Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Bevande energetiche legate all’epatite in un nuovo caso studio

La maggior parte di noi ha consumato bevande energetiche a un certo punto o in un altro, a causa di una scadenza incombente o durante una divertente nottata. Anche se le bevande energetiche sono spesso percepite come innocue, un nuovo case report collega le bevande al danno epatico, dopo che un uomo precedentemente in buona salute ha sviluppato un’epatite dal consumarne troppe.

[due lattine di bevande energetiche blu]

Negli Stati Uniti, la maggior parte delle bevande energetiche viene consumata da giovani maschi tra i 18 ei 34 anni. Quasi un terzo degli adolescenti tra i 12 ei 17 anni consuma regolarmente bevande energetiche, secondo il Centro nazionale per la salute complementare e integrativa (NCCIH).

Tra il 2007-2011, negli Stati Uniti il ​​numero di visite al pronto soccorso legate alle bevande energetiche è raddoppiato. Le principali preoccupazioni riguardano l’uso combinato di bevande energetiche con l’alcol, il che porta ad un eccessivo consumo di bevande alcoliche.

Per quanto riguarda il contenuto di una bevanda energetica, si ritiene che la caffeina e lo zucchero costituiscano la più grande minaccia per la salute dei consumatori.

Secondo un nuovo caso clinico, tuttavia, potrebbe esserci qualcosa nelle bevande energetiche che può causare danni al fegato.

Il rapporto descrive un uomo di 50 anni che è stato ricoverato in ospedale per epatite acuta. Secondo quanto riferito, il paziente aveva consumato da quattro a cinque bevande energetiche al giorno per più di 3 settimane.

Questo è un evento molto raro; c’è solo un altro caso, in cui una donna di 22 anni ha sviluppato un’epatite acuta dal consumare bevande energetiche in eccesso.

L’uomo ha consumato da quattro a cinque bevande energetiche ogni giorno per 3 settimane

Questo ultimo caso – riportato dalla dottoressa Jennifer Nicole Harb dell’Università della Florida, College of Medicine e colleghi – è stato pubblicato sulla rivista.

L’uomo era in precedenza in buona salute. Non ha riportato cambiamenti nella sua dieta o consumo di alcol, né stava prendendo alcuna prescrizione o farmaci da banco. Inoltre, non aveva consumato droghe illecite e non aveva mai avuto malattie epatiche nella sua famiglia.

Tuttavia, per 3 settimane prima del ricovero, aveva iniziato a consumare bevande energetiche per tenere il passo con il suo pesante carico di lavoro come operaio edile.

Dopo il periodo di 3 settimane, ha iniziato a sviluppare sintomi come malessere generale, anoressia, dolore addominale acuto, nausea e vomito. Il paziente si allarmò quando questi sintomi furono accompagnati da ittero e urine scure.

Niacina in eccesso da incolpare per epatite acuta

Dopo l’esame, è stato rivelato che il numero di enzimi chiamati transaminasi era elevato, il che indica danni al fegato. Una biopsia epatica rivelò un’epatite acuta e anche i medici trovarono evidenza di infezione cronica da epatite C.

“Sebbene al paziente sia stato riscontrato infezione da HCV [virus dell’epatite C], non pensavamo che l’HCV fosse responsabile della sua epatite acuta”, citano i medici nel rapporto.

I medici proseguono spiegando che l’epatite acuta era molto probabilmente indotta dall’assunzione eccessiva di vitamina B3, nota anche come niacina.

Il paziente ha consumato circa 160-200 milligrammi di niacina al giorno, che è il doppio della dose giornaliera raccomandata.

Sebbene questi livelli di niacina non dovrebbero causare tossicità, sono simili a quelli riportati nell’unico altro caso di epatite associata a bevande energetiche. Lì, la donna aveva consumato 300 milligrammi di niacina al giorno, che era, al momento, la dose più bassa riportata per causare tossicità alla niacina.

Nel caso del nuovo paziente, i sintomi sono stati risolti dal terzo giorno di ospedalizzazione, dopo un’attenta osservazione e trattamento.

Ha interrotto l’uso di bevande energetiche ed è stato consigliato di evitare prodotti simili che contengono vitamina B3 in futuro.

Integratori alimentari e tossicità epatica

Quasi il 50% dei casi di insufficienza epatica negli Stati Uniti è causato da danno epatico indotto da farmaci (DILI), secondo il caso clinico.

Gli autori del case study sottolineano che gli integratori alimentari e vegetali possono essere dannosi per il fegato, nonostante i loro ingredienti naturali. Circa 23.000 visite al dipartimento di emergenza ogni anno riguardano gli integratori alimentari.

Sebbene vitamine e integratori alimentari siano stati riconosciuti come epatotossici, continuano ad essere ignorati da pazienti e medici allo stesso modo, avvertono gli autori. Ciò è dovuto al malinteso comune che, poiché hanno “ingredienti naturali”, devono essere innocui.

La maggior parte delle volte il trattamento primario per DILI consiste semplicemente nell’arrestare l’assunzione della sostanza che causa la lesione e nell’attesa che il fegato si normalizzi. Il recupero di solito avviene in pochi giorni.

Un caso come quello pubblicato potrebbe allertare i medici sugli effetti dannosi delle bevande energetiche e aiutarli a eliminare la causa dell’epatite più rapidamente e in modo più efficace. Si spera che i dottori tratteranno tali casi più prontamente e non ignoreranno più i possibili effetti negativi che vitamine, integratori e prodotti correlati possono avere sul fegato.

I medici raccomandano che i pazienti debbano essere istruiti sui rischi di tossicità epatica coinvolti nel consumo di bevande energetiche.

Gli autori aggiungono:

“Poiché il mercato delle bevande energetiche continua a espandersi rapidamente, i consumatori devono essere consapevoli dei potenziali rischi dei loro vari ingredienti.Le vitamine e i nutrienti, come la niacina, sono presenti in quantità che superano di gran lunga l’assunzione giornaliera raccomandata, prestando il loro alto rischio per accumulo e tossicità dannose. “

Leggi gli effetti negativi che le bevande energetiche possono avere per il cuore.

Like this post? Please share to your friends: