Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

Biopsia della prostata: cosa aspettarsi

Il cancro alla prostata è una forma molto comune di cancro per gli uomini. È più comune negli uomini di età superiore ai 50 anni, ma può svilupparsi in qualsiasi momento durante la vita di un uomo.

Il cancro alla prostata è spesso lento a crescere e diffondersi. I sintomi possono non apparire fino a quando il tumore non si trova nelle sue fasi più avanzate.

La diagnosi precoce può aiutare a prevenire il cancro alla prostata entrando nelle fasi più avanzate. Una biopsia della prostata è l’unico mezzo efficace per diagnosticare il cancro alla prostata.

Questo articolo affronta alcune delle domande che un uomo potrebbe voler chiedere prima di fare una biopsia prostatica.

Cosa succede in una biopsia della prostata?

[illustrazione di una ghiandola prostatica]

Durante la procedura, il medico inserisce una sonda ad ultrasuoni nel retto per creare un’immagine della ghiandola prostatica. La prostata si trova proprio sull’altro lato della parete rettale.

Usando l’immagine ecografica come guida, il medico rimuove diversi campioni dalla prostata con uno strumento a molla.

Il dispositivo colpisce rapidamente un ago attraverso la parete rettale nella prostata e rimuove i minuscoli nuclei cilindrici delle cellule. In genere, una biopsia rimuove circa 10-12 campioni di nucleo, di solito cinque o sei da ciascun lato della prostata.

In alcuni casi, un medico può decidere che è necessario un campione più ampio. In questi casi, il medico esegue una biopsia di “saturazione”, che raccoglie da 20 a 30 campioni, a volte di più.

L’intera procedura richiede circa 20 minuti. Dopo la biopsia, i medici possono suggerire che gli uomini assumono un antibiotico per prevenire l’infezione.

Un’altra procedura chiamata biopsia transperineale consiste nel fare un piccolo taglio tra l’ano e lo scroto. L’ago per biopsia viene inserito attraverso il taglio e nella prostata ed estrae un campione di tessuto. Il medico probabilmente userà un’ecografia per guidare la procedura.

Come preparare

[dottore prepara un'iniezione]

La preparazione varierà in base alle raccomandazioni del medico.

Ecco alcuni modi generali per preparare la biopsia della prostata:

  • Smettere di prendere qualsiasi farmaco che aumenta il rischio di sanguinamento. Farmaci come warfarin, ibuprofene, aspirina e alcuni integratori a base di erbe devono essere sospesi diversi giorni prima della procedura.
  • I campioni di urina possono essere richiesti per testare l’infezione del tratto urinario. Se è presente un’infezione, la biopsia verrà posticipata fino alla scomparsa dell’infezione.
  • Un medico può ordinare un clistere a casa prima della biopsia.
  • I medici possono prescrivere antibiotici che le persone dovrebbero prendere prima della biopsia per aiutare a prevenire le infezioni dalla procedura.

Gli uomini dovrebbero anche prepararsi a ricevere i risultati della biopsia. Le persone dovrebbero scoprire il più possibile leggendo sul cancro alla prostata e facendo domande sui passi successivi in ​​caso di diagnosi di cancro.

Prima della procedura, i medici di solito forniscono un elenco dettagliato delle istruzioni da seguire per gli uomini. Se una persona ha delle domande, è anche meglio chiederle prima che la biopsia abbia luogo.

Come si sente una biopsia della prostata?

Nella maggior parte dei casi, un medico somministrerà un’iniezione anestetica nella ghiandola prostatica prima della procedura. Nonostante l’intorpidimento dell’anestetico, un uomo può ancora sentire un pizzicotto mentre l’ago perfora la ghiandola.

La maggior parte degli uomini riferisce di sentire solo un lieve o moderato disagio durante la procedura, ma alcuni uomini avvertono un dolore molto più grande.

In seguito, come con qualsiasi procedura invasiva, può esserci persistente tenerezza e disagio mentre le ferite da puntura guariscono.

Rischi e complicazioni

Come con qualsiasi procedura invasiva, ci sono alcuni rischi coinvolti. I fattori di rischio più comuni comprendono l’infezione e il sanguinamento. Altri rischi includono il sangue nello sperma o nelle urine, il disagio nella zona della chirurgia per alcuni giorni e difficoltà a urinare.

Per aiutare a prevenire ulteriori complicazioni dopo la biopsia, gli uomini dovrebbero prestare attenzione a questi segni:

  • sanguinamento prolungato o intenso
  • febbre
  • difficoltà a urinare
  • peggioramento del dolore

Un uomo dovrebbe contattare il proprio medico se si verifica uno di questi sintomi, in quanto potrebbe essere presente un’infezione.

Altri test per il cancro alla prostata

Un medico è in grado di eseguire test di screening prima di una biopsia per aiutare a determinare se una biopsia è addirittura necessaria.

Anche se la comunità medica non concorda pienamente sui benefici dello screening di tutti gli uomini, il consiglio generale è che gli over 50 ricevano esami di routine per verificare la presenza di cancro alla prostata.

I test di screening includono quanto segue:

Esame rettale digitale (DRE)

Durante un DRE, il medico inserisce un dito guantato e lubrificato nel retto per esaminare la prostata.

Il medico prova anomalie nella struttura, nelle dimensioni o nella forma. Eventuali anomalie possono richiedere ulteriori test per determinare la presenza di cancro.

Test antigene prostatico specifico (PSA)

Per il PSA, un medico estrae un campione di sangue da una vena nel braccio dell’uomo.

Il PSA è una sostanza prodotta dalla prostata. Un basso numero di PSA è normale, ma un numero più elevato può indicare un’infezione, un’infiammazione o un possibile cancro.

risultati

[medico che dà consigli a un paziente]

Dopo la biopsia, ulteriori esami ed esami effettuati in laboratorio aiuteranno il medico a determinare la velocità di crescita del cancro, la probabilità di diffusione e il miglior trattamento da seguire.

Uno dei modi più comuni per valutare il tipo di cancro che può essere presente è l’applicazione del punteggio Gleason, che classifica il cancro in una delle cinque categorie distinte.

Per classificare la biopsia, un medico esamina il tessuto al microscopio e determina quali due aree del campione hanno la più alta concentrazione di cellule tumorali. Assegnano quindi a ciascuno di questi campioni un valore di 1 – 5.

Aggiungendo i due valori insieme si ottiene il punteggio di Gleason. Più basso è il punteggio, meno avanzato è il cancro.

prospettiva

Le prospettive per un uomo dipendono dai risultati della biopsia e da altri test.Alcuni dei principali fattori che influenzano le prospettive generali per un uomo includono:

  • stadio del cancro
  • se il cancro si è diffuso
  • il punteggio di Gleason
  • l’età dell’uomo
  • altre condizioni di salute

Per il carcinoma della prostata in stadio 1 in cui il tumore non si è diffuso al di fuori della prostata, i medici di solito raccomandano un trattamento che consiste nella sorveglianza attiva per uomini giovani e anziani.

Gli uomini più giovani, tuttavia, possono eventualmente scegliere di sottoporsi a trattamenti più aggressivi. Gli uomini più anziani possono decidere di non trattare il carcinoma della prostata in stadio 1 in quanto il trattamento può causare complicazioni con altre condizioni di salute.

Per il cancro alla prostata in stadi più avanzati o che si è diffuso oltre la prostata, gli uomini probabilmente subiranno opzioni di trattamento più aggressive al momento della diagnosi.

Come per i tumori di stadio 1, un medico può aiutare a prendere la decisione su come trattare il cancro in base all’età e alla salute generale dell’uomo.

Se il cancro alla prostata viene diagnosticato nelle fasi iniziali, la possibilità di sopravvivere almeno altri 5 anni è quasi del 100%.

Like this post? Please share to your friends: