Five Factor: nevroticismo, estroversione, gradevolezza, intelligenza e coscienziosità.

I partecipanti hanno riferito di sentirsi meno coscienziosi, meno aperti a nuove esperienze e meno gradevoli, mentre si sentivano più estroversi e più emotivamente stabili.

Tuttavia – e questa è la scoperta interessante dello studio – gli osservatori esterni hanno visto molte meno differenze tra le “personalità” sobrie e ubriache dei partecipanti. La valutazione degli osservatori e quella auto-riferita concordano su un solo aspetto: l’extraversion.

Coloro che consumavano alcol ricevevano punteggi più alti su tre sotto-aspetti dell’extraversion: gregaria, assertività e livelli di attività.

L’autore principale Rachel Winograd fornisce ulteriori dettagli sui risultati:

“Siamo stati sorpresi di trovare una tale discrepanza tra le percezioni dei bevitori delle loro personalità indotte dall’alcol e il modo in cui gli osservatori le hanno percepite.I partecipanti hanno riportato di aver sperimentato differenze in tutti i fattori del modello di personalità dei cinque fattori, ma l’extraversione è stato l’unico fattore percepito essere diversi tra i partecipanti in alcol e condizioni sobrie “.

Mentre lo studio non può spiegare la causa dei risultati trovati, gli autori ipotizzano che le discrepanze tra l’auto-percezione dei bevitori e la valutazione degli osservatori possano essere ridotte a una prospettiva diversa.

“Riteniamo che sia i partecipanti sia i valutatori siano accurati e imprecisi: i valutatori hanno riferito in modo affidabile ciò che era visibile a loro e i partecipanti hanno sperimentato cambiamenti interni che erano reali per loro ma impercettibili per gli osservatori”, spiega Winograd.

Il primo autore dello studio condivide anche alcune delle loro indicazioni per la ricerca futura:

“Certo, ci piacerebbe anche vedere questi risultati replicati al di fuori del laboratorio – nei bar, alle feste e nelle case in cui le persone effettivamente bevono, ma soprattutto abbiamo bisogno di vedere come questo lavoro è più rilevante nella clinica regno e può essere efficacemente incluso negli interventi per aiutare a ridurre qualsiasi impatto negativo dell’alcol sulla vita delle persone “.

Scopri come il vino può proteggere i tuoi neuroni.

Like this post? Please share to your friends: