Gentili utenti! Tutti i materiali presenti sul sito consistono in traduzioni da altre lingue. Ci scusiamo per la qualità dei testi, ma confidiamo che possano essere di vostro gradimento. Cordialmente, l'Amministrazione del sito. La nostra e-mail: admin@itmedbook.com

BPCO: Tai Chi è un’alternativa valida al trattamento standard

Un nuovo studio pubblicato sulla rivista ha rivelato che l’antica arte marziale è efficace quanto la riabilitazione polmonare per il trattamento della broncopneumopatia cronica ostruttiva.

persone che praticano il tai chi

La broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è un termine collettivo usato per descrivere una serie di malattie respiratorie – tra cui enfisema, bronchite cronica e alcune forme di asma.

In tutto il mondo, si stima che la BPCO colpisca circa 251 milioni di persone, con 3,17 milioni di decessi annuali causati dalla condizione.

Negli Stati Uniti, circa 15,7 milioni di persone sono state diagnosticate con la malattia, ma il numero effettivo di persone che vivono con la condizione può essere significativamente più alto.

Non esiste ancora una cura per la BPCO, ma il trattamento può alleviare i sintomi e ridurre la probabilità di morire dalla malattia.

Il trattamento più comunemente prescritto per la BPCO è la riabilitazione polmonare, che è un programma che comprende vari interventi, come tecniche di respirazione, consigli nutrizionali ed esercizi di allenamento.

Il tai chi può sostituire la riabilitazione polmonare?

Tuttavia, per beneficiare della riabilitazione polmonare, i pazienti con BPCO necessitano di professionisti qualificati e di strutture speciali, che spesso rendono il trattamento costoso e abbastanza difficile da accedere.

L’antica pratica delle arti marziali del Tai Chi ha dimostrato di avere numerosi benefici per la salute. Non solo la pratica migliora l’equilibrio e la flessibilità negli anziani, ma gli studi hanno anche rivelato che la pratica può aiutare ad abbassare la pressione sanguigna e migliorare la salute del cuore.

Visti questi comprovati benefici, i ricercatori guidati dal Prof. Yuan-Ming Luo – del laboratorio chiave dello stato delle malattie respiratorie a Guangzhou, Cina – hanno ipotizzato che la pratica aiuterebbe anche a migliorare la salute respiratoria.

“Conoscendo i potenziali benefici del tai chi”, spiega il nuovo coautore dello studio, il Dr. Nan-Shan Zhong, “abbiamo ipotizzato che, nei pazienti trattati con farmaci per gestire i loro sintomi della BPCO, potrebbe contribuire a migliorare la qualità della vita rispetto a ad un corso di stile classico occidentale [riabilitazione polmonare]. “

Come sono stati testati gli effetti del Tai Chi

Per testare la loro ipotesi, il Prof. Luo e i suoi collaghi hanno valutato gli effetti del Tai Chi su 120 partecipanti cinesi che vivevano con BPCO ma non avevano mai usato un broncodilatatore.

Una volta che i partecipanti hanno iniziato a prendere l’indacaterolo, un farmaco comunemente prescritto per il trattamento della BPCO e di altre malattie respiratorie, sono stati divisi casualmente in gruppi che hanno ricevuto una riabilitazione polmonare tradizionale o un allenamento tai chi.

Ai partecipanti al gruppo del tai chi è stato insegnato il cosiddetto stile Yang di 24 forme, che hanno praticato per 5 ore ogni settimana per un periodo di 12 settimane.

Dopo queste 12 settimane, i partecipanti sono stati invitati a continuare la pratica per altre 12 settimane, se lo avessero voluto, e un’analisi finale è stata effettuata 12 settimane dopo il termine del periodo di formazione formale.

I ricercatori hanno valutato i risultati dei due interventi utilizzando il questionario respiratorio di Saint George (SGRQ), che è uno strumento standard utilizzato per misurare i risultati di salute in persone con malattie respiratorie.

Una ‘alternativa valida’ al trattamento standard

Il Prof. Luo riassume questi risultati, spiegando: “Il Tai Chi è un sostituto appropriato per [la riabilitazione polmonare]”.

“Sebbene nessuno dei due approcci formativi”, prosegue spiega, “differiva dall’altro per la differenza minima di quattro punti SGRQ alla fine di questo studio di 12 settimane, [dopo] altre 12 settimane dopo l’interruzione di formazione formale, sono emersi miglioramenti a favore del Tai Chi nel punteggio SGRQ. “

“Concludiamo che il tai chi è equivalente a [riabilitazione polmonare] e può conferire un beneficio più sostenuto”.

Prof. Yuan-Ming Luo

Anche il primo autore Michael I. Polkey, un ricercatore in malattie respiratorie presso l’Istituto nazionale per la ricerca sanitaria a Leicester, nel Regno Unito, commenta i risultati.

“Questo studio”, afferma, “dimostra che un intervento di esercizio a basso costo è equivalente alla riabilitazione polmonare formale, e questo può consentire di trattare un numero maggiore di pazienti”.

“L’attività fisica è fondamentale per ridurre i sintomi nella BPCO”, continua Polkey. “Raccomandiamo [riabilitazione polmonare], ma il nostro studio mostra che il tai chi è un’alternativa praticabile quando non esiste un servizio locale di riabilitazione polmonare.”

“Incoraggiamo”, conclude, “i fornitori di riabilitazione polmonare a prendere in considerazione l’idea di offrire il tai chi come terapia alternativa che i pazienti sarebbero quindi in grado di continuare senza supervisione nella propria casa”.

Like this post? Please share to your friends: