Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Bere più caffè può allontanare la sclerosi multipla

Se stai cercando di ridurre le tue sei tazze di caffè al giorno, ripensaci. La ricerca pubblicata indica che le proprietà neuroprotettive e antinfiammatorie della caffeina possono ridurre il rischio di sviluppare la sclerosi multipla.

[caffè]

L’Istituto Nazionale di Malattie Neurologiche e Ictus (NINDS) descrive la sclerosi multipla (SM) come “una malattia imprevedibile del sistema nervoso centrale”, i cui sintomi possono andare da abbastanza benigni a devastanti. La SM interrompe la comunicazione tra il cervello e il resto del corpo.

Il caffè contiene oltre 1.000 composti biologicamente attivi, tra cui lo stimolante del sistema nervoso centrale (SNC), la caffeina. Le proprietà neuroprotettive della caffeina possono sopprimere la produzione di sostanze chimiche coinvolte nella risposta infiammatoria.

Precedenti studi hanno associato un’elevata assunzione di caffè con tassi più bassi di malattie cardiovascolari (CVD), ictus e diabete di tipo 2. Nei modelli animali del morbo di Alzheimer, la caffeina ha contribuito a proteggere dalle perdite di barriera sangue-cervello.

Due studi sulla popolazione rappresentativa hanno fornito dati per la ricerca corrente.

La dott.ssa Anna Hedström, dell’Istituto di medicina ambientale, Karolinska Institutet di Stoccolma, Svezia, e colleghi hanno confrontato 1.620 adulti svedesi con SM con 2.788 soggetti sani, abbinati per età e sesso.

Negli Stati Uniti, i team della Johns Hopkins University di Baltimora, MD, l’Università della California-Berkeley e la Kaiser Permanente Division of Research di Oakland, in California, hanno confrontato 1.159 persone con SM con 1.172 partecipanti sani.

Sei tazze al giorno legate al 31% di rischio inferiore di SM

In entrambi gli studi, i partecipanti hanno fornito informazioni sul loro consumo di caffè.

I partecipanti svedesi hanno quantificato la loro dose giornaliera abituale in tazze di età diverse, da 15-19 anni fino a 40 anni e oltre.

Nello studio statunitense, i partecipanti hanno fornito informazioni sul loro consumo giornaliero massimo. Chi ha bevuto una o più tazze ha anche ricordato a che età hanno iniziato a bere caffè regolarmente.

Fatti veloci sulla SM

  • Circa 400.000 persone vivono con SM negli Stati Uniti
  • Ci sono circa 10.000 nuove diagnosi ogni anno
  • La SM colpisce soprattutto i bianchi e le donne sono più inclini degli uomini.

Ulteriori informazioni su MS

I ricercatori hanno quindi stimato il consumo di caffè a e prima dell’inizio dei sintomi in quelli con SM e hanno confrontato i risultati con quelli dei gruppi sani.

C’era un rischio costantemente più elevato di SM tra coloro che bevevano meno caffè ogni giorno in entrambi gli studi, anche dopo aver aggiustato per fattori come il fumo e il peso durante l’adolescenza.

Nello studio svedese, il consumo di caffè era correlato a un minor rischio di SM sia all’inizio dei sintomi sia 5-10 anni prima. Coloro che hanno consumato oltre sei tazze (900 ml +) al giorno hanno avuto un rischio inferiore del 28-30%.

Lo studio statunitense ha rivelato una riduzione del rischio del 26-31% tra coloro che hanno bevuto oltre 948 ml al giorno almeno 5 anni prima e all’inizio dei sintomi, rispetto a quelli che non hanno mai bevuto caffè.

I risultati indicano che più il consumo di caffè consuma, minore è il rischio di sclerosi multipla.

Gli autori avvertono che non è possibile confermare un legame causale, poiché si trattava di uno studio osservazionale.

“Il ruolo del caffè garantisce ulteriori indagini”

Le limitazioni includono la possibilità che i pazienti con SM abbiano cambiato il loro consumo di caffè un po ‘di tempo tra la ricezione di una diagnosi e la fornitura delle informazioni, influenzando potenzialmente i risultati. I partecipanti potrebbero anche non aver ricordato il loro consumo di caffè con precisione.

Gli effetti potrebbero anche essere dovuti ad un altro componente chimico del caffè piuttosto che alla caffeina. Il team richiede ulteriori ricerche.

Le loro scoperte supportano quelle dei precedenti studi sugli animali sulla SM, e rafforzano le prove esistenti che la caffeina protegge da malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

In un editoriale collegato, la dott.ssa Elaine Kingwell e il dott. José Maria Andreas Wijnands, della facoltà di medicina dell’Università della British Columbia a Vancouver, in Canada, sottolineano incongruenze negli studi precedenti, ma esprimono la speranza che una migliore comprensione della SM l’eziologia può portare a nuove terapie per la SM.

Loro scrivono:

“Anche se rimane da dimostrare se bere caffè può impedire lo sviluppo della SM, i risultati di queste analisi approfondite si aggiungono alla crescente evidenza degli effetti benefici del caffè sulla salute. […] Il ruolo del caffè nello sviluppo della SM chiaramente garantisce ulteriori indagini, così come i meccanismi che sono alla base della relazione “.

I ricercatori osservano che mentre i risultati non confermano che il consumo di caffè può prevenire la SM, essi aggiungono alla crescente evidenza che il caffè può essere buono per la salute.

A gennaio, sono stati riportati risultati che suggeriscono che il trapianto di cellule staminali potrebbe aiutare le persone con SM.

Like this post? Please share to your friends: