Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: [email protected]

Bioterrorismo: dovremmo essere preoccupati?

“Armi biologiche”. La frase da sola potrebbe inviare brividi lungo la spina dorsale. Ma cosa sono? Come funzionano? E siamo davvero a rischio? In questo Spotlight, esaminiamo la loro storia e il potenziale futuro.

Illustrazione di Biowarfare sotto i cieli colorati

Talvolta noti come “guerra batteriologica”, le armi biologiche implicano l’uso di tossine o agenti infettivi di origine biologica. Questo può includere batteri, virus o funghi.

Questi agenti sono usati per neutralizzare o uccidere esseri umani, animali o piante come parte di uno sforzo bellico.

In effetti, la guerra biologica sta usando la vita non umana per interrompere – o porre fine – la vita umana. Poiché gli organismi viventi possono essere imprevedibili e incredibilmente resilienti, le armi biologiche sono difficili da controllare, potenzialmente devastanti su scala globale e proibite globalmente in base a numerosi trattati.

Certo, i trattati e le leggi internazionali sono una cosa – e la capacità dell’umanità di trovare modi innovativi per uccidersi a vicenda è un’altra.

Guerra biologica: i primi giorni

La storia della guerra biologica è lunga, il che ha senso; la sua distribuzione può essere un affare lo-fi, quindi non c’è necessità di componenti elettrici, la fusione nucleare, o di grado razzo in titanio, per esempio.

Un primo esempio ci riporta indietro di oltre 2 millenni e mezzo: gli assiri hanno infettato i pozzi del nemico con un fungo di segale cornuta, che contiene sostanze chimiche correlate all’LSD. Il consumo dell’acqua contaminata produceva uno stato mentale confuso, allucinazioni e, in alcuni casi, la morte.

Nel 1300, i guerrieri tartari (mongoli) assediarono la città di Kaffa in Crimea. Durante l’assedio, molti tartari morirono per mano della peste e i loro corpi senza vita e infetti furono lanciati sulle mura della città.

Alcuni ricercatori ritengono che questa tattica potrebbe essere stata responsabile della diffusione della peste della Morte Nera in Europa. Se così fosse, questo uso precoce della guerra biologica causò la morte di circa 25 milioni di europei.

Questo è un primo esempio della portata potenziale della guerra biologica, dell’imprevedibilità e della terrificante semplicità.

Avanzando verso il 1763, l’esercito britannico ottenne l’uso del vaiolo come arma contro i nativi americani all’assedio di Fort Pitt. Nel tentativo di diffondere la malattia alla gente del posto, gli inglesi hanno presentato le coperte di un ospedale per il vaiolo come regali.

Anche se ora sappiamo che questo sarebbe un modo relativamente inefficace per trasmettere il vaiolo, l’intento era lì.

Durante la seconda guerra mondiale, molte delle parti coinvolte hanno esaminato la guerra biologica con grande interesse. Gli alleati costruirono strutture in grado di produrre in massa spore di antrace, brucellosi e tossine del botulismo. Per fortuna, la guerra finì prima che venissero usati.

Furono i giapponesi a fare il maggior uso di armi biologiche durante la seconda guerra mondiale, mentre tra gli altri terrificanti attacchi indiscriminati, l’aeronautica militare giapponese sganciò bombe di ceramica piene di pulci che portavano la peste bubbonica a Ningbo, in Cina.

La seguente citazione proviene da un documento sulla storia della guerra biologica.

“L’esercito giapponese ha avvelenato oltre 1.000 pozzi d’acqua nei villaggi cinesi per studiare epidemie di colera e tifo. […] Alcune delle epidemie che hanno causato persistono per anni e hanno continuato a uccidere più di 30.000 persone nel 1947, molto tempo dopo i giapponesi si erano arresi. “

Dr. Friedrich Frischknecht, professore di parassitologia integrativa, Università di Heidelberg, Germania

Bioterrorismo: preoccupazioni moderne

I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) definiscono il bioterrorismo come “il rilascio intenzionale di virus, batteri o altri germi che possono ammalare o uccidere persone, bestiame o colture”.

Incidente del bioterrorismo

Questo può essere ottenuto in diversi modi, come ad esempio: spray per aerosol; in dispositivi esplosivi; via cibo o acqua; o assorbito o iniettato nella pelle.

Poiché alcuni agenti patogeni sono meno robusti rispetto ad altri, il tipo di agente patogeno utilizzato definirà il modo in cui può essere distribuito.

L’utilizzo di tali armi detiene un certo fascino per i terroristi; possono potenzialmente causare gravi danni, ma sono anche abbastanza economici da produrre rispetto ai missili o ad altre apparecchiature hi-tech.

Inoltre, essi possono essere “esplodere”, e, a causa del lungo tempo che ci vuole per loro di diffondere e rendere effettive, v’è abbondanza di tempo per l’autore di fuggire inosservato.

Le armi biologiche possono essere difficili da controllare o prevedere in una situazione di campo di battaglia, poiché vi è un rischio sostanziale che le truppe su entrambe le parti siano interessate. Tuttavia, se un terrorista è interessato ad attaccare un bersaglio distante come un solitario, il bioterrorismo comporta un rischio molto minore per la persona.

Antrace

Gli esperti ritengono che oggi, l’organismo più probabile da utilizzare in un attacco di bioterrorismo sarebbe, i batteri che causano l’antrace.

È ampiamente presente in natura, facilmente prodotto in laboratorio e sopravvive a lungo nell’ambiente. Inoltre, è versatile e può essere rilasciato in polvere, spray, acqua o cibo.

L’antrace è stato usato prima. Nel 2001, le spore di antrace furono inviate attraverso il sistema postale degli Stati Uniti. In tutto, 22 persone hanno contratto l’antrace – cinque dei quali sono morti. E il colpevole non è mai stato catturato.

Vaiolo

Un altro potenziale agente del bioterrorismo è il vaiolo, che, a differenza dell’antrace, può diffondersi da persona a persona. Il vaiolo non è più una malattia preoccupante nel mondo naturale – perché gli sforzi di vaccinazione concertata lo hanno cancellato – e l’ultimo caso di diffusione naturale si è verificato nel 1977.

Tuttavia, se qualcuno dovesse accedere al virus del vaiolo (che è tuttora conservato in due laboratori – uno negli Stati Uniti e uno in Russia), potrebbe essere un’arma efficace, diffondendo rapidamente e facilmente tra le persone.

Peste

Abbiamo già menzionato l’uso della peste da parte dei tartari, centinaia di anni fa, ma alcuni credono che possa essere usato anche nel mondo moderno. è passato agli umani attraverso il morso di una pulce che si è nutrita di roditori infetti.

Una volta che un essere umano viene infettato, la malattia che ne deriva può evolvere in peste bubbonica, che è difficile da trasmettere tra gli umani e abbastanza facile da trattare con antibiotici, o – se l’infezione si diffonde ai polmoni – diventa una piaga polmonare, che si sviluppa rapidamente e non risponde bene agli antibiotici.

Un documento scritto sulla peste e il suo potenziale per l’uso nel terrorismo biologico dice:

“Data la presenza e la disponibilità di peste in tutto il mondo, la capacità di diffusione di massa e di aerosol, l’alto tasso di mortalità della peste polmonare e il potenziale di rapida diffusione secondaria, il potenziale uso della peste come arma biologica è di grande preoccupazione “.

Dr. Stefan Riedel, Dipartimento di Patologia, Baylor University Medical Center, Dallas, TX

Colera

Come una malattia gastrointestinale potenzialmente grave e talvolta mortale, il colera ha il potenziale per essere utilizzato nel bioterrorismo. Non si diffonde facilmente da persona a persona, quindi per essere efficace, dovrebbe essere aggiunto liberamente a una fonte d’acqua importante.

In passato, i batteri responsabili del colera, sono stati armati dagli Stati Uniti, dal Giappone, dal Sud Africa e dall’Iraq, tra gli altri.

tularemia

Alcuni considerano la tularemia, un’infezione causata dal batterio, come potenziale arma biologica. Provoca febbre, ulcerazioni, gonfiore delle ghiandole linfatiche e, a volte, polmonite.

Il batterio può causare l’infezione entrando attraverso le rotture della pelle o respirando nei polmoni. È particolarmente contagioso e solo un numero molto esiguo di organismi (fino a 10) deve entrare nel corpo per scatenare un grave attacco di tularemia.

Studiato dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale e accumulato negli Stati Uniti negli anni ’60, è resistente, in grado di sopportare basse temperature in acqua, fieno, carcasse in decomposizione e terreno umido per molte settimane.

Secondo il Johns Hopkins Center for Public Health Preparedness, “si prevede che la disseminazione di aerosol in un’area popolata causi l’improvvisa insorgenza di un gran numero di casi di malattia febbrile acuta, non specifica, a partire da 3 a 5 giorni dopo [. ..], con pleuropolmonite che si sviluppa in una proporzione significativa di casi. “

“Senza un trattamento antibiotico, il decorso clinico potrebbe progredire verso l’insufficienza respiratoria, lo shock e la morte”.

Quei patogeni sono una selezione abbreviata, ovviamente. Altri considerati come potenziali come armi biologiche includono brucellosi, febbre Q, monkeypox, encefaliti arbovirali, febbri emorragiche virali e enterotossina stafilococcica B.

Un futuro preoccupante?

Sebbene le armi biologiche siano vecchie come le colline (se non più vecchie), la tecnologia moderna porta nuove preoccupazioni. Alcuni esperti sono preoccupati per i recenti progressi nella tecnologia di modifica dei geni.

Illustrazione di editing genetico

Se utilizzati per il bene, gli strumenti più recenti possono fare miracoli. Tuttavia, come con la tecnologia più all’avanguardia, c’è sempre il rischio di un uso improprio.

Una tecnologia di editing genetico chiamata CRISPR ha innescato campane d’allarme nella comunità di difesa; la tecnologia consente ai ricercatori di modificare i genomi, modificando facilmente le sequenze del DNA per alterare la funzione del gene.

Nelle mani giuste, questo strumento ha il potenziale per correggere i difetti genetici e curare le malattie. Nelle mani sbagliate, tuttavia, ha il potenziale per il male.

La tecnologia CRISPR sta diventando più economica da gestire e quindi più accessibile agli individui inclini al bioterrorismo.

Un rapporto intitolato Worldwide Threat Assessment della U.S. Intelligence Community, scritto da James Clapper, direttore di National Intelligence, è stato pubblicato nel febbraio 2016. In esso, le funzioni di modifica genetica in un elenco di armi di distruzione di massa e proliferazione.

“Data l’ampia distribuzione, il basso costo e il ritmo accelerato di sviluppo di questa tecnologia a duplice uso”, spiega, “il suo uso intenzionale o non intenzionale potrebbe portare a conseguenze di vasta portata in termini economici e di sicurezza nazionale”.

“I progressi nell’editing del genoma nel 2015”, continua, “hanno obbligato gruppi di biologi europei e statunitensi di alto profilo a mettere in discussione la modifica non regolata della linea germinale umana (cellule rilevanti per la riproduzione), che potrebbero creare cambiamenti genetici ereditabili”.

Con le generazioni future di tecnologia simile a CRISPR e una conoscenza avanzata della genetica, non ci sarebbe alcuna fine teorica alla miseria che potrebbe essere causata. C’è il potenziale per creare ceppi di malattie resistenti ai farmaci, per esempio, o insetti protetti dai pesticidi, in grado di spazzare via il raccolto di base di un paese.

Per ora, tuttavia, altri metodi di bioterrorismo sono molto più semplici e più vicino alla mano, quindi è probabile che questo sia poco preoccupante per il prossimo futuro.

In effetti, per alleggerire l’atmosfera alla fine di un articolo piuttosto pesante, ricorda che chiunque vive negli Stati Uniti oggi ha molte più probabilità di essere ucciso in un attacco di animali rispetto a un attacco terroristico, biologico o meno.

Like this post? Please share to your friends: